News

Altro che dark web: Green Pass validi si trovano su siti di pubbliche amministrazioni e giornali

Altro che dark web: Green Pass validi si trovano su siti di pubbliche amministrazioni e giornali

Altro che dark web: Green Pass validi si trovano su siti di pubbliche amministrazioni e giornali

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) prosegue l’inchiesta di Moreno Morello sui green pass validi e di persone reali che circolano in rete.

Dopo l’assurdo caso che ha coinvolto Amazon (vedi qui il servizio), con il gigante dell’e-commerce costretto a rimuovere un prodotto in cui compariva una certificazione valida e scansionabile, l’inviato di Striscia documenta come anche su decine di siti di giornali e di amministrazioni comunali appaiano foto di green pass che – una volta inquadrati e scaricati – risulterebbero in piena regola.

Una circostanza pericolosa, dal momento che chiunque – stampandosi la schermata del sito o facendo un semplice screen shot – potrebbe dotarsi di una certificazione efficace per superare ogni controllo.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Per un centesimo di troppo una multa da 52.000 euro

Per un centesimo di troppo una multa da 52.000 euro

Moreno Morello indaga su un caso che ha dell'incredibile: un cittadino è stato multato per aver emesso fatture a clienti che pagavano in contanti per 2.000 euro quando il limite di legge era 1.999,99. Per quel centesimo in più, un errore ripetuto 13 volte, ora rischia 52.000 euro di multa. Una storia istruttiva: ora che il limite all'impiego del contante si è alzato, non fate lo stesso errore, la cifra da non superare è 4.999,99 euro.

Integratori online e testimonial inventati: ora arrivano anche i finti sconti

Integratori online e testimonial inventati: ora arrivano anche ...

Moreno Morello torna con un altro episodio di Malattie aberranti per mostrarci come i furbetti che vendono online integratori di ogni tipo continuino a utilizzare l'immagine di personaggi celebri e medici a sproposito e senza la loro autorizzazione, promuovendo i prodotti in modo sleale e scorretto. Non solo: ora il nostro inviato ha scoperto che per attirare ulteriormente l'attenzione degli utenti, negli articoli e negli annunci pubblicitari si incentiva ad acquistare proponendo giochi ...

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ancora traccia

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ...

Moreno Morello torna a parlarci del superbonus 110%. Pare infatti che un'azienda di Rimini, La Ngc, chiedesse una cauzione di 2000 euro ai cittadini che volevano aderire all'ecobonus affidandosi a dei professionisti per la parte amministrativa e quella edilizia (cauzione che poi doveva essere restituita). Peccato che ad essersi affidati alla Ngc siano stati in molti e che sia passato parecchio tempo senza alcun avvio dei lavori nella maggior parte dei casi