News

Il “pasticciaccio” del voto all’estero: “Plichi elettorali abbandonati alla posta”

Il “pasticciaccio” del voto all’estero: “Plichi elettorali abbandonati alla posta”

Il “pasticciaccio” del voto all’estero: “Plichi elettorali abbandonati alla posta”

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) prosegue l’inchiesta di Pinuccio sul voto degli italiani all’estero. Dopo le testimonianze degli italiani residenti in Cina e in Australia, che la scorsa settimana al tg satirico avevano dichiarato che in queste ultime elezioni sono state offerte cene in cambio di plichi elettorali e che non c’è nessuna garanzia che voti chi davvero ne ha il diritto, l’inviato stasera si collega dal Viminale, dove ha sede il Ministero dell’Interno, per raccogliere la testimonianza di un italiano che vive in Tunisia, ad Hammamet.

«Non avendo ricevuto il plico elettorale mi è stato consigliato di andare a ritirarlo all’ufficio postale», dichiara l’uomo, che denuncia un’anomalia: «All’ufficio postale nessuno mi ha chiesto né il nome né il documento e il mio plico l’ho dovuto cercare tra altri non recapitati, lasciati in una cassetta. Chiunque avrebbe potuto prendere alcune buste e portarle via, perché non c’è controllo». La stessa persona, che si trovava in Argentina durante le scorse elezioni, aggiunge: «A Buenos Aires venivano da me con le buste aperte per chiedermi che cosa avrebbero dovuto votare. In quell’occasione ho votato per 30-40 persone».

Pinuccio, che in questi giorni è inondato da segnalazioni di questo tipo provenienti da tutto il mondo, lancia un appello al futuro Ministro dell’Interno: «Dato che in questi casi il voto potrebbe essere condizionabile, perché non introdurre il voto elettronico all’estero?».

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo