News

Olio contraffatto e nocivo per la salute sequestrato a Cerignola: Luca Abete indaga sul tema da dicembre 2023 e ha scovato a Napoli il “boss” dell’extravergine fasullo – I servizi di Striscia

Olio contraffatto e nocivo per la salute sequestrato a Cerignola: Luca Abete indaga sul tema da dicembre 2023 e ha scovato a Napoli il “boss” dell’extravergine fasullo – I servizi di Striscia

Olio contraffatto e nocivo per la salute sequestrato a Cerignola: Luca Abete indaga sul tema da dicembre 2023 e ha scovato a Napoli il “boss” dell’extravergine fasullo – I servizi di Striscia

Veniva venduto come extravergine ma in realtà era composto da una miscela di olio di semi con coloranti nocivi per la salute. La Guardia di Finanza della Compagnia di Cerignola nel Foggiano ha sequestrato 37mila litri di prodotto contraffatto e adulterato dopo aver scoperto tre laboratori in zone diverse del territorio. E dello stesso tema si è occupato Luca Abete per uno dei più importanti filoni d’inchiesta di questa stagione di Striscia la notizia. Nei capannoni pugliesi scoperti dalle Fiamme Gialle veniva prodotto un mix di olio di semi di girasole ad alto contenuto di acido linoleico con aggiunta di coloranti, come clorofilla e betacarotene in misura superiore ai limiti per l’uso alimentare. Il condimento sarebbe stato commercializzato come extravergine di oliva ma le analisi di Arpa Puglia hanno appunto dimostrato che il prodotto aveva natura ben diversa da quella di un’eccellenza italiana, chiara e certificata. Sequestrate tutte le attrezzature tra cui 15 cisterne, oltre a 23mila lattine da 5 litri. Tre persone sono state segnalate alla Procura di Foggia per commercio di sostanze nocive e vendita di sostanze alimentari non genuine.
Poche settimane fa anche in Campania, dopo l’inchiesta di Luca Abete per Striscia cominciata nel dicembre 2023, i Carabinieri hanno sequestrato a Caivano, nel Napoletano, circa una tonnellata d’olio con etichette falsificate spacciato per extravergine di oliva. Dalle analisi effettuate da laboratori autorizzati, cui l’inviato ha sottoposto il prodotto, è emerso anche in quel caso che si trattava di una non chiara miscela derivata da diversi semi. «Siamo partiti rintracciando rivenditori di etichette fasulle, poi abbiamo scovato i venditori per strada e così siamo arrivati al “boss dell’olio contraffatto” che ci ha confidato di avere una grossa rete di distribuzione a Napoli e provincia. C’è una vera e propria ondata di olio contraffatto che viene smerciato con la tecnica dello spaccio di droga» ha raccontato Abete che, come si vede in vari servizi del tg satirico di Antonio Ricci, ha documentato l’attività di venditori che calavano l’olio dal balcone in un “panaro”, lo smerciavano in strada o in un cortile, e pure in un’officina in cui girava più olio contraffatto che olio motore. Fino ad arrivare al “lanciatore di formaggi” che voleva tagliare la testa all’inviato! Striscia la notizia è dunque venuta in contatto con una rete ben strutturata, con un esercito di venditori e un capo: il “boss dell’olio”.

Luca Abete a giugno 2024 è anche tornato a Napoli dove è stato segnalato un venditore di olio contraffatto che lavorerebbe nei ristoranti come chef e distribuirebbe bottiglie liberamente ispirate a quelle di un noto marchio: un clamoroso fake.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Napoli, tasse pretese per auto fantasma

Napoli, tasse pretese per auto fantasma

Luca Abete ci mostra una girandola di rimpalli di responsabilità attorno all'incredibile vicenda di Enrico. Per un'automobile venduta quasi vent'anni fa, quest'ultimo si vede recapitare numerose ingiunzioni di pagamento per un'altra macchina, con lo stesso numero di telaio ma targa diversa. L'inviato lo accompagna all'Ufficio tasse automobilistiche, all'Aci e alla Motorizzazione. Volete scoprire se dopo l'intervento di Striscia qualcuno finalmente riconoscerà l'errore?

