News

Il Tar riabilita il carabiniere: fu rimproverato dall’Arma per l’intervista a Striscia sull’emergenza migranti a Gradisca d’Isonzo

Il Tar riabilita il carabiniere: fu rimproverato dall’Arma per l’intervista a Striscia sull’emergenza migranti a Gradisca d’Isonzo

Il Tar riabilita il carabiniere: fu rimproverato dall’Arma per l’intervista a Striscia sull’emergenza migranti a Gradisca d’Isonzo

Il Tar ha riabilitato il maresciallo dei Carabinieri che aveva denunciato a Striscia la notizia l’emergenza dei migranti accampati attorno alla caserma di Gradisca d’Isonzo. La situazione paradossale che vivevano decine di persone provenienti dalla rotta balcanica era stata raccontata da Rajae Bezzaz in un servizio del 19 ottobre 2022. I giovani stranieri, tra i quali anche minorenni, erano costretti a bivaccare in strada e nel parco per iniziare la lunga pratica burocratica utile a ricevere poi l’assistenza al Centro di accoglienza per rifugiati, il Cara.

Fabio Fontana del sindacato carabinieri Unarma aveva spiegato al microfono dell’inviata che, non trattandosi di una competenza dei militari ma della Polizia di frontiera, i mezzi per affrontare l’emergenza erano carenti. «Riusciamo ad aiutarne 5 o 6, non di più, il resto è costretto a bivaccare. C’è un unico bagno per il personale, gli ospiti e i ragazzi che aspettano fuori. A volte è persino impossibile offrir loro un bicchier d’acqua: dal punto di vista logistico la situazione è grave» aveva detto Fontana. I carabinieri, cui veniva chiesto di attivare la procedura per la richiesta di protezione internazionale, erano costretti a trascurare le loro mansioni.

Qui è possibile rivedere il servizio: dopo la messa in onda, tuttavia, il maresciallo e rappresentante  sindacale dei Carabinieri fu sottoposto alla sanzione disciplinare del “rimprovero”, proprio per l’intervista sui migranti che arrivavano a Casa Rossa a Gorizia ma venivano dirottati su Gradisca (circa 5 mila abitanti per un migliaio di richiedenti asilo).

Contro la decisione della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia il maresciallo aveva inutilmente fatto ricorso al Comando interregionale Carabinieri Vittorio Veneto.  Sulla base dell’assunto costituzionale che la libertà di pensiero, seppur critica, non può essere sanzionata il Tar ora ha ribaltato la situazione e cancellato il “rimprovero” che bloccò anche l’avanzamento di grado.

 «È una sentenza innovativa – ha commentato Fontana, come riporta Il Gazzettino –. Costituisce un precedente importante, il Tar si è sostituito a un’amministrazione che fa ancora resistenza a riconoscere i sindacati. È stato riconosciuto che ci eravamo mossi nell’interesse di tutti: carabinieri, migranti e cittadini. E la grave situazione che si era venuta a creare si è risolta proprio dopo l’intervista televisiva».

Se per l’Arma Fontana divulgò notizie di interesse logistico-operativo con una condotta «disciplinarmente censurabile in quanto violazione dei doveri attinenti al giuramento prestato», per il Tar il giudizio è opposto: le dichiarazioni al tg satirico di Antonio Ricci non sono tali da poter ragionevolmente portare a valutazioni negative sulla sua fedeltà alle istituzioni repubblicane e sul suo senso di responsabilità o ledere il prestigio dell’istituzione cui Fontana appartiene. Fontana non avrebbe violato segreti «ma semplicemente espresso una propria considerazione, raccontando uno stato di fatto tutt’altro che segreto e rimarcando elementi di criticità della gestione del servizio riconosciuti dalla stessa amministrazione».

Il ministero della Difesa è stato condannato pagare le spese: 2500 euro.

«Vorremmo tornare a fare il nostro lavoro, stare in mezzo alla gente, preoccuparci di assistere le persone per strada, curare il nostro territorio» era stata la conclusione del messaggio del carabiniere durante l’intervista del 2022.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Guidonia, le case

Guidonia, le case "delle libertà" di cui godono solo certi occupanti

Rajae Bezzaz ci porta a Guidonia, periferia di Roma oltre il Raccordo, in un complesso residenziale sequestrato nel 2017. Metà di questi 105 appartamenti strappati alla criminalità organizzata avrebbero dovuto essere destinati alla Polizia di Stato e metà a progetti di inclusione sociale. Dopo un anno sono scattate invece le occupazioni abusive. E così decine di persone oneste che stanno ancora pagando un mutuo si vedono staccare la corrente, per colpa degli altri

Ammonimento e Gps anti-stalking: strumenti salvavita

Ammonimento e Gps anti-stalking: strumenti salvavita

Rajae Bezzaz ci fornisce altri dettagli su uno strumento prezioso : l'ammonimento da parte del Questore. Alcune donne raccontano la loro esperienza. Valentina, ad esempio, che trovava l'ex sotto casa sua in auto o nascosto nei cespugli, ora può contare sul Gps anti-stalking che segnala il braccialetto elettronico dell'ex compagno in un raggio di 500 metri. Ma i problemi sono tanti: tra questi il fatto che la difesa in tribunale renda noto il nuovo indirizzo della vittima...

