News

Sprechi Rai, conti sempre più in rosso, ma con la gestione Salini sono arrivati anche 10 nuovi direttori

Sprechi Rai, conti sempre più in rosso, ma con la gestione Salini sono arrivati anche 10 nuovi direttori

Sprechi Rai, conti sempre più in rosso, ma con la gestione Salini sono arrivati anche 10 nuovi direttori

Nuovo appuntamento con “Rai Scoglio 24” (il canale di Striscia “dedicato” alla Rai) che con il suo inviato Pinuccio prosegue l’inchiesta sulla gestione della tv di Stato da parte dell’ad Fabrizio Salini.

Dopo la moltiplicazione dei vicedirettori – passati da 12 a 18, solo per Rai 1, Rai 2 a Rai 3 – ora i riflettori si accendono sui direttori. Nell’era Salini – contraddistinta dalla generosità e dai debiti – ne sono stati nominati ben 10, l’ultimo in ordine di tempo è Giuseppe Sangiovanni, diventato responsabile della Direzione Pubblica Utilità.

Nomine che arricchiscono un organigramma aziendale già pletorico e stipendi che “pesano” sui disastrati conti dell’azienda anche per i benefit che si portano dietro: oltre ad auto, ristoranti e autista, a ogni direttore Rai spetta un’assicurazione sanitaria che viene estesa anche ai familiari. Ciò che appare discutibile è il comportamento di Fabrizio Salini: con una mano spende e con l’altra firma lettere in cui si lamenta dei conti con i parlamentari della Commissione di Vigilanza.

Per comprendere al meglio la situazione delle casse di viale Mazzini, l’inviato di Striscia si è rivolto a un esperto, Marco Antonellis, giornalista che da anni si occupa di Rai: «I conti non sono affatto buoni. Quest’anno, il ministro Gualtieri dovrà metterci una pezza in legge di Bilancio, garantendo alla Tv di Stato 85 milioni di euro di extragettito».

Ma gli sprechi in Rai non riguardano solo le nomine di direttori e vicedirettori, ma anche canali creati, annunciati e mai lanciati, come Pinuccio ci ha spiegato in questo servizio.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Pinuccio indaga sulle raccolte fondi lanciate online dalla Lega Braccianti di Soumahoro con lo scopo dichiarato di aiutare chi vive nei ghetti. Sulla piattaforma di raccolta fondi GoFundMe si trovano tre campagne dell'associazione di Sumahoro: una per l'acquisto di cibo durante la pandemia, una per i regali di Natale ai bambini del Ghetto (dove non ci sono bambini) e la terza per organizzare uno sciopero. In tutto, sono stati raccolti così 280.000 euro. Peccato che i conti non tornino

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...