ULTIMI VIDEO

News

La ricetta delle “Linguine alla Nicolo” di Luigi Pomata

Classe 1973, Luigi Pomata nasce e cresce a Carloforte, unico borgo abitato dell’isola di San Pietro, in Sardegna, noto storicamente per la pesca del tonno e per l’anima genovese tanto che non vi si parla la lingua sarda. Figlio e nipote d’arte, è erede di una famiglia celebre soprattutto per l’insegna Da Nicolo, che da tre generazioni celebra i migliori ingredienti che il mare possa dare all’uomo, in primis il tonno rosso, proveniente esclusivamente da pesca sostenibile.

Dopo gli studi alberghieri ad Alghero ed esperienze in Italia e all’estero, in particolare a New York con Sirio Maccioni e a Londra con Marco Pierre White, Luigi Pomata torna prima a Carloforte per poi lanciarsi nell’apertura di più insegne a Cagliari: qui oggi conduce il ristorante omonimo, a cui si affiancano il più informale Pomata Bistrot e il Next, dove poter gustare ottime pizze.
Nella sua cucina esprime l’incontro felice di tre distinte culture, la sarda, la ligure (Carloforte è stata fondata da pescatori originari di Pegli, in provincia di Genova) e l’araba che si bilanciano in tutti i piatti.

Per il pubblico di Striscia La Notizia, Luigi Pomata propone la ricetta delle “Linguine alla Nicolo con tonno in olio, capperi, olive, pecorino e buccia di limone”, uno storico piatto in carta dal 1973, quando fu creato dal nonno Nicola. Un piatto che racconta la ricchezza dell’isola con alcuni dei suoi sapori più rappresentativi, che esplodono in bocca donando al contempo dolcezza, sapidità e acidità.

Ingredienti per 4 persone

380 g Linguine
250 g Tonno in olio
60 g Olive nere
60 g Olive verdi
50 g Pecorino di media stagionatura
40 g Olio di oliva
30 g Capperi
1 Limone
 

Procedimento

Tritare grossolanamente i capperi e le olive, sminuzzare il tonno e mischiare tutto in un recipiente capiente aggiungendo l'olio. In acqua salata, cuocere le linguine per 8 minuti, scolarle ed ancora grondanti di acqua unirle agli altri ingredienti contenuti nel recipiente. Disporre le linguine sui piatti, spolverarle col pecorino grattugiato e grattare sopra la scorza del limone.