Carta d’identità impossibile, ma con una strana eccezione

Stefania Petyx ci parla degli infiniti tempi d'attesa per i cittadini palermitani che intendono richiedere la carta d'identità. Nonostante i 118 milioni di euro spesi per pagare i circa 5mila dipendenti, la situazione sembra irrecuperabile. Tranne in uno specifico ristretto lasso di tempo per cui - magicamente - non è necessaria la prenotazione

Stefania Petyx ci parla degli infiniti tempi d'attesa per i cittadini palermitani che intendono richiedere la carta d'identità. Nonostante i 118 milioni di euro spesi per pagare i circa 5mila dipendenti, la situazione sembra irrecuperabile. Tranne in uno specifico ristretto lasso di tempo per cui - magicamente - non è necessaria la prenotazione

29/09/2022

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti e gincane tra corsie e carreggiate

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti ...

Stefania Petyx si occupa di una piaga autostradale nota come la Catania-Palermo, un percorso di 200 km che ora è diventato il tratto per un'avventura di 5 ore. Infatti, dopo 40 anni, sono iniziati per l'autostrada (ormai anziana), i lavori per riqualificarla e renderla più funzionale. Peccato che siano iniziati improvvisamente e tutti insieme, così da far diventare la tratta ormai impercorribile, un videogame dalle mille deviazioni con problematiche come allagamenti e lunghe code

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla

Ciss di Enna, tutto tace (ancora)

Ciss di Enna, tutto tace (ancora)

Stefania Petyx si trova a Pergusa (Enna), per vedere a che punto si trovi il CISS, centro costruito negli anni Cinquanta che potrebbe ospitare 150 posti letto e per cui sono già state spese decine di migliaia di euro in lavori di recupero. Ad oggi, però, dopo 17 anni, è ancora tutto fermo e la vicenda è stata messa nelle mani dell'ingegnere Tuccio D'Urso, a capo della struttura commissariale per l'emergenza Covid, ma la fine lavori è tutta ancora da definire

Cinisi, l'assurda storia del casolare sequestrato ai Badalamenti

Cinisi, l'assurda storia del casolare sequestrato ai Badalamenti

Stefania Petyx si trova a Cinisi per parlarci nuovamente del casolare confiscato alla famiglia del boss mafioso Badalamenti e occupato abusivamente dal figlio, ricercato in Brasile per traffico di droga. Purtroppo, infatti, a causa di un errore burocratico nel processo di confisca, il casolare a breve tornerà nelle mani della famiglia Badalamenti nonostante lo Stato abbia speso più di 400mila euro per ristrutturarlo. Così, Jimmy Ghione ha incontrato a Roma il Presidente della Commissione ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?

Top 10 Video

tutti i video
Aboubakar Soumahoro, l’intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l’intervista esclusiva al direttore ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

use DateTime;