IN FONDO AL MAR…CON CAPITAN VENTOSA A VENTIMIGLIA

Capitan Ventosa ci mostra un mare da sogno dai Giardini botanici Hanbury di Ventimiglia (Imperia). Decide, quasi un novello Sebastian, di andare “in fondo al mar”. Lì , a Capo Mortola, trova prontissimo il sindaco, Dott. Ioculano, su una imbarcazione che lo invita ad esplorare appunto il fondale. Purtroppo esso è pieno di reti da pesca abbandonate , per lo più di plastica, che non solo aumentano l’inquinamento da plastica ma modificano pericolosamente il fondale , chiudendo anche buchi, future tane dei pesci. Che delusione! Speravamo di essere nel mare abitato dalla Sirenetta!

Capitan Ventosa ci mostra un mare da sogno dai Giardini botanici Hanbury di Ventimiglia (Imperia). Decide, quasi un novello Sebastian, di andare “in fondo al mar”. Lì , a Capo Mortola, trova prontissimo il sindaco, Dott. Ioculano, su una imbarcazione che lo invita ad esplorare appunto il fondale. Purtroppo esso è pieno di reti da pesca abbandonate , per lo più di plastica, che non solo aumentano l’inquinamento da plastica ma modificano pericolosamente il fondale , chiudendo anche buchi, future tane dei pesci. Che delusione! Speravamo di essere nel mare abitato dalla Sirenetta!

03/10/2018

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Bollette intestate a tua insaputa, occhio ai dati rubati

Bollette intestate a tua insaputa, occhio ai dati rubati

Capitan Ventosa oggi si occupa di un caso particolare, perché a fare la segnalazione è lui stesso. Svestiti i panni del supereroe giallo, infatti, ha ricevuto delle bollette a lui intestate a sua insaputa, che si riferiscono a un immobile in un'altra città non di sua proprietà. Com'è possibile? Qualcuno ha utilizzato i suoi dati personali per una voltura, riuscendo così a raggirare anche la compagnia di fornitura elettrica

Ali Express e le consegne fantasma

Ali Express e le consegne fantasma

Luca Abete ci parla di shopping online e in particolare della piattaforma Ali Express. Molti clienti infatti hanno avuto dei problemi con i loro ordini, che non sono mai arrivati, ma risultano regolarmente consegnati rendendo così impossibile la richiesta di rimborso. Il problema pare sia nelle indicazioni che l'azienda dà ai suoi fattorini. Il nostro inviato chiede quindi aiuto a Capitan Ventosa per chiedere spiegazioni ad Alibaba, azienda che gestisce Ali Express e che ha sede a Milano

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Capitan Ventosa si trova a San Benedetto Po (provincia di Mantova) per parlarci della curiosa situazione che riguarda due ponti limitrofi. Il primo, quello vecchio, è stato costruito negli anni Sessanta, ma chiuso ai mezzi pesanti perché giudicato poco sicuro; il secondo, quello nuovo, si ferma a metà strada, perché i 30 milioni stanziati dalla Regione coprivano la costruzione di metà struttura. Un problema che provoca non pochi disagi

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare nome

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare ...

Capitan Ventosa si trova a Isernia perché una madre esasperata dalle lungaggini burocratiche italiane ha chiesto il suo aiuto. Il figlio, infatti, nato in Polonia e ormai residente in Italia, ha voluto cambiare nome adattandolo all'italiano, ma mentre in Polonia la pratica è già stata evasa, lo stesso non è avvenuto in Italia. Dopo sei mesi di raccomandate e richieste, l'intervento di Striscia risolve il problema

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
LA PASSIONE PER I POLITICI DELLE SORELLE ISOARDI

LA PASSIONE PER I POLITICI DELLE SORELLE ISOARDI

Valeria Graci nelle vesti di Nelli, la sorella piccola della Isoardi , sull’onda del fidanzamento di Elisa con Matteo Salvini, confida il desiderio di fidanzarsi con un politico a Rotondi di Forza Italia, a Borghi della Lega, a Colaninno del Pd e a Fraccaro del Movimento 5 stelle e svela loro il suo grande amore: Danilo Toninelli. Decide così di cercarlo al telefono, ma lui non è a Palazzo Chigi. Nelli, affranta, gli lascia un sensuale messaggio!

