News

La ricetta del Peposo di Valeria Piccini a Striscia la notizia

Orgogliosa figlia di contadini e di casari, Valeria Piccini inizia a frequentare la cucina del ristorante Da Caino, a Montemerano, uno dei più bei borghi della Maremma, sin dall’età di quattordici anni. La sua maestra è Angela, moglie di Carisio Menichetti detto Caino. Dietro ai fornelli, Valeria non si limita a imparare: la sua forte personalità è in grado di dare un’impronta particolare alla cucina del ristorante, arricchendo di spunti creativi i piatti tradizionali del territorio.

In questo percorso Valeria non è sola: si innamora e sposa Maurizio, figlio di Angela e Carisio, e poi nasce Andrea, attuale responsabile della cantina. Cuore, studio, estro creativo fanno di Valeria Piccini una fra le più apprezzate chef italiane alla guida di un’insegna nata nel ’71 come semplice trattoria che vanta, da oltre 20 anni, due stelle Michelin.

Per il pubblico di Striscia la notizia, Valeria Piccini propone la sua interpretazione del “Peposo", una ricetta che risale al XV sec. come pasto degli artigiani e degli operai che lavoravano alle fornaci del cotto e delle ceramiche all’Impruneta. Manzo, pepe e vino Chianti sono gli ingredienti base di questo piatto caratterizzato da una lenta e lunga cottura che rende la carne morbidissima e saporita.

Ingredienti per 4 persone

1 kg Muscolo di manzo
1 Bottiglia di Chianti (in alternativa Sangiovese)
3 Spicchi di aglio 2 Cipolle bionde
2 Fette a testa di pane toscano (da tostare al momento) 1 Rametto di rosmarino Pepe nero pestato q.b. Pepe nero intero q.b.

Procedimento

La sera prima tagliare il muscolo a cubi, cercando di farli della stessa misura per avere un risultato omogeneo. Trasferire la carne in un contenitore, unire le cipolle affettate, l’aglio intero, il rosmarino, il pepe e il vino a coprire.
La mattina seguente trasferire il tutto in una casseruola capiente e mettere sul fuoco aggiungendo poco sale. Lasciar cuocere a lungo fino a che la carne non risulterà morbida e il vino sarà evaporato completamente.
Disporre la carne nei piatti e accompagnare con pane raffermo e tostato.