News

Nessuna assunzione di disabili, la coop Ipas deve restituire 4,2 milioni alla Regione

Nessuna assunzione di disabili, la coop Ipas deve restituire 4,2 milioni alla Regione

Nessuna assunzione di disabili, la coop Ipas deve restituire 4,2 milioni alla Regione

Avevano ricevuto 4,2 milioni di euro di contributo per costruire un capannone e assumere 20 portatori di handicap. E invece, trascorsi tre anni, di queste assunzioni neanche l’ombra. Così la Regione Veneto ha deciso di chiedere indietro i soldi erogati ottenendo il benestare del Tribunale di Venezia.

Ma andiamo con ordine. Nel 2011 la cooperativa Ipas di Padova aveva ottenuto l’ingente somma per acquistare un terreno ed edificare un capannone in cui far lavorare una ventina di persone tra disabili ed ex detenuti, nell’ambito di un bando sociale promosso dalla Regione. A distanza di tre anni Striscia la notizia aveva potuto verificare che quelle assunzioni non erano mai avvenute, ma che anzi Ipas aveva ingaggiato 6/7 persone ma normodotate. Per questo Palazzo Balbi aveva disposto la revoca del finanziamento pubblico; decreto che la cooperativa ha cercato di impugnare. In sua difesa, infatti, la Ipas aveva dichiarato di non aver posto in essere alcuna condotta inadempiente e di non aver violato la normativa in materia. Non solo, tra le giustificazioni era stata tirata in ballo anche la difficile congiuntura economica.

Il Tribunale di Venezia, però, ha respinto ogni argomentazione, partendo da un dato incontrovertibile: «È pacifico che nessun disabile è stato assunto da Ipas, né prima, né tantomeno una volta iniziata la fase attuativa del progetto», spiega il giudice civile Daniela Bruni. Anche le motivazioni economiche sono state smontate: «Il progetto è stato liberamente presentato e congegnato da Ipas nel 2011: all’epoca la crisi economica in Italia era in essere da anni e non vi erano previsioni ottimistiche di un suo superamento in tempi brevi, sicché l’attrice avrebbe dovuto tenerne conto nella predisposizione del progetto».

La cosa interessante è che il Presidente della cooperativa, Moreno Lando è lo stesso anche della cooperativa Athena di Mestre, che nell’ambito dello stesso fondo aveva ottenuto ben 5,1 milioni di euro.
Ecco come si era giustificato Lando con il nostro Moreno Morello, nell’intervista del 2015.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ancora traccia

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ...

Moreno Morello torna a parlarci del superbonus 110%. Pare infatti che un'azienda di Rimini, La Ngc, chiedesse una cauzione di 2000 euro ai cittadini che volevano aderire all'ecobonus affidandosi a dei professionisti per la parte amministrativa e quella edilizia (cauzione che poi doveva essere restituita). Peccato che ad essersi affidati alla Ngc siano stati in molti e che sia passato parecchio tempo senza alcun avvio dei lavori nella maggior parte dei casi

Finti integratori online, come aggirano la legge italiana

Finti integratori online, come aggirano la legge italiana

Moreno Morello torna con una nuova puntata di "Malattie aberranti" per aiutarci a capire come funziona il sistema legato alla vendita online di integratori "miracolosi" per qualsiasi patologia. Attraverso un vero e proprio labirinto di siti internet che vengono riempiti di informazioni commerciali, anche millantando efficacia inesistente e rubando l'immagine di personaggi famosi. Il problema è che cliccando per acquistare i loro prodotti si viene indirizzati su altri ...

Mutui instant, il nuovo (?) corso della Reef S.p.A.

Mutui instant, il nuovo (?) corso della Reef S.p.A.

Moreno Morello torna a parlare della società immobiliare che rivendeva le case sottocosto anche a rate senza mutui e interessi. La Reef annuncia la svolta di diventare instant: no compromessi o attesa, si va direttamente al rogito. Ma i vecchi clienti che sono ancora in attesa di un accordo risolutivo e della restituzione dei loro risparmi? La società dice di voler trovare una soluzione entro giugno 2023. Ma saranno al sicuro questi soldi nelle loro casse?

Pubblicità ingannevoli e marketing online: anche Bassetti nella rete

Pubblicità ingannevoli e marketing online: anche Bassetti nella ...

Torna la rubrica "Malattie aberranti" di Moreno Morello, dove i protagonisti sono gli sciacalli del marketing online che sfruttano impropriamente l'immagine di personaggi famosi per vendere presunti prodotti curativi e miracolosi. Dopo Fedez e Vanessa Incontrada, questa volta a essere stato usato a sua insaputa è la star dei virologi Matteo Bassetti - testimonial di una lunga serie di prodotti naturali (antiparassitari, antifungini, antidolorifici, cardiotonici, ecc.), tra cui Reduslim, ...