News

Striscia, oltre dieci anni di servizi contro i borseggi

Striscia, oltre dieci anni di servizi contro i borseggi

Striscia, oltre dieci anni di servizi contro i borseggi

Il primo a occuparsene è stato Antonio Casanova che nel 2009 a Ravenna ha dimostrato quanto sia facile sfilare portafogli e oggetti preziosi ai passanti senza farsi scoprire.

Negli ultimi giorni si sta parlando molto di borseggi, un tema che Striscia la notizia segue da oltre dieci anni. Era infatti il 4 aprile 2009, quando Antonio Casanova, l’inviato del tg satirico di Antonio Ricci, si è occupato per la prima volta del tema degli scippi. Ora, a distanza di oltre dieci anni, l’argomento è più attuale che mai e sembra che le borseggiatrici siano aumentate. Il motivo lo spiega l’inviato Valerio Staffelli, che ha realizzato numerosi servizi sull’argomento e il 13 marzo si è raccontato in un’intervista al Corriere della Sera: «Senza querela, ora che è in vigore la legge Cartabia, il reato per furto non è perseguibile d’ufficio. E accade spesso che una borseggiatrice arrestata venga rilasciata dopo tre ore. Una grande frustrazione, un senso d’impotenza».

Casanova svela i trucchi dei ladri di portafogli e gioielli

Nel servizio del 2009, Casanova passeggia per le strade di Ravenna e mette in mostra le sue abilità per far vedere quanto sia facile sfilare portafogli, cellulari e oggetti preziosi ai passanti. L’illusionista, poi, intervista il dott. Stefano Rossi, Comandante della Polizia Municipale della città, che conferma che i borseggiatori agiscono così. Rossi, poi, spiega che Ravenna ha avviato una campagna per informare gli anziani sul tema. A marzo 2012 l’inviato è poi tornato in città, per occuparsi di una truffa ai danni di una pensionata che aveva acquistato degli articoli di bigiotteria spacciati per gioielli da una signora che fingeva di essere indigente. Negli anni successivi Striscia la notizia si è dedicata a lungo al tema dei raggiri, realizzando numerosi servizi e creando una vera e propria campagna anti-raggiro per tutelare i telespettatori.

Borseggi, il servizio di Antonio Casanova

In questo servizio di settembre 2013 Casanova riceve diverse segnalazioni di persone che sul lungolago di Lecco sono state derubate di collanine d’oro e orologi. Oggetti abilmente sostituiti dai ladri con monili di nessun valore. Sul momento le vittime non si accorgono del furto. Dopo, non ricordano neppure di essere state avvicinate da qualcuno. Secondo alcuni, i ladri utilizzano l’ipnosi per mettere a segno i colpi. Ma Casanova è di tutt’altro avviso e vuole vederci chiaro. Travestito da Arsenio Lupin e armato di una mappa, ferma alcuni passanti e, con la scusa di chiedere informazioni stradali, dimostra quanto sia facile sganciare una catenina d’oro e sostituirla con una di bigiotteria senza farsi scoprire.

Jimmy Ghione e le ladre dei negozi di Roma

Anche Jimmy Ghione si è occupato dell’argomento. Nel servizio del 7 novembre 2013, l’inviato mostra in esclusiva un filmato di Striscia, che è stato girato all’interno di un negozio a Roma. Nel video si vedono quattro borseggiatrici in azione, che orbitano intorno a una cliente che porta a tracolla una borsa. Una delle malintenzionate ne sbircia il contenuto, mentre una complice le fa scudo contro le telecamere di sorveglianza con una borsa presa tra quelle in esposizione. Il servizio prosegue in un altro esercizio commerciale, dove va in scena una situazione analoga. 

Valerio Staffelli e i borseggiatori esperti della tecnica “dell’abbraccio”

Il primo servizio di Valerio Staffelli a proposito di borseggi risale al 23 maggio 2019. In questo servizio, l’inviato si trova a Venezia, al Comando Provinciale dei Carabinieri, per riferire di un’operazione che si è conclusa da poco. Il maggiore Emanuele Leuzzi, comandante del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Venezia, racconta ai microfoni di Striscia la notizia che recentemente sono state eseguite dieci custodie cautelari nei confronti di persone di etnia rom. Con la tecnica “dell’abbraccio” i soggetti raggiunti dalla misura sottraevano monili d’oro e orologi di lusso (anche Rolex) agli anziani. Vengono anche mostrate delle immagini che immortalano la tecnica usata dai ladri. Il comandante Leuzzi spiega poi che gli orologi rubati vengono riportati in Romania e il denaro così ricavato serve poi ad acquistare ville e auto di lusso.

Staffelli e il suo primo servizio sulle borseggiatrici nella metro di Milano

Il filone degli attuali servizi nella metropolitana di Milano, invece, viene inaugurato il 18 novembre 2021. In questa prima puntata Valerio Staffelli racconta la segnalazione ricevuta da una telespettatrice che sostiene di aver visto il video di una borseggiatrice che ruba i portafogli a diversi passeggeri della metro. L’inviato decide di fare un sopralluogo e individua subito la “furbetta”. Staffelli decide di affrontarla, ma lei inizia a colpire ripetutamente il suo microfono e a insultarlo. 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, i borseggi-attori di negozi

Milano, i borseggi-attori di negozi

Dopo aver mostrato i borseggi in metro e aver spiegato il trucco della mappa per rubare il cellulare, Rajae Bezzaz ci parla del furto messo in atto da clienti-borseggiatrici che si fingono interessate a grandi acquisti e distraggono la commessa. Le ladre si impadroniscono di oggetti di valore e ripuliscono la cassa. «Ma tre giorni prima del furto» racconta la proprietaria «sono venute le borseggiatrici, quelle della metropolitana che tutti conosciamo, a fare un "sopralluogo"...»

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto