News

San Severo, Operazione “Troy”: 43 arresti dopo l’inchiesta di Brumotti

San Severo, Operazione “Troy”: 43 arresti dopo l’inchiesta di Brumotti

San Severo, Operazione “Troy”: 43 arresti dopo l’inchiesta di Brumotti

Una maxi operazione della polizia a San Severo, in provincia di Foggia, ha portato a 43 arresti per detenzione e vendita di droga, dall’hashish fino a cocaina ed eroina. Gli agenti sotto copertura hanno seguito i pusher di turno, da qui il nome dell’operazione, Troy – come la città di Troia -, durata dieci mesi e che ha coinvolto circa 300 uomini.

Droga nel foggiano, lo spaccio vicino le scuole 

Tra gli arrestati vi sono anche molti ragazzi (il più giovane è del 2004) e compaiono anche delle donne. Nei confronti di alcuni degli indagati è stata chiesta l’aggravante per aver spacciato droga in prossimità delle scuole, tutto immortalato dalle immagini riprese di nascosto dagli investigatori.

Come ricorderete, Striscia aveva già documentato lo spaccio nella zona, quando un gruppo di residenti del quartiere di San Bernardino aveva aggredito, verbalmente e fisicamente, Vittorio Brumotti e la sua troupe. Un pugno in pieno volto, in particolare, era costato al nostro inviato un trauma facciale e trenta giorni di prognosi.

Ecco le immagini della violenta aggressione.

La maxi operazione della Polizia contro lo spaccio di droga 

Gli arrestati nell’ambito dell’operazione Troy avevano il totale controllo di vari quartieri della città: dal rione San Bernardino al Luisa Fantasia, denominato Texas. Avrebbero anche utilizzato vari sistemi di sicurezza, come porte in ferro, cancelli e videosorveglianza per garantirsi di operare indisturbati e poter eludere eventuali controlli.

Nel corso delle indagini, condotte dal Servizio Centrale Operativo e dalla Squadra Mobile di Foggia, con il contributo della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, si è accertata la continua attività di traffico illecito di sostanze stupefacenti. Alcune di queste operazioni avvenivano all’interno di abitazioni, spesso occupate anche da minori di 10 anni, mentre altre erano organizzate in degli illeciti “coffee shop” in cui i tossicodipendenti avevano la possibilità di consumare la sostanza di volta in volta acquistata. Le varie “salette” ora sono sottoposte a sequestro preventivo, essendo anche totalmente abusive. 

Durante l’attività è stata fatta anche una stima per quanto riguarda gli incassi mensili di una delle piazze sotto osservazione, con cifre che si aggirerebbero intorno ai 200mila euro al mese.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Nettuno, nessuna traccia della piscina e del teatro

Nettuno, nessuna traccia della piscina e del teatro

Vittorio Brumotti in provincia di Roma ci conduce all'interno di quella che sarebbe dovuta diventare una piscina e poi in un teatro comunale mai realizzato: due strutture finanziate con denaro pubblico. I lavori per la prima sono partiti circa 20 anni fa, ma sono stati interrotti per un contenzioso tra la ditta e il Comune. Mentre la nascita del secondo risale a 15 anni fa: per costruirlo la Regione ha stanziato 4 milioni, cui si aggiungono i 400 mila di un privato

Le ragazze mute per finta e la falsa associazione di disabili

Le ragazze mute per finta e la falsa associazione di disabili

Vittorio Brumotti non può stare tranquillo neppure mentre si trova a Senigallia per una manifestazione. Incrocia un gruppo di cinque ragazze che, mostrando una cartelletta con il logo di un'associazione fittizia di disabili, avvicinano la gente. Lo scopo è estorcere soldi: queste donne, che sfruttano la sensibilità di alcune persone sull'argomento, gesticolano come se fossero mute ma l'inviato scopre voci e linguaggi inaspettati…

Ad Albisola Superiore una

Ad Albisola Superiore una "piscina" colma di sprechi

Vittorio Brumotti in sella alla sua bicicletta ci mostra la struttura incompiuta di Albisola Superiore nel Savonese che sarebbe dovuta diventare una piscina comunale e che invece per ora è soprattutto un deposito di materiale edile. La realizzazione si è fermata per motivi tecnici e il tetto non ha passato i collaudi. Di sicuro per gli abitanti si tratta di un "ecoschifo", per il quale il Comune deve pagare un mucchio di denaro

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

L'inviato alle prese con il popolo dei "solo 5 minuti": molti di coloro che parcheggiano scorrettamente negli stalli per disabili si giustificano dicendo di voler sostare per poco tempo. C'è chi accetta le parole di Brumotti e chi invece ha reazioni scomposte. Alla fine l'autore di tante inchieste per Striscia torna al parcheggio de La Rinascente e trova la brutta sorpresa: van scassinato e computer, telecamere e bici trafugati