News

Il prof Favero sceglie il rito abbreviato, il caso era stato sollevato da Striscia

Il prof Favero sceglie il rito abbreviato, il caso era stato sollevato da Striscia

Il prof Favero sceglie il rito abbreviato, il caso era stato sollevato da Striscia

Ha chiesto il rito abbreviato e si è accordato con la Procura della Corte dei Conti per pagare la metà dei 251 mila euro di danni che gli contestavano i magistrati contabili, l’ex primario di odontoiatra Gian Antonio Favero, dopo la condanna definitiva avvenuta nel 2012. 

Il professore ha saldato 125 mila euro all’Azienda ospedaliera dell’Università di Padova, per cui aveva diretto la clinica odontoiatrica; la Corte presieduta da Carlo Greco ha estinto ogni contenzioso.

Era stata Striscia nel 2012 a sollevare il caso, grazie all’inchiesta di Moreno Morello.


Il sostituto procuratore ha accusato l’ex direttore di aver: “deviato e tentato di deviare in maniera metodica e continuativa decine di pazienti della struttura pubblica verso ambulatori privati ove egli prestava attività libero professionale…conseguendo un vantaggio economico di rilevante entità”.

I fatti risalgono al periodo di tempo tra il 2010 e il 2012 e hanno tenuto banco per settimane.


La procura di Padova aveva condannato in primo grado Favero a due anni; poi l’assoluzione in Appello. Successivamente l’ordine della Cassazione per un nuovo processo, fino al patteggiamento a un anno di reclusione avvenuto nel 2017.

La procura contabile aveva poi chiesto il divieto assoluto per il docente/direttore di esercitare l’attività privata al di fuori dell’Asl, chiedendo i danni per lesione di immagine, danno di violazione del vincolo di esclusività e per danno di disservizio.

Favero ha sempre dichiarato di essersi comportato con “responsabilità e trasparenza”, contestando tutte le accuse.

Ora il medico ha pagato e il caso è estinto.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Finti integratori online, come aggirano la legge italiana

Finti integratori online, come aggirano la legge italiana

Moreno Morello torna con una nuova puntata di "Malattie aberranti" per aiutarci a capire come funziona il sistema legato alla vendita online di integratori "miracolosi" per qualsiasi patologia. Attraverso un vero e proprio labirinto di siti internet che vengono riempiti di informazioni commerciali, anche millantando efficacia inesistente e rubando l'immagine di personaggi famosi. Il problema è che cliccando per acquistare i loro prodotti si viene indirizzati su altri ...

Mutui instant, il nuovo (?) corso della Reef S.p.A.

Mutui instant, il nuovo (?) corso della Reef S.p.A.

Moreno Morello torna a parlare della società immobiliare che rivendeva le case sottocosto anche a rate senza mutui e interessi. La Reef annuncia la svolta di diventare instant: no compromessi o attesa, si va direttamente al rogito. Ma i vecchi clienti che sono ancora in attesa di un accordo risolutivo e della restituzione dei loro risparmi? La società dice di voler trovare una soluzione entro giugno 2023. Ma saranno al sicuro questi soldi nelle loro casse?

Pubblicità ingannevoli e marketing online: anche Bassetti nella rete

Pubblicità ingannevoli e marketing online: anche Bassetti nella ...

Torna la rubrica "Malattie aberranti" di Moreno Morello, dove i protagonisti sono gli sciacalli del marketing online che sfruttano impropriamente l'immagine di personaggi famosi per vendere presunti prodotti curativi e miracolosi. Dopo Fedez e Vanessa Incontrada, questa volta a essere stato usato a sua insaputa è la star dei virologi Matteo Bassetti - testimonial di una lunga serie di prodotti naturali (antiparassitari, antifungini, antidolorifici, cardiotonici, ecc.), tra cui Reduslim, ...

La triste storia della Sandra Z, inutilizzata e prossima alla demolizione

La triste storia della Sandra Z, inutilizzata e prossima alla ...

Moreno Morello ci racconta la storia (triste) della motonave Sandra Z, acquistata nel 2000 per 5 miliardi di lire e che rappresentava una speranza per il futuro dei veneziani. Peccato che quell'imbarcazione abbia dovuto fronteggiare ogni tipo di vicissitudine, al punto che nel 2006 era ancora inutilizzata. Nonostante il tentativo di correre ai ripari vendendola, ad oggi risulta ancora ormeggiata a Venezia, in disarmo e inutilizzata