News

Micromobilità, parte la sperimentazione a Milano

Micromobilità, parte la sperimentazione a Milano

Micromobilità, parte la sperimentazione a Milano

Anche Milano dà il via alla sperimentazione in vista della rivoluzione sulla micromobilità. Da oggi monopattini, segway, overboard e monoruote elettrici potranno circolare anche nel capoluogo meneghino.

Ad annunciarlo è il Comune, che ha spiegato che in questi giorni si è conclusa la posa dei cartelli che indicano le strade sulle quali potranno muoversi liberamente e quali invece saranno precluse.

Sono in totale 130 i segnali stradali posti lungo la cintura esterna della città, che segnano ufficialmente il via alla sperimentazione, che proseguirà fino al 2021, così come si legge nelle linee guida del Ministero dei Trasporti diffuse lo scorso giugno.

La circolazione dei monopattini elettrici e degli altri veicoli che rientrano nella categoria della micromobilità sarà consentita nelle aree pedonali purché la velocità del mezzo non superi i 6 km/h e, solo per monopattini e segway, su piste e percorsi ciclabili, ciclopedonali e nelle zone 30 con il limite di velocità di 20 chilomentri orari.

Sono previste però delle eccezioni che riguardano alcune di queste strade o porzioni di esse all’ingresso delle quali sono stati messi 80 cartelli stradali di divieto di circolazione. Sono i tratti con la pavimentazione in pietra di fiume, corsie preferenziali (anche in Zone 30) contigue ai binari del tram, a meno che non siano in una sede stradale separata, nelle aree di parcheggio a fondo cieco, nelle gallerie pedonali.

Sarà possibile usare questi dispositivi anche nei percorsi ciclopedonali delle aree verdi solo successivamente all’approvazione da parte del Consiglio comunale di una modifica al regolamento del verde. 

Il Comune ricorda, infine, il rispetto delle regole anche per quanto riguarda la sosta, permessa negli stalli dedicati alle biciclette oppure al lato della strada.

La speranza è che non si verifichi il caos esploso a Torino, dove sono state date multe salatissime per via delle regolamentazione poco chiara.

Un servizio di cui si era occupata la nostra Rajae.



Il capoluogo piemontese ha risolto poi la questione e si è aperta anche ai servizi di sharing che metteranno a disposizione attraverso le app dei veicoli a noleggio.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Baci in strada? Neanche l'ombra

Baci in strada? Neanche l'ombra

Rajae Bezzaz ci parla di un articolo de la Repubblica secondo cui il romanticismo è morto: tema di cui l'inviata si è già occupata. Per le generazioni passate il sesso era un tabù, portarsi qualcuno a casa era fuori discussione quindi i baci si rubavano anche per strada. Rajae esorta alcuni a scambiarsi un bacio e chiede ad altri perché non limonino più. E un esperto parla della paura dei vincoli vissuta dai più giovani. Del timore di "rimanerci sotto" o "essere un sottone"

«Donne segregate e violentate nel fortino della droga»

«Donne segregate e violentate nel fortino della droga»

Continua il reportage di Rajae Bezzaz sulle ex Officine Romanazzi di Roma, diventate fortino di spaccio e degrado. Qui secondo l'associazione "La Svolta" alcune donne vengono abusate e segregate. L'inviata cerca di documentare il degrado di questa cittadella perduta ma viene accolta con lanci di bottiglia e da un uomo armato di machete. Arrivano le Forze dell'Ordine che raccontano a Rajae la difficoltà di intervenire in un contesto come questo

Fortino di spaccio, violenza e degrado nella Tiburtina Valley

Fortino di spaccio, violenza e degrado nella Tiburtina Valley

Rajae Bezzaz ci mostra il grande polo industriale in decadenza nella zona Nord-Est di Roma, nota come Ex Penicillina, che nel 2018 fu sgomberata dai senzatetto che la abitavano . In molti trovarono rifugio nelle ex Officine Romanazzi, oggi crocevia di mille traffici: tutti illegali. Un testimone intervistato parla dell'aggressione subita, un altro definisce il posto una sorta di supermercato in cui è possibile trovare Ecstasy, Md…

