News

Raffineria Falconara, inchiesta chiusa: 18 indagati

Raffineria Falconara, inchiesta chiusa: 18 indagati

Raffineria Falconara, inchiesta chiusa: 18 indagati

Si sono chiuse le indagini partite in seguito all’incidente avvenuto sul tetto del serbatoio TK 61 della Raffineria Api di Falconara, che coinvolse uno dei serbatoi più grandi d’Europa con una capacità pari a 160.000 metri cubi di petrolio greggio. L’evento, a sua volta, provocò la fuoriuscita di una nuvola di gas idrocarburici.

Gli indagati sono 18, gli avvisi sono stati notificati nelle ultime ore dai Carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) coordinati dal Pubblico Ministero di Ancora Irene Bilotta.

I reati contestati agli indagati sono di vario titolo: in materia ambientale, gestione illecita di ingenti quantità di rifiuti speciali e lesioni personali a carico di numerosi cittadini.

Striscia si era occupata del caso: Pinuccio era andato ad ascoltare le testimonianze dei cittadini, che si lamentavano per i gravi problemi ambientali, di salute e di sicurezza.


Con l’attività di indagine, che ha coinvolto anche consulenti tecnici, la Procura ha contestato alla raffineria ripetute violazioni; in una nota diffusa dal Noe si spiega: “Le indagini espletate hanno fatto emergere gravi carenze strutturali negli impianti, con diffusione incontrollata e prolungata nell’ecosistema di inquinanti pericolosi per l’ambiente e per l’uomo”.

La Procura contesta l’inquinamento e la dispersione di prodotti nel suolo e nel sottosuolo, che sarebbero stati provocati dallo stato di deterioramento degli impianti e dalle carenze riscontrate nell’ispezione e manutenzione di alcuni serbatoi. Mentre la contestata compromissione della qualità dell’aria sarebbe stata provocata dalle emissioni di gas. Striscia era anche andata a parlare con l’ex direttore dell’Unità di Epidemiologia dell’Istituto Nazionale dei tumori di Milano per capire gli effetti sui lavoratori e sugli abitanti delle zone limitrofe.  
Il Noe riporta che questo comportamento è avvenuto per la: “volont di risparmiare gli ingenti costi per l’ispezione, la manutenzione e l’adeguamento degli impianti in questione”.  Nella nota si legge anche che sono stati riscontrati altri reati contro la pubblica amministrazione.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Caso Soumahoro, il presunto accordo tra Lega Braccianti e Patronato di Bari

Caso Soumahoro, il presunto accordo tra Lega Braccianti e Patronato ...

Pinuccio torna a occuparsi del caso Soumahoro. L'ex sindacalista, infatti, ha risposto a un servizio di Striscia tramite Ansa, sostenendo che la Lega Braccianti «non ha mai preso alcun rimborso in merito al reddito d'emergenza», confermando però l'esistenza di un accordo con il Patronato di Bari. Ma lil nostro inviato è andato a controllare e ha scoperto che non esisterebbe un accordo con il patronato di Bari. A confermarlo è Vitomarino Verzillo, legale dell'Inpal di Bari

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la "Casa dei ...

Continua l'inchiesta di Pinuccio sulle raccolte fondi lanciate dalla Lega Braccianti di Aboubakar Soumahoro. Il nostro inviato si concentra questa volta su quelle organizzate dall'ex deputato direttamente dal suo account Facebook. Alcuni dovrebbero essere stati utilizzati per la costruzione della "Casa dei diritti" del ghetto di Rignano, inaugurata a gennaio 2022 alla presenza del conduttore Flavio Insinna. Immobile che però da gennaio a oggi è rimasto chiuso

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Pinuccio indaga sulle raccolte fondi lanciate online dalla Lega Braccianti di Soumahoro con lo scopo dichiarato di aiutare chi vive nei ghetti. Sulla piattaforma di raccolta fondi GoFundMe si trovano tre campagne dell'associazione di Sumahoro: una per l'acquisto di cibo durante la pandemia, una per i regali di Natale ai bambini del Ghetto (dove non ci sono bambini) e la terza per organizzare uno sciopero. In tutto, sono stati raccolti così 280.000 euro. Peccato che i conti non tornino

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...