Insulti e minacce ad Abete dal venditore di olio fake

Insulti e minacce ad Abete dal venditore di olio fake

Napoli, Luca Abete torna a parlarci di extravergine di oliva contraffatto. C'è pure un venditore all'ingrosso di un clamoroso prodotto fake, una miscela sospetta di olio di semi, che lavorerebbe nei ristoranti come chef. Ci si chiede: con quale condimento preparerà la sua frittura? L'inviato lo cerca per saperne di più sulla sua attività di smercio di bottiglie con l'etichetta di un noto marchio falsificata. Ma l'uomo lo accoglie in maniera tutt'altro che pacifica

Viaggi abusivi, il peggior organizzatore partirà con la Valigia d'oro

Viaggi abusivi, il peggior organizzatore partirà con la Valigia ...

A chi andrà la Valigia d'oro che premia il peggior organizzatore di viaggi abusivi, tra coloro che chiedono denaro in modo non tracciabile e danneggiano chi paga le tasse e i lavoratori onesti? Sul podio c'è una vecchia conoscenza di Luca Abete che lo aveva già ricoperto di insulti: un servizio del 2023 mostrava come si facesse retribuire per ingressi gratuiti nella sede Rai. La donna non reagisce bene neanche stavolta. E le agenzie regolari? Meno di un quarto degli abusivi

I taroccatori di chilometri truccano i numeri prima della revisione

I taroccatori di chilometri truccano i numeri prima della revisione

Striscia la notizia con i servizi di Luca Abete ha più volte denunciato i raggiri sulle auto schilometrate, proposti da elettrauto senza scrupoli, che guadagnavano grazie alla pratica di registrare anche centomila chilometri in meno di quelli realmente percorsi. Grazie a Striscia la registrazione dei chilometri all'atto delle revisione periodica dei veicoli è realtà. Ma i taroccatori si sono riorganizzati proponendo ai clienti di togliere i chilometri prima della revisione

Napoli, la battaglia per avere farmaci e presidi indispensabili

Napoli, la battaglia per avere farmaci e presidi indispensabili

Luca Abete ci parla delle difficoltà di tanti pazienti affetti da gravi patologie: alla farmacia ospedaliera dell'Asl medicine e dispositivi in molti casi non arrivano. L'inviato scopre che c'è anche chi aspetta da gennaio dei semplici cateteri, dopo tre interventi per l'asportazione di tumori. La mamma di un ragazzo affetto da morbo di Crohn attende farmaci da otto mesi. L'inviato contatta allora i vertici dell'azienda e il giorno dopo la telefonata per i malati lo scenario cambia

Avellino, dopo 16 anni il cubo blu è ancora chiuso

Avellino, dopo 16 anni il cubo blu è ancora chiuso

Luca Abete ci parla di quello che sarebbe dovuto diventare un centro specialistico per persone con il disturbo dello spettro autistico, soprattutto bambini. Una struttura dalla storia travagliata, iniziata nel 2001 con un bando regionale per l'utilizzo di fondi europei cui ha partecipato il Comune. Due anni dopo la Regione Campania ha stanziato circa 3 milioni e mezzo di euro per realizzare il centro. Prima pietra posata l'11 giugno 2007. Peccato che il centro non sia mai stato aperto

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Entriamo con Luca Abete in un cento estetico in cui vengono praticati trattamenti al setto nasale e "blefaroplasma", tecnica attraverso la quale il laser brucia la pelle in eccesso della palpebra. L'inviato chiede il parere di un esperto, perché blefaroplastica e rinoplastica sono illegali quando non praticate da un medico: potrebbero infatti creare ustioni alla cornea e ai tessuti profondi oppure necrosi con danni irreversibili"

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Luca Abete ci parla di alcuni artisti neomelodici che si associano alla criminalità organizzata, arrivando anche a inneggiare alla Camorra e ai suoi capiclan. I messaggi espliciti a sostegno della malavita trovano spazio anche sui social. L'inviato incontra un influencer che comunica concetti discutibili sulle sue pagine e quando l'inviato gli chiede spiegazioni, l'organizzazione criminale sembra non esistere più