News

Da Justin Bieber a Paris Hilton: 37 superstar a processo per la frode agli investitori in NFT

Da Justin Bieber a Paris Hilton: 37 superstar a processo per la frode agli investitori in NFT

Justin Bieber, Paris Hilton e Serena Williams sono solo alcuni nomi delle superstar accusate di aver ingannato gli investitori, inducendoli ad acquistare token, gettoni digitali e non riproducibili, a prezzi esagerati. La lista delle celebrità che Yuga Labs (la società ideatrice dei Token dei Bored Ape Yacht Club, detti BAYC)) avrebbe pagato per promuovere con l’inganno i suoi NFT è lunga.

I 37 coinvolti

Le persone coinvolte sono 37 e tutte dovranno difendersi dall’accusa di essersi spacciati come clienti per sponsorizzare gli NFT, senza rivelare di essere stati pagati per farlo. Lo scopo era gonfiare il prezzo dei gettoni virtuali, frodando gli eventuali investitori. Altri nomi di personaggi coinvolti nella vicenda sono Jimmy Fallon, Gwyneth Paltrow, Kevin Hart, DJ Khaled, Madonna, Steph Curry, Post Malone, The Weeknd e Serena Williams.

Da chi parte la causa

A denunciare la truffa sono stati gli investitori dei Bored Ape Yacht Club, Adonis Real e Adam Titcher, che dichiarano di essere stati indotti ad acquistare i token a prezzi folli e sulla base delle informazioni falsate fornite dalle superstar. Inoltre, i due investitori hanno dichiarato che le celebrità facevano parte di un piano per incrementare le entrate, il che portava a un aumento degli interessi e di conseguenza dei prezzi degli NFT.

La risposta di Yuga Labs

Non è mancata la risposta di Yuga Labs: “queste affermazioni sono opportunistiche e parassitarie. Crediamo fermamente che siano senza merito e non vediamo l’ora di dimostrarlo”.

Gli NFT, una giungla dove è difficile districarsi

Delle difficoltà legate al mondo dei Non-Fungible Token Striscia la Notizia se ne è occupata più volte negli anni. E di recente Marco Camisani Calzolari ha provato a fare luce proprio sul caso delle celebrities che promuovono in modo non trasparente i tokens.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Criminali con una morale e dispositivi che fungono da dottori? Ecco le nuove frontiere del digitale

Criminali con una morale e dispositivi che fungono da dottori? ...

Marco Camisani Calzolari indaga su una gang di criminali informatici che, dopo aver hackerato un ospedale canadese che cura i bambini, ha chiesto scusa, perché chi l'ha fatto ha violato le loro regole etiche. Poi si sposta sui sistemi di video sorveglianza con riconoscimento facciale e sulle magliette che possono confonderli. Infine, tratta di dispositivi che misurano le funzioni del nostro corpo in modo sempre meno invasivo. Ma, attenzione, non sostituiscono i medici!

App utili per Natale, da SantaClaus calling allo stato d'animo di Babbo Natale

App utili per Natale, da SantaClaus calling allo stato d'animo ...

Marco Camisani Calzolari mostra quelle che sono le applicazioni più utili in preparazione al Natale: dalle app per mandare un simpatico pensiero personalizzato ai nostri cari a quella che permette di doppiare Babbo Natale trasmettendo il messaggio con la nostra voce. Non manca per i nostalgici l'app per scrivere un testo "a mano", e quella per chiedere a Babbo Natale come sta in questo periodo di feste stressanti.