News

Bugie di Soumahoro, parte 4. Dove sono gli aiuti promessi?

Bugie di Soumahoro, parte 4. Dove sono gli aiuti promessi?

Bugie di Soumahoro, parte 4. Dove sono gli aiuti promessi?

La serie “le bugie di Soumahoro” di Pinuccio per Striscia la notizia arriva al quarto episodio. L’inviato continua a investigare sul dossier difensivo di Aboubakar Soumahoro, con il quale l’onorevole del Gruppo misto ha provato a rispondere e a spiegare i tanti dubbi sollevati dal tg satirico che riguardano il suo operato nella Lega Braccianti.

Nell’ultimo servizio, l’inviato di Striscia la notizia torna a occuparsi della raccolta fondi “Cibo e diritti” nata, in teoria, per aiutare i braccianti e le loro famiglie durante la pandemia. Questa volta, però, il focus si sposta sulla mai avvenuta consegna dei beni di prima necessità in Abruzzo, a un evento organizzato da Yacouba Saganogo, ex amico fraterno di Soumahoro. Ovviamente, nel dossier l’onorevole prova a dare la sua risposta, sostenendo di non essersi potuto recare a Pescara a causa di un lutto e poi incolpando Saganogo per non aver riorganizzato l’evento.

Ma questa sembra proprio essere un’altra bugia e Pinuccio vuole saperne di più. L’onorevole Soumahoro non risponde direttamente alle domande di Striscia, che lo cerca dal 25 ottobre scorso, però, solo poco tempo fa, proprio l’ex amico di Aboubakar ha raccontato a Pinuccio che «la consegna fu rinviata almeno quattro volte e lui non è mai venuto. Ho chiesto ad Abù che, se non poteva venire di persona, poteva almeno mandarci il furgone con il cibo, ma niente: ha sempre voluto rimandare. La gente ha pensato che l’avessimo fregata».

Una bugia al giorno. Soumahoro non ha mai fatto il bracciante né lo zappatore

Di sicuro questa versione dei fatti non fa fare una bella figura all’ex sindacalista, che per molto tempo si è auto proclamato paladino dei braccianti e che in passato ha ribadito in televisione: «Ho fatto il bracciante e lo zappatore». Del resto, anche in quel caso era stato lo stesso Yacouba Saganogo a confidare a Pinuccio che Soumahoro non ha mai fatto il bracciante e non ha mai lavorato la terra o i campi.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Aboubakar Soumahoro è un personaggio costruito a tavolino da alcuni maitre à penser della sinistra, in particolare dall'ex direttore dell'Espresso Marco Damilano e dal conduttore di Propaganda Live Diego Bianchi, noto come Zoro. Lo hanno detto in molti dopo lo scandalo che ha investito l'ex sindacalista e la sua famiglia. Striscia ora mostra in esclusiva un video girato al Festival del giornalismo di Perugia il 7 aprile 2019 in cui sono loro stessi ad ammetterlo

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: il parere degli italiani

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: ...

Gli onorevoli Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli - rispettivamente leader di Sinistra Italiana e dei Verdi - devono dimettersi dopo l'affaire Soumahoro, per non aver ascoltato i molti avvertimenti di chi aveva più di qualche perplessità sull'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. È questo il parere dei telespettatori di Striscia la notizia: favorevoli alle dimissioni il 97% di chi ha detto la sua sul sito

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni e Bonelli

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni ...

Prima che Verdi e Sinistra Italiana candidassero Aboubakar Soumahoro, qualcuno aveva avvertito Fratoianni e Bonelli su alcune ambiguità nell'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. Si tratta dell'ex senatrice 5 Stelle Elena Fattori, dei due esponenti pugliesi di Sinistra Italiana Marco Barbieri e Mario Nobile e Don Andrea Pupilla e del responsabile della Caritas di San Severo. Ecco la ricostruzione completa dei fatti

Caso Soumahoro, intervista al sindacalista aggredito

Caso Soumahoro, intervista al sindacalista aggredito

Pinuccio torna a occuparsi del "caso Aboubakar", con un'intervista esclusiva a Mohammed Elmajdi. Il sindacalista della Cisl di Foggia ad agosto è stato aggredito e sequestrato all'interno del cosiddetto "Gran Ghetto di Rignano" da un gruppo di uomini riconducibili alla Lega Braccianti di Aboubakar Soumahoro. Episodio denunciato, tra le altre cose, anche nella lettera inviata da due esponenti di Sinistra Italiana (Marco Barbieri e Mario Nobile) al capo del partito, l'onorevole Nicola ...