News

Armi, cocaina e minacce di morte, Brumotti nel fortino dello spaccio a Cinisello Balsamo

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35), Vittorio Brumotti è tornato a Cinisello Balsamo (Milano) per documentare lo spaccio di droga che si consuma nel quartiere Sant’Eusebio.

«Ti mangio il cuore, infame». È questa l’accoglienza che i delinquenti hanno riservato all’inviato di Striscia quando, assieme alle forze dell’ordine, è intervenuto per “riappropriarsi” di alcuni civici di via Cilea.

Un vero e proprio fortino, secondo le ricostruzioni gestito dalla ‘ndrangheta, dove capi, pali e spacciatori dirigevano il traffico di droga impedendo ai residenti di vivere in pace il proprio quartiere. Una situazione al limite in cui Brumotti, nonostante la presenza dei Carabinieri, è stato ugualmente preso di mira da un fitto lancio di oggetti dalle finestre e da minacce di morte inequivocabili. Il blitz degli agenti, che assieme alla droga ha portato alla luce anche una pistola con dei proiettili e altre armi, ha evitato il peggio.

Brumotti si era già recato a Cinisello Balsamo lo scorso dicembre. Ecco cosa era successo in quell'occasione.