Milano, i borseggi-attori di negozi

Milano, i borseggi-attori di negozi

Dopo aver mostrato i borseggi in metro e aver spiegato il trucco della mappa per rubare il cellulare, Rajae Bezzaz ci parla del furto messo in atto da clienti-borseggiatrici che si fingono interessate a grandi acquisti e distraggono la commessa. Le ladre si impadroniscono di oggetti di valore e ripuliscono la cassa. «Ma tre giorni prima del furto» racconta la proprietaria «sono venute le borseggiatrici, quelle della metropolitana che tutti conosciamo, a fare un "sopralluogo"...»

Baci in strada? Neanche l'ombra

Baci in strada? Neanche l'ombra

Rajae Bezzaz ci parla di un articolo de la Repubblica secondo cui il romanticismo è morto: tema di cui l'inviata si è già occupata. Per le generazioni passate il sesso era un tabù, portarsi qualcuno a casa era fuori discussione quindi i baci si rubavano anche per strada. Rajae esorta alcuni a scambiarsi un bacio e chiede ad altri perché non limonino più. E un esperto parla della paura dei vincoli vissuta dai più giovani. Del timore di "rimanerci sotto" o "essere un sottone"

«Donne segregate e violentate nel fortino della droga»

«Donne segregate e violentate nel fortino della droga»

Continua il reportage di Rajae Bezzaz sulle ex Officine Romanazzi di Roma, diventate fortino di spaccio e degrado. Qui secondo l'associazione "La Svolta" alcune donne vengono abusate e segregate. L'inviata cerca di documentare il degrado di questa cittadella perduta ma viene accolta con lanci di bottiglia e da un uomo armato di machete. Arrivano le Forze dell'Ordine che raccontano a Rajae la difficoltà di intervenire in un contesto come questo

Fortino di spaccio, violenza e degrado nella Tiburtina Valley

Fortino di spaccio, violenza e degrado nella Tiburtina Valley

Rajae Bezzaz ci mostra il grande polo industriale in decadenza nella zona Nord-Est di Roma, nota come Ex Penicillina, che nel 2018 fu sgomberata dai senzatetto che la abitavano . In molti trovarono rifugio nelle ex Officine Romanazzi, oggi crocevia di mille traffici: tutti illegali. Un testimone intervistato parla dell'aggressione subita, un altro definisce il posto una sorta di supermercato in cui è possibile trovare Ecstasy, Md…

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Rajae Bezzaz parte dalle contestazioni alla ministra Roccella, ritenute legittime dall'ex direttore del Salone del libro nel 2023. L'inviata ci invita però a tornare al 2022, all'altrettanto legittima protesta di un gruppo di donne contro lo stesso Nicola Lagioia per le sconcertanti parole sessiste da lui scritte su Melissa Panarello. Le pacifiche manifestanti, che Lagioia definì "aggressive", distribuivano volantini: furono identificate dalle forze dell'ordine e allontanate

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro?

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro?

Seconda parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro, rinchiuso tra il 5 e il 6 ottobre 2022 in una cella del Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. La mattina dopo l'ingresso nel Cpr l'uomo di origini nigeriane, secondo un testimone in delicate condizioni di salute, sarebbe stato portato via per essere ricoverato all'ospedale di Melfi. Secondo le dichiarazioni dei sanitari sarebbe arrivato però al Pronto Soccorso solo nel pomeriggio del giorno dopo. Perché?

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Questa è la prima parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro, trattenuto nel Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. Secondo un compagno di cella il ragazzo stava già male quando è entrato: il giorno dopo sono arrivate le forze dell'ordine e l'uomo sarebbe stato portato via in ambulanza. Ma l'uomo è stato trasportato al Pronto Soccorso? E perché poi in una telefonata partita dal Comune si parla del ritrovamento del suo cadavere nelle campagne di San Nicola?

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Rajae Bezzaz torna a occuparsi del sedicente animalista Antonio Colonna protagonista negli anni di diversi sequestri di cani. Sembra infatti che l'uomo abbia preferito querelare Striscia la notizia piuttosto che rispondere alle domande dell'inviata. Dopo di che ha organizzato una conferenza stampa insieme ai suoi amici. Colonna ha sempre evitato il confronto con i microfoni del tg satirico, ma Rajae rinnova la proposta di un'intervista. Accetterà?

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Rajae torna a parlarci del caso di Carmen, vittima di molestie, e si chiede perchè le forze dell'ordine facciano fatica a intervenire in casi del genere. La risposta è nella testimonianza di un'altra donna che invita ad ammonire il proprio aguzzino, intimandogli di non commettere più minacce o intrusioni nella vita altrui. Il vantaggio è che per avviare la domanda di ammonimento non serve assistenza legale e la polizia può agire più rapidamente

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

La famiglia che ha riposto in Striscia le sue speranze è stata ricompensata: dopo aver ricevuto solo due mesi di affitto, in otto anni, dall'affittuario di Montesano Scalo in provincia di Salerno, per Antonio e i suoi cari grazie alla caparbietà di Rajae Bezzaz è arrivato il parziale lieto fine. Appartamento libero, o meglio pieno di rifiuti. Ora si attende il versamento dei 12mila euro mai pagati: se non arriveranno, l'inviata ritornerà

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

Le domande di Rajae Bezzaz alla conduttrice di Belve, che sfoggia nel programma Rai vistosi e costosi gioielli di un noto brand, prestandosi a interviste di copertina su riviste che riportano il marchio. Marchio che sui social a sua volta posta le foto della giornalista, cui la Fagnani stessa mette like. «Non ho preso una lira» è l'autodifesa. Ma non cambia il fatto che i giornalisti non possono prestare nome, voce e immagine per iniziative pubblicitarie