News

La ricetta del risotto alla milanese di Cesare Battisti del Ristorante Ratanà a Milano

La ricetta del risotto alla milanese di Cesare Battisti del Ristorante Ratanà a Milano

La ricetta del risotto alla milanese di Cesare Battisti del Ristorante Ratanà a Milano

Celebre per i suoi risotti, Cesare Battisti, nel suo ristorante Ratanà a Milano, propone in carta un eccellente risotto alla milanese con ossobuco in gremolata, considerato da molti tra i più straordinari di Milano.
 

Ingredienti:

Risotto per 4 persone:

– 800 g di brodo di carne
– 250 g di riso Carnaroli autentico 
– 90 g di formaggio grattugiato lodigiano tipico 
– 60 g di burro di malga
– 20 pistilli di zafferano
– 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
– 1 bustina di zafferano in polvere
– 1/2 cipolla

Ossobuco per 4 persone:

– 30 g funghi porcini secchi
– 20 g olio extravergine di oliva
– 4 ossibuchi di vitello da 250/300 g l’uno
– 2 bicchieri di vino bianco
– 2 bicchieri di brodo di carne di vitello
– 2 carote medie
– 2 rametti di salvia e rosmarino
– 1 cipolla
– 1 gambo di sedano
– 1 ciuffetto di prezzemolo
– La scorza di ½ limone grattugiata
– Sale e pepe q.b.

Procedimenti:

Risotto:

Unire in una casseruola l’olio extra vergine e mezza cipolla non tagliata.
Far appassire e togliere la cipolla. Aggiungere il riso e tostarlo fino a che non diventi translucido. Iniziare la cottura con il brodo di carne filtrato, aggiungere lo zafferano in polvere e in pistilli e cuocere per 14 minuti.
Spegnere il fuoco e mantecare con il burro e il formaggio.

Ossobuco:

Mondare gli ossibuchi eliminando o tagliando la cartilagine esterna che li farebbe arricciare in cottura. Tagliare le verdure e farle appassire in un tegame di coccio.
A parte, rosolare la carne e, una volta dorata da entrambi i lati, adagiarla sulle verdure e aggiungere salvia, rosmarino, vino bianco e funghi.
Abbassare la fiamma, coprire e continuare la cottura per circa 1 ora e un quarto, aggiungendo brodo qualora il fondo si asciugasse troppo.
Una volta cotti, trasferire gli ossibuchi in un altro tegame e passare le verdure al passaverdure. Con la salsa ottenuta, ricoprire gli ossibuchi e al momento dell’impiattamento spolverarli con la “gremolata” *
Servire l’ossobuco accompagnato dal risotto alla milanese.

* La gremolata è un trito di prezzemolo e scorza di limone. Una volta si usava aggiungere nel trito anche un’acciuga salata e uno spicchio d’aglio fresco, sapori forse troppo decisi per i palati di oggi.

Da qualche tempo, è possibile gustare anche una variante della ricetta del tipico risotto giallo meneghino, il risotto Vecchia Milano, con l’aggiunta di midollo, omaggio alla tradizione antica della città.

Ingredienti per 4 persone:

– 800 g di brodo di carne
– 250 g di riso Carnaroli autentico
– 90 g di formaggio grattugiato lodigiano tipico
– 60 g di burro di malga
– 20 pistilli di zafferano
– 8 cucchiai di fondo bruno
– 4 pezzi di osso di stinco di vitello posteriore con il midollo
– 4 filetti di acciughe
– 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
– 1 bustina di zafferano in polvere
– 1 ciuffetto di prezzemolo
– 1 una punta di rametto di rosmarino
– 1/2 cipolla
– 1/ 4 di buccia di limone grattugiato

Procedimento:

Unire in una casseruola l’olio extra vergine e mezza cipolla non tagliata.
Far appassire e togliere la cipolla. Aggiungere il riso e tostarlo fino a che non diventi translucido. Iniziare la cottura con il brodo di carne filtrato, aggiungere lo zafferano in polvere e in pistilli e cuocere per 14 minuti.
Spegnere il fuoco e mantecare con il burro e il formaggio. Aggiungere l’osso con il midollo fatto cuocere 5 minuti in forno a 180°, due cucchiai di fondo bruno e la gremolata, ottenuta tritando prezzemolo, rosmarino, acciughe e buccia di limone.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La

La "Panzanella mediorientale" del campione di cous cous Pierpaolo ...

Torna la rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" con Paolo Marchi, che incontra Pierpaolo Ferracuti del ristorante Retroscena a Porto San Giorgio (Fermo). Lo chef propone la ricetta della "Panzanella Mediorientale", piatto con cui ha vinto il Campionato mondiale di cous cous di San Vito Lo Capo (Trapani) a settembre 2022. Un cous cous di gambero e gazpacho dove acidità e piccantezza sono ben bilanciate, esaltato dalla croccantezza del pane tostato.

Il radicchio farcito di Tommaso Tonioni, il dessert che non ti aspetti

Il radicchio farcito di Tommaso Tonioni, il dessert che non ti ...

Paolo Marchi e lo chef Tommaso Tonioni (33 anni) presentano la ricetta del radicchio farcito con rape rosse, patate "Blu Star" e mela Abbondanza. Dagli studi artistici, alla passione per la musica rock a quella per la cucina. È la storia di Tonioni, che è passato dalla panificazione alla cucina moderna. Il suo radicchio nasce dal voler proporre un dolce usando però i vegetali, ed è perfetto da servire dopo i pasti.