UNA PALERMO PULITA A MACCHIA DI…PAPA

Palermo è in fermento per l’arrivo di Papa Francesco. Stuoli di operatori ecologici rendono brillante la città. Ma il bassotto di Stefania Petyx è sospettoso e abbaia! Infatti ha ragione: l’immondizia, compresi gli ingombranti, è nascosta dietro l’angolo del previsto percorso del Papa. Stefania chiede spiegazioni ai palermitani che purtroppo sono rassegnati al finto miracolo. Insomma “Papa che non vede cuore che non duole”, conclude Stefania.

Palermo è in fermento per l’arrivo di Papa Francesco. Stuoli di operatori ecologici rendono brillante la città. Ma il bassotto di Stefania Petyx è sospettoso e abbaia! Infatti ha ragione: l’immondizia, compresi gli ingombranti, è nascosta dietro l’angolo del previsto percorso del Papa. Stefania chiede spiegazioni ai palermitani che purtroppo sono rassegnati al finto miracolo. Insomma “Papa che non vede cuore che non duole”, conclude Stefania.

03/10/2018

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
La crisi idrica in Sicilia e il naufragio dei dissalatori

La crisi idrica in Sicilia e il naufragio dei dissalatori

Vietato innaffiare le piante e lavare le auto a Palermo: la Regione ha chiesto lo stato di emergenza per siccità. Che fare? Tra le soluzioni proposte c'è quella dei dissalatori. Peccato che sull'isola ne esistessero già tre, due dei quali fuori uso - come ci spiega Stefania Petyx - e che mezzo secolo fa Gela vantasse l'impianto più grande d'Europa: non funziona nemmeno quello ma ogni anno costa 10 milioni di euro ai siciliani

Palermo, è arrivato il giorno delle buone notizie

Palermo, è arrivato il giorno delle buone notizie

Stefania Petyx e il bassotto ci aggiornano su diversi casi siciliani che sembrano risolti o in via di soluzione, anche grazie a Striscia: l'aumento di stipendio dei parlamentari regionali (bloccato), il porto canale di Mazara del Vallo (finalmente dragato), il palazzetto dello sport di Cefalù (sarà riaperto), la stazione dell'Orsa a Cinisi. L'albero Falcone verrà salvato e la buca stradale vicino alla cattedrale è stata chiusa

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
LA PASSIONE PER I POLITICI DELLE SORELLE ISOARDI

LA PASSIONE PER I POLITICI DELLE SORELLE ISOARDI

Valeria Graci nelle vesti di Nelli, la sorella piccola della Isoardi , sull’onda del fidanzamento di Elisa con Matteo Salvini, confida il desiderio di fidanzarsi con un politico a Rotondi di Forza Italia, a Borghi della Lega, a Colaninno del Pd e a Fraccaro del Movimento 5 stelle e svela loro il suo grande amore: Danilo Toninelli. Decide così di cercarlo al telefono, ma lui non è a Palazzo Chigi. Nelli, affranta, gli lascia un sensuale messaggio!

SOLO A PAGAMENTO...MI SCAPPA LA PIPI’

SOLO A PAGAMENTO...MI SCAPPA LA PIPI’

Chiara Squaglia ci aggiorna sulle toilette a pagamento nelle stazioni ferroviarie, che come ci conferma l’avv.Gargano, negano un diritto sancito per legge. Dopo la promessa di 8 mesi fa di Enza Spinali, responsabile relazioni esterne “ Grandi Stazioni Retail”, relativamente all’abolizione del pagamento negli esercizi commerciali delle stazioni per l’utilizzo delle toilette, nonostante la consumazione effettuata, Chiara verifica che ciò sia avvenuto. Né a Roma , né a Firenze, né a Milano nulla è cambiato: bisogna pagare un euro per fruire del bagno. Chiara torna all’attacco e al telefono la responsabile Spinali rinnova il suo impegno. Torneremo a verificare!

