News

Il flop del bonus taxi a Napoli: i tassisti non accettano il voucher riservato alle categorie più fragili

Il flop del bonus taxi a Napoli: i tassisti non accettano il voucher riservato alle categorie più fragili

Il flop del bonus taxi a Napoli: i tassisti non accettano il voucher riservato alle categorie più fragili

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20:35) va in onda il servizio di Luca Abete sul flop del bonus taxi a Napoli, i voucher di massimo 120 euro riservati alle categorie più fragili della popolazione (tra cui disabili, donne in gravidanza, anziani e neo genitori), ma che la stragrande maggioranza dei tassisti non accetta. «È troppo complicato scaricare l’applicazione e creare l’account», si giustificano alcuni di loro con l’inviato del Tg satirico. «Io ho fatto una corsa dal valore di 18 euro, ma il Comune ancora non mi ha pagato», racconta un altro. E c’è addirittura chi dichiara di non conoscere questo servizio.

La cifra stanziata dal Ministero delle Infrastrutture per questa iniziativa è di circa 2 milioni di euro, messi a disposizione del comune di Napoli già due anni fa, anche se il servizio è stato attivato solo in primavera 2022.

«L’applicazione funziona. L’abbiamo ridotta al minimo per renderne facile l’utilizzo. E non c’è neanche un problema sul ritardo dei pagamenti», dichiara Luca Trapanese, assessore al Welfare del Comune di Napoli. E aggiunge: «Si rischia di restituire quasi 2 milioni di euro, perché i fondi devono essere spesi entro il 31 dicembre. Speriamo di avere una proroga per trovare una soluzione a vantaggio di tutti».

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Avellino, dopo 16 anni il cubo blu è ancora chiuso

Avellino, dopo 16 anni il cubo blu è ancora chiuso

Luca Abete ci parla di quello che sarebbe dovuto diventare un centro specialistico per persone con il disturbo dello spettro autistico, soprattutto bambini. Una struttura dalla storia travagliata, iniziata nel 2001 con un bando regionale per l'utilizzo di fondi europei cui ha partecipato il Comune. Due anni dopo la Regione Campania ha stanziato circa 3 milioni e mezzo di euro per realizzare il centro. Prima pietra posata l'11 giugno 2007. Peccato che il centro non sia mai stato aperto

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Entriamo con Luca Abete in un cento estetico in cui vengono praticati trattamenti al setto nasale e "blefaroplasma", tecnica attraverso la quale il laser brucia la pelle in eccesso della palpebra. L'inviato chiede il parere di un esperto, perché blefaroplastica e rinoplastica sono illegali quando non praticate da un medico: potrebbero infatti creare ustioni alla cornea e ai tessuti profondi oppure necrosi con danni irreversibili"

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Luca Abete ci parla di alcuni artisti neomelodici che si associano alla criminalità organizzata, arrivando anche a inneggiare alla Camorra e ai suoi capiclan. I messaggi espliciti a sostegno della malavita trovano spazio anche sui social. L'inviato incontra un influencer che comunica concetti discutibili sulle sue pagine e quando l'inviato gli chiede spiegazioni, l'organizzazione criminale sembra non esistere più