News

Chi guadagna 9 mila euro e ottiene un mutuo di 270 mila? Soumahoro

Chi guadagna 9 mila euro e ottiene un mutuo di 270 mila? Soumahoro

Chi guadagna 9 mila euro e ottiene un mutuo di 270 mila? Soumahoro

Pinuccio torna a occuparsi dell’ex sindacalista Aboubakar Soumahoro e in particolare dei molti dubbi sorti sul mutuo ottenuto dall’onorevole per comprarsi casa, 270 mila euro erogati a fronte di un reddito lordo piuttosto esiguo. L’onorevole eletto con Sinistra Italiana/Verdi, ora passato al Gruppo misto, aveva spiegato che per l’acquisto della casa a Roma, costata 360 mila euro nel 2022, aveva anticipato 90 mila euro, mentre i restanti 270 mila li aveva ottenuti con un mutuo concesso dalla banca sulla base delle garanzie relative alle sue dichiarazioni dei redditi: circa 9 mila euro quella presentata nel 2022, circa 24 mila quella dell’anno precedente.

L’ennesima affermazione dell’ex sindacalista che non convince: i conti non tornano

Ma come ha fatto una banca a concedere un mutuo a fronte di una dichiarazione dei redditi così bassa? Chiunque abbia avuto a che fare con le banche sa che non è per niente facile, anzi, è quasi impossibile, superare differenze così grandi tra le proprie entrate e la cifra che ci si impegna a restituire a rate.


L’inviato del tg satirico, rogito alla mano, ha scoperto una strategica coincidenza: la filiale della banca che ha erogato il mutuo è la stessa dove arrivavano i soldi delle raccolte fondi veicolate dalla piattaforma GoFundMe, sì, proprio quelli che anziché andare alla Lega Braccianti finivano direttamente sul conto corrente personale di Aboubakar Soumahoro.

Le domande a cui Aboubakar Soumahoro non risponde

Dallo scorso 25 ottobre Pinuccio sta cercando di intervistare l’onorevole Soumahoro per chiedergli spiegazioni sulle accuse che gli rivolgono i suoi vecchi compagni della Lega Braccianti e altri operatori sociali attivi nel settore dell’accoglienza. Ma finora si è sempre sottratto al confronto e il 10 gennaio ha diffuso via Internet un dossier di auto-difesa che però presenta molte lacune e contiene affermazioni discutibili.

Pinuccio le sta smontando una a una, ponendo domande e sottolineando i dubbi che il “dossier” solleva. Sempre in attesa del momento in cui l’ex sindacalista deciderà di accettare il confronto.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Aboubakar Soumahoro è un personaggio costruito a tavolino da alcuni maitre à penser della sinistra, in particolare dall'ex direttore dell'Espresso Marco Damilano e dal conduttore di Propaganda Live Diego Bianchi, noto come Zoro. Lo hanno detto in molti dopo lo scandalo che ha investito l'ex sindacalista e la sua famiglia. Striscia ora mostra in esclusiva un video girato al Festival del giornalismo di Perugia il 7 aprile 2019 in cui sono loro stessi ad ammetterlo

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: il parere degli italiani

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: ...

Gli onorevoli Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli - rispettivamente leader di Sinistra Italiana e dei Verdi - devono dimettersi dopo l'affaire Soumahoro, per non aver ascoltato i molti avvertimenti di chi aveva più di qualche perplessità sull'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. È questo il parere dei telespettatori di Striscia la notizia: favorevoli alle dimissioni il 97% di chi ha detto la sua sul sito

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni e Bonelli

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni ...

Prima che Verdi e Sinistra Italiana candidassero Aboubakar Soumahoro, qualcuno aveva avvertito Fratoianni e Bonelli su alcune ambiguità nell'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. Si tratta dell'ex senatrice 5 Stelle Elena Fattori, dei due esponenti pugliesi di Sinistra Italiana Marco Barbieri e Mario Nobile e Don Andrea Pupilla e del responsabile della Caritas di San Severo. Ecco la ricostruzione completa dei fatti