News

Taglio dell’Iva sugli assorbenti: Striscia si batte da quattro anni per la Tampon Tax con Rajae

Taglio dell’Iva sugli assorbenti: Striscia si batte da quattro anni per la Tampon Tax con Rajae

Taglio dell’Iva sugli assorbenti: Striscia si batte da quattro anni per la Tampon Tax con Rajae

La battaglia sulla tampon tax è (quasi) vinta in Italia. Tra i provvedimenti inseriti nella manovra 2022 c’è la riduzione dell’Iva per i tamponi e gli assorbenti femminili dal 22 al 10%. Era ora! Anche se la strada è ancora lunga per arrivare a considerarli beni di prima necessità (le mestruazioni non sono una scelta, no?), al pari di alcuni prodotti alimentari, per i quali l’imposta sul valore aggiunto è fissata al 4%.

Esulta Striscia la notizia, che con l’inviata Rajae Bezzaz si batte dal 2017 per la Tampon Tax con una campagna che ha visto coinvolti moltissimi personaggi del mondo dello spettacolo, dalla cultura e dello sport, fino ad arrivare alle più alte cariche dello Stato.
 
Ora il documento dovrà essere approvata dalla Commissione Europea e poi votato in Parlamento, dove gli uomini sono la maggioranza. Speriamo bene. La proposta della nostra Rajae: «Donne italiane, seguite l’esempio di Lisistrata nella commedia di Aristofane: sciopero del sesso fino all’entrata in vigore del taglio».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?