News

Tampon tax, approvata in Scozia legge che rende gratuiti assorbenti e prodotti igienici femminili

Tampon tax, approvata in Scozia legge che rende gratuiti assorbenti e prodotti igienici femminili

Tampon tax, approvata in Scozia legge che rende gratuiti assorbenti e prodotti igienici femminili

In Scozia gli assorbenti e i prodotti igienici femminili saranno gratuiti. Lo ha stabilito il Parlamento con una legge, il Period Products Scotland Bill, recentemente approvato con 112 voti a favore, nove contrari e un solo astenuto. Prima di diventare effettivo, il provvedimento dovrà passare la seconda fase dell’iter parlamentare, dove potrebbero essere presentati degli emendamenti.

Di certo c’è che se la legge dovesse passare così com’è la Scozia sarebbe il primo Paese al mondo ad adottare una normativa del genere e farebbe probabilmente da apripista nel settore.

A dare la buona notizia, attraverso il suo account Twitter, è stata la laburista Monica Lennon, che ha definito il Period Products Bill “una pietra miliare e la dimostrazione migliore di quanto il Parlamento scozzese tenga alla parità di genere”.

Thank you to everyone at @CWUnews @cwu_scotland for your commitment to #freeperiodproducts – the poster still has pride of place in my parliamentary office ✊https://t.co/33FlgdkfM2 https://t.co/YNAZWqX1SU

— Monica Lennon (@MonicaLennon7) February 25, 2020

Proprio la Lennon aveva presentato la proposta di legge, il cui costo per la realizzazione è stato calcolato pari a 24 milioni di sterline l’anno (cioè circa 30 milioni di euro).

Se approvato definitivamente il provvedimento garantirà la distribuzione gratuita di assorbenti e prodotti per l’igiene femminile in ogni farmacia, ma anche nei centri sociali e nei luoghi di aggregazione giovanile.

C’è da dire che la Scozia, rispetto all’Italia, era già piuttosto avanti in questo percorso. Nel 2018 era già la prima nazione al mondo a fornire questo genere di prodotti gratuitamente in scuole, college e università, come risposta alla cosiddetta period poverty, cioè la difficoltà economica di molte ragazze di accedere ad assorbenti e altro materiale igienico per le mestruazioni.

Un sondaggio riportato dalla BBC aveva infatti mostrato come una ragazza su 4 non riuscisse ad accedere a questi prodotti per motivi economici, nonostante l’iva fosse già al 5%.

E in Italia? Nel nostro Paese siamo ancora parecchio indietro su questo fronte. Dopo anni di battaglie infatti, si è raggiunto un piccolo obiettivo, quello di abbassare l’Iva dal 22% al 5%, ma solo su assorbenti e prodotti biodegradabili.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?