Paesi, paesaggi…l’oreficeria di Calascio

Davide Rampello si trova in Abruzzo e più precisamente a Calascio, paese situato a quaranta chilometri da L'Aquila. Paesaggio che fa da sfondo alla storia di Giampiero, maestro orafo che insieme al fratello ha creato un museo del gioiello, in cui si possono ammirare gioielli tradizionali che principesse e regine hanno sfoggiato in numerosi dipinti, e un antico laboratorio di oreficeria che è una macchina del tempo

Davide Rampello si trova in Abruzzo e più precisamente a Calascio, paese situato a quaranta chilometri da L'Aquila. Paesaggio che fa da sfondo alla storia di Giampiero, maestro orafo che insieme al fratello ha creato un museo del gioiello, in cui si possono ammirare gioielli tradizionali che principesse e regine hanno sfoggiato in numerosi dipinti, e un antico laboratorio di oreficeria che è una macchina del tempo

03/06/2022

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Davide Rampello e il pascolo rigenerativo nell'antica Sutri

Davide Rampello e il pascolo rigenerativo nell'antica Sutri

Per la rubrica "Paesi, paesaggi…" Davide Rampello è a Sutri (Viterbo), città da sempre considerata la porta della civiltà etrusca. Il paesaggio della Tuscia meridionale fa da sfondo alla storia di Andrea e Silvia, allevatori e casari che hanno dato vita a una fattoria basata sul pascolo rigenerativo: antica pratica agricola che favorisce la cattura del carbonio nel terreno con un impatto positivo per la salute del suolo, degli animali e di conseguenza degli esseri umani.

Davide Rampello ci porta a Mantello nella fattoria del futuro

Davide Rampello ci porta a Mantello nella fattoria del futuro

La rubrica "Paesi, paesaggi…" è nella località della bassa Valtellina, dove Plinio ha creato una fattoria modello oggi guidata dalla figlia Viola. Il cuore è la stalla: qui la tecnologia si incontra con il buon senso contadino: c'è la stazione di mungitura automatizzata dove le vacche decidono quando farsi mungere, il distributore di foraggio computerizzato che riproduce l'attività al pascolo e la lettiera di sabbia, fresca e confortevole come la terra dei campi.

Il cavallo murgese della riserva naturale di Martina Franca

Il cavallo murgese della riserva naturale di Martina Franca

Nella rubrica "Paesi, paesaggi…" Davide Rampello fa tappa alla masseria Galeone, cuore della riserva naturale delle Murge Orientali gestita dal reparto Carabinieri Biodiversità di Martina Franca, in Puglia. Qui si alleva il cavallo murgese, razza autoctona che rischiava l'estinzione. Nella masseria i cavalli nascono e crescono in un ambiente protetto, le tecniche dolci di addestramento abituano il puledro alla condivisione del lavoro.

Il borsat di Livigno, carne di pecora cucita come una borsetta

Il borsat di Livigno, carne di pecora cucita come una borsetta

Per "Paesi, paesaggi…" Davide Rampello si trova a Livigno, sull'altopiano più alto d'Europa a quasi 2000 metri di quota. Qui, nella frazione di Trepalle, viene conservato un ricco patrimonio di storie di montagna. L'inviato racconta la storia di Maria Domenica Silvestri detta "Menia", un'artigiana culinaria che tiene vive le tradizioni del luogo e prepara cibi come il borsat, la carne di pecora cotta in una maniera molto particolare.

Urbino, la città ideale rinascimentale colorato di blu guado

Urbino, la città ideale rinascimentale colorato di blu guado

Davide Rampello si addentra tra le bellezze di Urbino, nel paesaggio di Montefeltro: la "città ideale" del Rinascimento è posata sulla collina tra vicoli di archi e chiese. In questo scenario di meraviglia, il nuovo episodio di "Paesi, paesaggi…" ci parla di Alessandra, che ha aperto un laboratorio per la tintura con il quado, una tintura blu (il colore della nobiltà) il cui colore nasce da una pianta, l'Isatis tinctoria, con un procedimento tutto artigianale.

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Afghanistan: il pericolo non è finito, ma l'Italia ha la memoria corta

Afghanistan: il pericolo non è finito, ma l'Italia ha la memoria ...

Da quando i talebani hanno preso il controllo dell'Afghanistan lo scorso agosto, il destino di coloro che hanno collaborato con il governo italiano è appeso a un filo. Rajae questa volta ci racconta la storia di Hanif, profugo fuggito in Iran che ha rischiato la vita con ben due sequestri da parte della tratta di esseri umani e che ora cerca di ricongiungersi con lo zio che ha cittadinanza italiana. Ma la burocrazia è una rete difficile da sbrogliare

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;