IN FONDO AL MAR...CON CAPITAN VENTOSA A VENTIMIGLIA

IN FONDO AL MAR...CON CAPITAN VENTOSA A VENTIMIGLIA

Capitan Ventosa ci mostra un mare da sogno dai Giardini botanici Hanbury di Ventimiglia (Imperia). Decide, quasi un novello Sebastian, di andare “in fondo al mar”. Lì , a Capo Mortola, trova prontissimo il sindaco, Dott. Ioculano, su una imbarcazione che lo invita ad esplorare appunto il fondale. Purtroppo esso è pieno di reti da pesca abbandonate , per lo più di plastica, che non solo aumentano l’inquinamento da plastica ma modificano pericolosamente il fondale , chiudendo anche buchi, future tane dei pesci. Che delusione! Speravamo di essere nel mare abitato dalla Sirenetta!

OCCHIO ALLE TRUFFE...SOPRATTUTTO IN AMORE

OCCHIO ALLE TRUFFE...SOPRATTUTTO IN AMORE

Da Torino Rajae Bezzaz ci informa di una orribile truffa.. sentimentale. Rajae parla con Jolanda Bonino, la presidente di A.C.T.A., che da truffata, con l’aiuto di altre attiviste, spesso ex vittime, tira fuori le malcapitate. Tutto avviene online. Spietati manipolatori si fingono innamoratissimi per poi spillare dei soldi alle “fidanzate”. Infatti i bastardi (così A.C.T.A li chiama), dopo aver instaurato un rapporto di fiducia con le vittime, richiedono prestiti (persino 50.000 euro) e una volta ottenuti svaniscono. Un sincero grazie A.C.T.A per l'ottimo lavoro di smascheramento degli sciacalli d’amore!

Giù i km su i prezzi

Giù i km su i prezzi

Max Laudadio, a Roma, dopo ampia ricerca appura il reato che riguarda le auto di seconda mano che vengono rivendute dopo aver subito generose riduzioni di chilometraggio, senza che l’acquirente ne sia informato. Max va alla ricerca di chiarimenti. Non trova nessuno disposto a parlare, anzi, per assurdo, in una sede i responsabili si barricano e chiamano in aiuto i carabinieri. A questo punto Max li informa delle macchine schilometrate e spera così in un intervento risolutivo.

Top 10 Video

tutti i video
Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

Papa Francesco guarda l’ora e si aggiudica I nuovi mostri

Papa Francesco guarda l’ora e si aggiudica I nuovi mostri

Re Carlo è tra i protagonisti di questa puntata della rubrica di Striscia sulle mostruosità televisive. Il terzo posto è invece di Francesco Paolantoni nei panni di uno chef un po'pasticcione. Il secondo gradino se lo aggiudica il pretendente Fabio di Uomini e donne che pretende di avere ragione e viene sgridato da Maria De Filippi. Il primo posto è infine del Papa che assiste con entusiasmo e trasporto all'esibizione di Luciano Ligabue

«Donne segregate e violentate nel fortino della droga»

«Donne segregate e violentate nel fortino della droga»

Continua il reportage di Rajae Bezzaz sulle ex Officine Romanazzi di Roma, diventate fortino di spaccio e degrado. Qui secondo l'associazione "La Svolta" alcune donne vengono abusate e segregate. L'inviata cerca di documentare il degrado di questa cittadella perduta ma viene accolta con lanci di bottiglia e da un uomo armato di machete. Arrivano le Forze dell'Ordine che raccontano a Rajae la difficoltà di intervenire in un contesto come questo

Fortino di spaccio, violenza e degrado nella Tiburtina Valley

Fortino di spaccio, violenza e degrado nella Tiburtina Valley

Rajae Bezzaz ci mostra il grande polo industriale in decadenza nella zona Nord-Est di Roma, nota come Ex Penicillina, che nel 2018 fu sgomberata dai senzatetto che la abitavano . In molti trovarono rifugio nelle ex Officine Romanazzi, oggi crocevia di mille traffici: tutti illegali. Un testimone intervistato parla dell'aggressione subita, un altro definisce il posto una sorta di supermercato in cui è possibile trovare Ecstasy, Md…

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

use DateTime;