News

Pistoiese Calcio, dopo la crisi arrivano gli arresti. Il servizio di Striscia

Pistoiese Calcio, dopo la crisi arrivano gli arresti. Il servizio di Striscia

Pistoiese Calcio, dopo la crisi arrivano gli arresti. Il servizio di Striscia

L’ex “garante” Maurizio De Simone era stato inibito dalla FIGC, ma continuava a essere operativo nella gestione del club. Ora è in carcere. In totale le misure cautelari sono 24, otto in carcere, 14 agli arresti domiciliari e due interdittive a svolgere attività professionale e commerciale. L’intervista di Chiara Squaglia a De Simone del 28 febbraio.

Sono 24 le misure cautelari eseguite dalla Guardia di Finanza, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Roma, Mara Mattioli, su richiesta del Procuratore Donata Patricia Costa. L’accusa riguarda diversi reati finanziari ai danni dell’Unione Europea: frode fiscale, riciclaggio e bancarotta. Alcune di queste persone, originarie di Avellino, hanno o hanno avuto a che fare con la Pistoiese Calcio. Tra loro, Maurizio De Simone, 43 anni, arrestato proprio nella sede della società calcistica e trasferito poi nel carcere di Pistoia. Di lui, ex garante del trust “Orange” proprietario della società sportiva, si è occupata anche Striscia la notizia. Infatti, il 28 febbraio 2024 Chiara Squaglia l’ha incontrato e ha cercato di fare luce sulla sua posizione perché, nonostante fosse stato ufficialmente inibito per cinque anni dalla FIGC, era in realtà ancora operativo nella gestione della squadra. Inoltre, il club è pieno di debiti e l’inviata ha provato a fare chiarezza anche su questo punto.

Non solo Maurizio De Simone, in carcere anche Stefan Lehmann, ex proprietario della Pistoiese Calcio

In totale le persone finite in carcere sono otto. Tra queste, oltre a De Simone, c’è anche il tedesco Stefan Lehmann, ex proprietario della Pistoiese, detenendo le quote di maggioranza della “Holding Arancione”. Dopo essere stato indagato nel 2022 a Venezia per evasione dell’Iva, l’uomo aveva ceduto le quote a una società inglese.

Omar Vecchione agli arresti domiciliari. Anche lui faceva parte della società calcistica

Agli arresti domiciliari sono invece finiti in 14, tra cui l’avellinese Omar Vecchione. Anche lui aveva fatto parte della stessa società calcistica attraverso la sua Omav, un’azienda di servizi per le imprese con sede legale a Roma e con altre unità operative sparse sul territorio nazionale. Come dipendente della Omav, De Simone era riuscito ad aggirare la squalifica della FIGC per operare nel club arancione. Le altre due misure cautelari, infine, sono interdittive a svolgere attività professionale e commerciale.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Tumori, le tante bugie della sedicente guaritrice

Tumori, le tante bugie della sedicente guaritrice

Chiara Squaglia ci racconta cosa ha scoperto di nuovo sulla sedicente sciamana che promette di guarire i tumori, convincendo le persone ad abbandonare le cure ufficiali. L'inviata scopre che molte informazioni del suo curriculum non sono corrette, dal corso di psiconeuroendocrinoimmunologia mai conseguito al titolo di docente del Master online in Scienze Quantistiche e della Salute che non risulta, fino alla collaborazione con l'Associazione Ippocrate, smentita dai suoi stessi vertici

La sedicente guaritrice di tumori si difende: «Non è mia la colpa della morte»

La sedicente guaritrice di tumori si difende: «Non è mia la ...

Chiara Squaglia si occupa ancora della sciamana che sostiene di saper curare questi brutti mali. Dopo aver avuto il coraggio di chiedere alla madre di Massimo, malato di cancro e poi morto, di farle pubblicamente le scuse, la donna di Rimini ha raccontato la sua versione a un giornale locale. E non si è neanche trattenuta dal negare l'evidenza, sostenendo di non possedere i macchinari di cui si era vantata nei precedenti servizi di Striscia

L'inchiesta sulla sedicente guaritrice di tumori continua

L'inchiesta sulla sedicente guaritrice di tumori continua

Chiara Squaglia torna a occuparsi della sciamana che dice di poter curare il cancro con un macchinario, a suo dire, miracoloso. Dopo i servizi di Striscia la donna ha inviato dei messaggi intimidatori alla mamma di Massimo, deceduto dopo aver rifiutato le cure mediche. Ecco i vocali che l'uomo aveva inviato ai suoi amici quando si era affidato a lei e la testimonianza del dottor Francesco De Rosa, oncologo dell'istituto romagnolo per lo studio dei tumori