News

Milano, operazione anti salta-tornello: 250 multe in sei ore

Milano, operazione anti salta-tornello: 250 multe in sei ore

Milano, operazione anti salta-tornello: 250 multe in sei ore

Striscia la notizia ha inventato lo sport del salto del tornello in metropolitana, nuovo passatempo preferito di alcuni milanesi, alla pari o forse più del calcio. L’Atm, azienda dei trasporti milanese, risponde con la “marcatura a zona”, come scrive Sara Bernacchia sulle pagine locali di La Repubblica.

Il 17 gennaio 2023 ottanta controllori, con l’auto del personale di sicurezza e degli assistenti di stazione hanno chiuso tutti i varchi d’accesso della fermata Duomo – i famosi tornelli – poi i corridoi, le carrozze e alcune fermate, per fermare e multare chi non era in possesso del biglietto. Risultato: 8.000 controlli e 250 multe in sei ore.

È proprio vero che la marcatura a zona, se fatta bene, funziona. Capitan Ventosa ci aveva provato a spiegarlo ad alcuni salta-tornelli, che sarebbe stato meglio giocare a calcio.

L’Atm annuncia che l’operazione si ripeterà due volte la settimana anche in altre stazioni, ovvero Centrale, Garibaldi, Cadorna, Loreto. I controllori indossano giacche blu per farsi notare e scoraggiare così gli aspiranti saltatori di tornello.

A La Repubblica, il responsabile della “controlleria” dell’Atma ha detto che «dopo due anni in cui, a causa del Covid, non è stato possibile effettuare controlli, l’attitudine all’evasione è aumentata. La presenza di tanti controllori funge da deterrente, scoraggiando le infrazioni».

Dal 9 gennaio 2023 il prezzo del biglietto dei trasporti pubblici milanesi è aumentato, ora costa 2 euro e 20 centesimi. Ma anche quando costava solo 2 euro i salta-tornello non erano pochi, come documenta questo servizio di Capitan Ventosa del 2 giugno 2022.

Notizia importante, per chiudere: entro un paio d’anni le stazioni della metropolitana a Milano saranno dotate di tornelli di nuovo tipo, alti 1 metro e 80 e con allarme sonoro, in teoria impossibili da valicare senza biglietto. I salta-tornello riusciranno ancora a passare senza pagare?

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Bollette intestate a tua insaputa, occhio ai dati rubati

Bollette intestate a tua insaputa, occhio ai dati rubati

Capitan Ventosa oggi si occupa di un caso particolare, perché a fare la segnalazione è lui stesso. Svestiti i panni del supereroe giallo, infatti, ha ricevuto delle bollette a lui intestate a sua insaputa, che si riferiscono a un immobile in un'altra città non di sua proprietà. Com'è possibile? Qualcuno ha utilizzato i suoi dati personali per una voltura, riuscendo così a raggirare anche la compagnia di fornitura elettrica

Ali Express e le consegne fantasma

Ali Express e le consegne fantasma

Luca Abete ci parla di shopping online e in particolare della piattaforma Ali Express. Molti clienti infatti hanno avuto dei problemi con i loro ordini, che non sono mai arrivati, ma risultano regolarmente consegnati rendendo così impossibile la richiesta di rimborso. Il problema pare sia nelle indicazioni che l'azienda dà ai suoi fattorini. Il nostro inviato chiede quindi aiuto a Capitan Ventosa per chiedere spiegazioni ad Alibaba, azienda che gestisce Ali Express e che ha sede a Milano

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Capitan Ventosa si trova a San Benedetto Po (provincia di Mantova) per parlarci della curiosa situazione che riguarda due ponti limitrofi. Il primo, quello vecchio, è stato costruito negli anni Sessanta, ma chiuso ai mezzi pesanti perché giudicato poco sicuro; il secondo, quello nuovo, si ferma a metà strada, perché i 30 milioni stanziati dalla Regione coprivano la costruzione di metà struttura. Un problema che provoca non pochi disagi

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare nome

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare ...

Capitan Ventosa si trova a Isernia perché una madre esasperata dalle lungaggini burocratiche italiane ha chiesto il suo aiuto. Il figlio, infatti, nato in Polonia e ormai residente in Italia, ha voluto cambiare nome adattandolo all'italiano, ma mentre in Polonia la pratica è già stata evasa, lo stesso non è avvenuto in Italia. Dopo sei mesi di raccomandate e richieste, l'intervento di Striscia risolve il problema