News

Campitello Matese, qualcosa inizia a muoversi per il ripristino dell’innevamento artificiale

Campitello Matese, qualcosa inizia a muoversi per il ripristino dell’innevamento artificiale

Campitello Matese, qualcosa inizia a muoversi per il ripristino dell’innevamento artificiale

Mentre il caldo torrido invade tutta l’Italia, a Campitello Matese si inizia già a pensare alla stagione invernale. In alta quota proseguono i lavori di manutenzione straordinaria degli impianti di risalita per permettere la riapertura della stazione sciistica durante la prossima stagione invernale. Mentre a valle ci sono delle novità per quanto riguarda l’innevamento artificiale.

A Campitello Matese quello dell’innevamento artificiale è un tema fondamentale, perché in assenza di neve si rischia di compromettere il sistema turistico e imprenditoriale.

Striscia era stata tra i primi a denunciare la trascuratezza della manutenzione e con il nostro inviato Pinuccio avevamo sottolineato che i mancati collaudi potevano far slittare o impedire la riapertura degli impianti.

La Giunta regionale ha adottato delle modifiche alle deliberazioni inerenti al Piano di sviluppo e coesione, che prevedevano l’acquisto di due nuovi battipista.

Due anni fa furono acquistati quattro cannoni spara neve, ma il bacino di accumulo idrico funzionale era in stato di abbandono, come aveva segnalato Striscia nel servizio. Anche l’interno dell’impianto non dava garanzie per il funzionamento dal punto di vista elettrico, perché i cavi finivano per bruciarsi.

Angelo Primiani che rappresenta le Pro Loco del Molise ha dichiarato a Molise Network: “Ritengo da sempre, infatti, che quella di Campitello sia una situazione da seguire 365 giorni l’anno, non solo a ridosso della stagione invernale. Perché il futuro della stazione sciistica matesina è legato a doppio filo al tema della programmazione, e senza programmazione non c’è nevicata che tenga: Campitello può ambire alla ripartenza solo se ci si farà trovare pronti in largo anticipo, diversamente da quanto accaduto in passato.”

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo