News

La tartara di manzo di Marino Giannoni

La tartara di manzo di Marino Giannoni

La tartara di manzo di Marino Giannoni

La Tartara di Marino Giannoni, classe 1931, del ristorante PepeNero di Prato, è realizzata con carne di manzo di razza Calvana.

La razza bovina Calvana è una specie autoctona della Toscana, più correttamente della zona di Prato. Così come la sua sorella maggiore, la Chianina, anche questi bovini erano destinati al lavoro nei campi (soprattutto nelle zone montagnose) prima di diventare idonei al macello.

La carne dei bovini di razza Calvana, presentano proprietà e caratteristiche eccezionali, grazie ad un basso contenuto di colesterolo  e buona presenza di acidi grassi Omega 6 qualità che si traducono in un prodotto dal sapore gustoso dalla consistenza tenera.

Ingredienti per 4 – 6 persone 

– 600 g di manzo ( tra i tagli preferire il girello o, in alternativa, il filetto )
– 20 g di senape in grani 
– 2 cucchiai di Cognac 
– 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva toscano 
– Il succo di mezzo limone 
– 4 filetti di acciughe tritate 
– 3 g di salsa Worcester
– 3 g di tabasco  
– 2 tuorli 
– 20 g di cipollotto rosso tritato 
– Sale e pepe QB
– 3 cetriolini sottaceto  
– 20 g di capperi di sambuco

Prima di procedere con l’amalgama di tutti gli ingredienti, la carne va ripassata un paio di volte nel tritacarne. 

La carne non deve essere fredda di frigorifero ma fresca.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Le

Le "Linguine al burro, garum di agone e amchoor" di Caranchini

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Davide Caranchini del ristorante Materia, aperto insieme alla compagna Ambra Sberna a Cernobbio, sul lago di Como, premiato dalla Stella Michelin. Lo chef propone la ricetta del piatto in cui interpreta in versione nordica gli spaghetti con colatura di alici, sostituendole con l'agone, un pesce di lago, e arricchendo il tutto con una spolverata di amchoor, una spezia ottenuta dal mango.

Il

Il "Risotto con lattuga di mare" di Valerio Serino e Lucia De ...

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Valerio Serino e Lucia De Luca del ristorante Tèrra e del pastificio artigianale e biologico Il Mattarello a Copenaghen, che propongono la ricetta del "Risotto con lattuga di mare, corallo di capasanta, olio di limone e origano", piatto fresco che sfrutta una parte solitamente scartata della capasanta, il corallo, tutto esaltato dal sapore leggermente piccante della lattuga di mare.

Lo

Lo "Spaghetto di mais torbato, ricci di mare e porro bruciato" ...

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Daniele Lippi del ristorante Acquolina, insegna gourmet all'interno dell'hotel The First Roma Arte. Lo chef propone la ricetta dello "Spaghetto di mais torbato, ricci di mare e polvere di porro bruciato", un piatto che unisce sapori delicati e sapori intensi, esaltati dal burro di malga e dal whisky, un esempio della sua cucina che mette al centro la curiosità e che sorprende con piatti ...

"L'agnello e carciofi" di Jacopo Malpeli, un classico di Pasqua

Torna "Capolavori italiani in cucina": Paolo Marchi incontra Jacopo Malpeli dell'Osteria del Viandante a Rubiera (Reggio Emilia), che propone un classico piatto delle tavole pasquali. Parmense, classe 1982, Malpeli dal 2021 abbraccia il progetto dell'Osteria del Viandante, un'opera di recupero e restauro dello storico Forte di Rubiera. Qui propone una cucina della tradizione, interpretata in maniera contemporanea ed elegante.

La

La "Panzanella mediorientale" del campione di cous cous Pierpaolo ...

Torna la rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" con Paolo Marchi, che incontra Pierpaolo Ferracuti del ristorante Retroscena a Porto San Giorgio (Fermo). Lo chef propone la ricetta della "Panzanella Mediorientale", piatto con cui ha vinto il Campionato mondiale di cous cous di San Vito Lo Capo (Trapani) a settembre 2022. Un cous cous di gambero e gazpacho dove acidità e piccantezza sono ben bilanciate, esaltato dalla croccantezza del pane tostato.

Il radicchio farcito di Tommaso Tonioni, il dessert che non ti aspetti

Il radicchio farcito di Tommaso Tonioni, il dessert che non ti ...

Paolo Marchi e lo chef Tommaso Tonioni (33 anni) presentano la ricetta del radicchio farcito con rape rosse, patate "Blu Star" e mela Abbondanza. Dagli studi artistici, alla passione per la musica rock a quella per la cucina. È la storia di Tonioni, che è passato dalla panificazione alla cucina moderna. Il suo radicchio nasce dal voler proporre un dolce usando però i vegetali, ed è perfetto da servire dopo i pasti.