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Rajae Bezzaz parte dalle contestazioni alla ministra Roccella, ritenute legittime dall'ex direttore del Salone del libro nel 2023. L'inviata ci invita però a tornare al 2022, all'altrettanto legittima protesta di un gruppo di donne contro lo stesso Nicola Lagioia per le sconcertanti parole sessiste da lui scritte su Melissa Panarello. Le pacifiche manifestanti, che Lagioia definì "aggressive", distribuivano volantini: furono identificate dalle forze dell'ordine e allontanate

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro?

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro?

Seconda parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro, rinchiuso tra il 5 e il 6 ottobre 2022 in una cella del Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. La mattina dopo l'ingresso nel Cpr l'uomo di origini nigeriane, secondo un testimone in delicate condizioni di salute, sarebbe stato portato via per essere ricoverato all'ospedale di Melfi. Secondo le dichiarazioni dei sanitari sarebbe arrivato però al Pronto Soccorso solo nel pomeriggio del giorno dopo. Perché?

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Questa è la prima parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro, trattenuto nel Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. Secondo un compagno di cella il ragazzo stava già male quando è entrato: il giorno dopo sono arrivate le forze dell'ordine e l'uomo sarebbe stato portato via in ambulanza. Ma l'uomo è stato trasportato al Pronto Soccorso? E perché poi in una telefonata partita dal Comune si parla del ritrovamento del suo cadavere nelle campagne di San Nicola?

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Rajae Bezzaz torna a occuparsi del sedicente animalista Antonio Colonna protagonista negli anni di diversi sequestri di cani. Sembra infatti che l'uomo abbia preferito querelare Striscia la notizia piuttosto che rispondere alle domande dell'inviata. Dopo di che ha organizzato una conferenza stampa insieme ai suoi amici. Colonna ha sempre evitato il confronto con i microfoni del tg satirico, ma Rajae rinnova la proposta di un'intervista. Accetterà?

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Rajae torna a parlarci del caso di Carmen, vittima di molestie, e si chiede perchè le forze dell'ordine facciano fatica a intervenire in casi del genere. La risposta è nella testimonianza di un'altra donna che invita ad ammonire il proprio aguzzino, intimandogli di non commettere più minacce o intrusioni nella vita altrui. Il vantaggio è che per avviare la domanda di ammonimento non serve assistenza legale e la polizia può agire più rapidamente

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

La famiglia che ha riposto in Striscia le sue speranze è stata ricompensata: dopo aver ricevuto solo due mesi di affitto, in otto anni, dall'affittuario di Montesano Scalo in provincia di Salerno, per Antonio e i suoi cari grazie alla caparbietà di Rajae Bezzaz è arrivato il parziale lieto fine. Appartamento libero, o meglio pieno di rifiuti. Ora si attende il versamento dei 12mila euro mai pagati: se non arriveranno, l'inviata ritornerà

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

Le domande di Rajae Bezzaz alla conduttrice di Belve, che sfoggia nel programma Rai vistosi e costosi gioielli di un noto brand, prestandosi a interviste di copertina su riviste che riportano il marchio. Marchio che sui social a sua volta posta le foto della giornalista, cui la Fagnani stessa mette like. «Non ho preso una lira» è l'autodifesa. Ma non cambia il fatto che i giornalisti non possono prestare nome, voce e immagine per iniziative pubblicitarie

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen vittima di stalking?

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen ...

Rajae Bezzaz torna a occuparsi di questa donna che, dopo svariati tentativi di denunce andate a vuoto, ha chiesto aiuto a Striscia la notizia per proteggere sé stessa e i figli da un persecutore (finora) impunito, che abita di fronte a lei. L'inviata incontra Ida, la sorella del molestatore, che esprime solidarietà per Carmen e che racconta che il fratello, a causa del suo comportamento, cinque anni fa è stato allontanato con codice rosso dalla moglie e dal figlio