News

Tapiro d'oro a Conte e Casalino: cosa faranno ora

Un doppio Tapiro d'oro a Palazzo Chigi. Valerio Staffelli ha intercettato Rocco Casalino e, grazie all'intercessione dell'ormai ex portavoce, anche il dimissionario presidente Conte per consegnare l'ambito premio.

"Terminare il mandato con un Tapiro mi rinfranca perché durante tutto il mandato ho detto 'come mai non mi arriva mai il Tapiro?' Ora ce l'ho anch'io", ha dichiarato l'ex premier, che però ha tenuto a sottolineare: "Sono dimissionario, ma ancora per qualche giorno presidente".

A proposito delle vicende che lo hanno visto protagonista negli ultimi giorni, dalle dimissioni alle consultazioni che in qualche modo gli hanno impedito di formare un terzo governo, Conte ha dichiarato: "Io sono onorato di aver servito il mio Paese, con spirito di servizio l'ho fatto. Amo così tanto il Paese che un più alto onore non mi poteva capitare". 

Criptica e particolarmente diplomatica la risposte riguardo Matteo Renzi: "Renzi è un interlocutore politico, è un senatore della Repubblica, fa la sua politica". Mentre per Giuseppe Conte Mario Draghi "è una persona assolutamente stimabile e con un prestigio".

Poco prima di intercettare il dimissionario presidente del Consiglio, Valerio Staffelli aveva raggiunto Rocco Casalino, attapirato per l'uscita dalla casa del potere e per le tante cose che si leggono sul suo conto.

"In questi giorni è pieno di miei virgolettati, di miei pensieri. Io in realtà sto tenendo un silenzio stampa, non sto dicendo nulla, quindi tutte le cose che si sentono sono false e inventate. Devo ringraziarvi, così posso smentire. Non c'è una cosa di quelle scritte che sia vera. Io poi lo dimostrerò", ha detto l'ormai ex portavoce. 

E proprio "Il portavoce" è il titolo del suo libro, che "esce il 16 febbraio - dichiara Casalino - il libro è sulla mia vita, racconto come sono arrivato a diventare portavoce".

Un percorso che lo ha visto diventare celebre per la sua partecipazione al primissimo Grande Fratello, un marchio che gli è rimasto addosso. 
"Sono sempre stato denigrato, trattato come qello che arrivava dalla tv e quindi ci tenevo a sottolineare i miei titoli", ha spiegato a Staffelli. Per questo Casalino esclude che, ora che il suo lavoro a Palazzo Chigi è giunto al termine, possa valutare l'ipotesi di tornare nel reality che gli ha dato la fama: "Non credo che tornerò mai al Grande Fratello Vip, anche se mai dire mai l'ho capito anche nella comunicazione".

Quanto al suo futuro, Casalino dice: "Fuori da Palazzo Chigi, ma non dalla politica. Sono stati tre anni difficili, non è male ora avere un po' di riposo".