News

Dopo la denuncia di Striscia condannato un veterinario bolognese

È stato condannato a due mesi e 20 giorni di reclusione il veterinario bolognese, scoperto da Striscia (vai al servizio): era il “dottor morte del canile degli orrori”. All’interno di un allevamento di Vergato, paesino dell’ Appennino bolognese, infatti, venivano uccisi animali sani ritenuti non più utili, perché fuori dall'età riproduttiva o non abbastanza belli per partecipare a concorsi e gare.
 
Paolo Venturi, coordinatore regionale Oipa, dichiara: «Andremo avanti con la richiesta all'ordine dei veterinari di radiazione definitiva dall'albo perché oltre alla condanna è fondamentale che una persona responsabile di atti così gravi non possa più esercitare la professione».
 
Il caso era stato sollevato da Striscia la notizia il 15 dicembre 2014: Edoardo Stoppa aveva sorpreso il veterinario a iniettare una dose letale di Tanax (farmaco per eutanasia animale) a una femmina di cane corso, perfettamente sana. L’intera struttura è stata sequestrata dalla Forestale.