Pubblicità abusiva nelle vetrine di esercizi commerciali

Laudadio si occupa di pubblicità abusiva nelle vetrine di alcuni esercizi commerciali. Molte attività - a Milano e non solo - ospitano dei ledwall sui quali compare l'advertising di aziende non strettamente collegate all'ambito dell'esercizio. Una pratica che però è irregolare (non solo a Milano), come spiega al nostro inviato Emmanuel Conte, Assessore al Bilancio e Patrimonio immobiliare

Laudadio si occupa di pubblicità abusiva nelle vetrine di alcuni esercizi commerciali. Molte attività - a Milano e non solo - ospitano dei ledwall sui quali compare l'advertising di aziende non strettamente collegate all'ambito dell'esercizio. Una pratica che però è irregolare (non solo a Milano), come spiega al nostro inviato Emmanuel Conte, Assessore al Bilancio e Patrimonio immobiliare

06/04/2022

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Schiuma nell'Olona, la fabbrica abbandonata

Schiuma nell'Olona, la fabbrica abbandonata

Max Laudadio si trova a Cairate (Varese) perché qui da anni le acque del fiume Olona sono invase periodicamente da schiume sospette. Il motivo è che il terreno e le acque sotterrane sono contaminati a causa dei riversamenti di una ex fabbrica di detersivi. La cosa sconvolgente è che, nonostante l'azienda sia fallita, sul luogo sono rimaste decine di bidoni e sacchi contenenti materiale chimico, che dunque continua a contaminare l'ambiente circostante

CO2 nelle scuole, la promessa di Costa

CO2 nelle scuole, la promessa di Costa

Max Laudadio torna a occuparsi della qualità dell'aria che respiriamo negli ambienti al chiuso e della percentuale di CO2 presente in determinati luoghi, come per esempio le scuole. Dopo i servizi di Striscia, infatti, diverse associazioni di genitori e insegnanti hanno scritto per chiedere l'installazione delle macchinette che rilevano il quantitativo di CO2 nell'aria. Il nostro inviato ha contattato nuovamente il Sottosegretario al Ministero della Salute Andrea Costa e gli ha strappato ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Colombiagate, la versione di Profumo (Leonardo S.p.A.)

Colombiagate, la versione di Profumo (Leonardo S.p.A.)

Pinuccio ci parla dell'audizione in Senato di Alessandro Profumo, ad di Leonardo S.p.A., che ha ammesso il coinvolgimento di Massimo D'Alema nella trattativa sulla vendita di armi alla Colombia. L'ad ha però specificato che l'ex premier non aveva alcun mandato, formale o informale, per trattare per conto di Leonardo e che comunque non avrebbe guadagnato niente dall'affare. Dichiarazioni in netto contrasto con le intercettazioni

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;