News

Telemarketing selvaggio ed estorsioni: la Polizia sgomina rete criminale  tra Italia e Albania

Telemarketing selvaggio ed estorsioni: la Polizia sgomina rete criminale tra Italia e Albania

Telemarketing selvaggio ed estorsioni: la Polizia sgomina rete criminale  tra Italia e Albania

Telemarketing selvaggio, truffe ed estorsioni che servivano ad attivare via telefono contratti luce e gas in modo fraudolento: Polizia di Stato italiana e Polizia albanese hanno azzerato una rete internazionale di criminali attraverso l’operazione “Energy switch”. Le indagini, coordinate dalla Procura di Milano, hanno fatto luce su un’associazione a delinquere estremamente ramificata. E di telemarketing selvaggio che tormenta milioni di cittadini nonostante esistano ben precise norme – in particolare quella che vieta di contattare gli utenti iscritti al Registro delle opposizioniStriscia la notizia si è occupata spesso, in particolar modo attraverso i servizi di Moreno Morello.

Il Centro operativo per la sicurezza cibernetica di Milano scopre un ampio sistema criminale

Per quanto riguarda l’operazione di polizia, tutto è partito da un sacerdote milanese tartassato dalle telefonate di call center che gli chiedevano il pagamento di bollette insolute con insistenza e modalità aggressive. A partire dalla sua querela il Cosc, Centro operativo per la sicurezza cibernetica di Milano, ha scoperto l’esistenza di un vastissimo sistema criminale: una rete composta da due società padovane fornitrici di luce e gas (peraltro di recente sanzionate dal Garante della Privacy e dall’Antitrust) e call center in Italia e in Albania specializzati in attivazioni fraudolente, estorsioni e autoriciclaggio dei proventi illeciti. Le attività hanno interessato 12 sedi di call center (di cui 3 in Albania) e 21 soggetti tra amministratori, commercialisti, consulenti e dipendenti. L’indagine, è stata condotta dalla Polizia Postale sotto la direzione della Procura di Milano e della Procura Speciale contro la corruzione e il crimine organizzato (Spak) di Tirana. Cospicui i profitti realizzati: nei primi tre mesi del 2023 ammontavano a circa 9 milioni di euro.

La voce della vittima in certi casi veniva manipolata con app di intelligenza artificiale

Le vittime erano convinte di parlare con dipendenti dell’Arera, Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, o di compagnie energetiche con cui avevano stipulato regolari contratti. Per raccogliere informazioni venivano usati pretesti come fantomatici lavori stradali che avevano troncato i cavi elettrici: quando non riuscivano a persuadere la vittima a sottoscrivere un nuovo contratto, gli indagati utilizzavano i dati acquisiti per attivarlo ugualmente, apponendo firme false in calce ai documenti. E quando la procedura richiedeva una registrazione vocale, la voce della vittima registrata durante la telefonata era in certi casi manipolata ad arte con editor audio o con app di intelligenza artificiale. Il fine? Che si potessero sentire, pronunciati dall’ignaro utente, i necessari dati personali e i vari “sì” in risposta alle domande.

Alle vittime arrivavano salatissimi solleciti di pagamento e altre telefonate, dai toni sempre più intimidatori di sedicenti addetti al recupero crediti. In diversi casi le richieste si trasformavano in vere e proprie estorsioni. «Intanto ti depotenziamo la fornitura elettrica e, se ancora non paghi, ti stacchiamo la corrente»: questi contenuti e toni delle telefonate, tanto più aggressivi quanto più le vittime si presentavano vulnerabili come nel caso di un’anziana donna veneta di 87 anni.

Gli operatori della Polizia hanno trovato un migliaio di vittime ancora ignare di essere cadute nella trappola

È stata inoltre accertata la sistematica violazione delle norme dettate dal G.D.P.R. circa la raccolta e il trattamento dei dati personali delle vittime. Gli operatori della Polizia hanno trovato numerose altre vittime – circa un migliaio – che ancora non si erano rese conto di essere cadute nella trappola, molte delle quali hanno contribuito al buon esito delle indagini, anche sporgendo querela. In due casi le attività di perquisizione sono state eseguite con militari del Nucleo speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza – II Gruppo Milano, che agivano nell’ambito di un diverso contesto d’indagine.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Il paese è piccolo e la gente mormora, se i dati non son protetti

Il paese è piccolo e la gente mormora, se i dati non son protetti

Nel paese del Veneto da cui ci parla Moreno Morello i cittadini più curiosi accedono a molte informazioni sugli altri. Sul sito del Comune sono riportate ordinanze e ingiunzioni con nomi, date di nascita e indirizzi di persone che non si sono rese responsabili di grandi crimini ma solo di piccole irregolarità. Come le generalità di un signore che ha tenuto una volta il cane sciolto! Ma i dati non dovrebbero essere pubblici solo se la finalità è ampiamente giustificata?