UNA PALERMO PULITA A MACCHIA DI...PAPA

UNA PALERMO PULITA A MACCHIA DI...PAPA

Palermo è in fermento per l’arrivo di Papa Francesco. Stuoli di operatori ecologici rendono brillante la città. Ma il bassotto di Stefania Petyx è sospettoso e abbaia! Infatti ha ragione: l’immondizia, compresi gli ingombranti, è nascosta dietro l’angolo del previsto percorso del Papa. Stefania chiede spiegazioni ai palermitani che purtroppo sono rassegnati al finto miracolo. Insomma “Papa che non vede cuore che non duole”, conclude Stefania.

SOLO A PAGAMENTO...MI SCAPPA LA PIPI’

SOLO A PAGAMENTO...MI SCAPPA LA PIPI’

Chiara Squaglia ci aggiorna sulle toilette a pagamento nelle stazioni ferroviarie, che come ci conferma l’avv.Gargano, negano un diritto sancito per legge. Dopo la promessa di 8 mesi fa di Enza Spinali, responsabile relazioni esterne “ Grandi Stazioni Retail”, relativamente all’abolizione del pagamento negli esercizi commerciali delle stazioni per l’utilizzo delle toilette, nonostante la consumazione effettuata, Chiara verifica che ciò sia avvenuto. Né a Roma , né a Firenze, né a Milano nulla è cambiato: bisogna pagare un euro per fruire del bagno. Chiara torna all’attacco e al telefono la responsabile Spinali rinnova il suo impegno. Torneremo a verificare!

OCCHIO ALLE TRUFFE...SOPRATTUTTO IN AMORE

OCCHIO ALLE TRUFFE...SOPRATTUTTO IN AMORE

Da Torino Rajae Bezzaz ci informa di una orribile truffa.. sentimentale. Rajae parla con Jolanda Bonino, la presidente di A.C.T.A., che da truffata, con l’aiuto di altre attiviste, spesso ex vittime, tira fuori le malcapitate. Tutto avviene online. Spietati manipolatori si fingono innamoratissimi per poi spillare dei soldi alle “fidanzate”. Infatti i bastardi (così A.C.T.A li chiama), dopo aver instaurato un rapporto di fiducia con le vittime, richiedono prestiti (persino 50.000 euro) e una volta ottenuti svaniscono. Un sincero grazie A.C.T.A per l'ottimo lavoro di smascheramento degli sciacalli d’amore!

Giù i km su i prezzi

Giù i km su i prezzi

Max Laudadio, a Roma, dopo ampia ricerca appura il reato che riguarda le auto di seconda mano che vengono rivendute dopo aver subito generose riduzioni di chilometraggio, senza che l’acquirente ne sia informato. Max va alla ricerca di chiarimenti. Non trova nessuno disposto a parlare, anzi, per assurdo, in una sede i responsabili si barricano e chiamano in aiuto i carabinieri. A questo punto Max li informa delle macchine schilometrate e spera così in un intervento risolutivo.

Top 10 Video

tutti i video
Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina Denaro

Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina ...

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) in esclusiva le primissime immagini dell'aggressione subita da Stefania Petyx a Campobello di Mazara, ultimo covo del boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. L'inviata del tg satirico, in missione per chiedere ai cittadini un selfie contro la mafia, invece di ricevere solidarietà è stata insultata, minacciata e poi quasi investita da un motorino. Il servizio integrale andrà in onda nella puntata del 27 gennaio.

La metro di Milano invasa dalle borseggiatrici. E scoppia il far west

La metro di Milano invasa dalle borseggiatrici. E scoppia il ...

Anche grazie all'impunità garantita dalla riforma Cartabia, le "zanza" borseggiatrici sembrano aumentare a vista d'occhio nella metropolitana di Milano. Valerio Staffelli e le ragazze antiborseggio ne segue alcune e spintoni, insulti e dito medio. La situazione situazione esplosiva, come dimostra un video sconcertante girato da alcuni passeggeri, con scene di ordinaria violenza urbana: un uomo di origine araba blocca e immobilizza la borseggiatrice che ha appena derubato una ...

Chi è davvero il gran capo di BagniStar?

Chi è davvero il gran capo di BagniStar?

Max Laudadio torna a indagare su Bagni Star, la società che promette di ristrutturare i bagni in una settimana e che poi conclude i lavori dopo mesi oppure - come molti segnalatori hanno fatto sapere a Striscia - consegna lavori che presentano diversi problemi. L'inviato non riesce ad avere una risposta chiara su chi sia il boss della società: Roberto Guerra dice di essere solo il capo degli installatori, ma poi gira con un'auto da 300 mila euro e abita con sua moglie, che sarebbe solo una ...

use DateTime;