Il tubo fognario è vecchio e pericoloso ma a pagare sono i cittadini

Il tubo fognario è vecchio e pericoloso ma a pagare sono i cittadini

Un tubo in pessime condizioni a Marcon nel Veneziano: la fuoriuscita di liquami dalla fogna pubblica mina le fondamenta di molte case lungo la stessa strada. I cittadini hanno pagato per opere di rinforzo e contenimento. C'è chi, per aver fatto causa, ha dovuto vendere macchina e cucina. E la società che gestisce la rete ha consigliato per iscritto agli abitanti di attaccarsi ad altra linea fognaria, a loro spese. In caso di bisogno potranno rivolgersi a qualche istituto di credito…

Testamento sparito, piccoli gruzzoli e grandi bonifici

Testamento sparito, piccoli gruzzoli e grandi bonifici

Moreno Morello torna a parlarci della coppia che convinse la signora Ileana - scomparsa nel 2022 - a dare i suoi soldi in beneficenza. La donna non aveva lasciato eredi noti, il testamento era misteriosamente sparito. I due coniugi hanno fatto prelievi dal suo conto con una delega, mentre lei era in vita. Intervistati dall'inviato, hanno parlato di enti come Telethon, Airc e Hospice tra i destinatari del "gruzzoletto piccolino". Ma sono emersi bonifici da quasi 100 mila euro

Finale Emilia, la discarica nella zona a rischio idrogeologico

Finale Emilia, la discarica nella zona a rischio idrogeologico

Moreno Morello ci parla di un promontorio del Modenese da anni fonte di preoccupazione per i cittadini. In molti si sono radunati ai piedi del rilievo: una discarica degli anni '80 dove venivano stoccati diversi rifiuti. Nel 2000 il sito è stato chiuso, ma le preoccupazioni non sono finite. Nel 2012 apre una nuova discarica e si verificano gravi fenomeni di inquinamento delle falde. Arriva lo stop nel 2015. Ma dal 2019 c'è una nuova autorizzazione per una mega discarica

Investimenti in Romania: perché i consulenti cancellavano dati dai documenti?

Investimenti in Romania: perché i consulenti cancellavano dati ...

Moreno Morello torna a parlarci dei consulenti di Ravenna che accompagnavano clienti in Romania ad aprire società, per ottenere profitti milionari. Il signor Parisio, l'intermediario, avrebbe incassato migliaia di euro senza mai procurare un quattrino a chi investiva. Ma come mai questi consulenti, che ora dichiarano di aver sporto querela verso lo stesso Parisio, cancellavano i nomi delle banche e altri dettagli dai documenti, occultandoli ai clienti che non hanno mai visto un soldo?

Morello, le criptovalute e le piantumazioni mai avvenute

Morello, le criptovalute e le piantumazioni mai avvenute

L'inviato torna a parlare dei soldi versati al Coemm di Maurizio Sarlo e del progetto naufragato basato sulle criptovalute, legato alla piantumazione di piantine di vetivèr e pensato "per ossigenare il mondo"! Fabrizio Bassanesi ha abbandonato il Coemm, di cui era vicepresidente, perché venivano accettate donazioni per scopi non realizzati. Ma i 320mila euro versati dove sono finiti? Morello rinnova l'invito a Sarlo: se ha qualcosa da dire, noi siamo qui

Il mare dei contratti luce e gas è infestato dai pirati

Il mare dei contratti luce e gas è infestato dai pirati

Chi sono i pirati della Penisola del tesoro? Quelli che chiamano da un numero abusivo, quelli che sanno già tutto di noi prima che rispondiamo, che conoscono nome, codice fiscale e Iban e vogliono rifilarci un contratto luce e gas. E la beffa, ci spiega Moreno Morello, è che il fornitore ci avverte pure di difenderci dalle chiamate dei pirati. Ma sarebbe più facile se evitassero di assumerli! In rete, invece, c'è chi offre un intero database con 11 milioni di dati a soli 699 euro

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Ignari cittadini come agrumi da spremere? Una lunga filiera di aziende arraffa informazioni utili da liste dettagliate dei nostri dati personali, a nostra insaputa, per venderci prodotti di ogni tipo. Moreno Morello ci mostra un esperimento fatto a Padova. La società di Frosinone di cui si parla nel servizio può contare su 21 milioni di dati anagrafici, praticamente mezza Italia, per procurare appuntamenti nel settore immobiliare e in altri ambiti

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Moreno Morello ci racconta come il dicastero della Sanità possa sabotare la qualità della vita di un cittadino, che fu operato a soli 6 anni per una patologia cardiaca, subendo trasfusioni con sacche di sangue infetto. Nel 2011 l'uomo scoprì di essere affetto da epatite C ma la richiesta di indennizzo fu negata: per il Ministero era passato troppo tempo dal fatto. Arturo ha così avviato una lunga battaglia legale

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Morello esamina tante infelici esperienze in ambito di ristrutturazioni edilizie. L'inviato raccoglie le testimonianze di alcuni clienti di imprese che hanno preteso versamenti in anticipo per lavori eseguiti solo parzialmente. Tra gli intervistati anche Rocco Casalino che, a fronte del pagamento di 42mila euro dei 45mila pattuti, si è trovato con il 60% delle opere non portate a termine. E gli impresari? Dicono di non avere avuto a che fare con lui e con gli altri committenti...

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti agli anziani

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti ...

Moreno Morello continua l'inchiesta sull'agenzia attiva tra Lazio e Piemonte che, presentandosi come partner di Acea Energia, avrebbe raggirato gli utenti che avevano appena cambiato fornitore, tentando di farli tornare sui proprio passi sostenendo che ci fossero (false) anomalie nelle bollette, risolvibili con un intervento tecnico. In realtà lo scopo era fargli firmare un nuovo contratto. L'inviato intervista Giuseppe Lauretti, l'avvocato dell'agenzia