News

La ricetta della Bistecca di Marco Stabile

La ricetta della Bistecca di Marco Stabile

La ricetta della Bistecca di Marco Stabile

«Il punto di partenza è una bistecca con filetto di grande pezzatura, circa 2 chili», racconta Marco Stabile «da carne di femmina, 24 mesi, italiana. Non dry-aged perché a me piace sentire il sapore della carne, molto pulito».

Questa è tenuta a frollare per circa 20 giorni in una cella frigorifera: «In questo modo il collagene si rilassa, per effetto dell’azione proteolitica degli enzimi sulle proteine del muscolo». I contorni di questa meravigliosa carne sono quattro, tutti con un loro perché, culturale e organolettico: Fagioli Ciavattone di Sorano, serviti interi, «una coltura scomparsa del Grossetano, ora rinata per merito del lavoro di contadini indomiti»; cavolo nero saltato; una purea di Patate Bianche di Pietramala, «È un tubero di montagna, molto farinoso, saporito e ha una testura molto particolare»; un fondo ristretto di manzo.

Ingredienti:

Bistecca per 4 persone:
– 1 bistecca con filetto da circa 2 kg frollata per almeno 20 giorni
– 100 g trucioli di legno di quercia e ciliegio per affumicare a freddo
– 10 g di spezie di San Giovanni Valdarno (adatte per la ricetta tradizionale dello stufato alla sangiovannese).*
– 30 g olio extravergine d’oliva toscano

Estratto di Manzo:
– 70 g olio extravergine d’oliva (per la cottura)
– 500 g ossa di manzo tra ginocchia e costole di bistecca
– 100 g concentrato di pomodoro 
– 345 ml vino rosso
– 1 carota
– 2 costole di sedano
– 1 cipolla rossa
– 3 foglie di alloro
– 1 rametto di timo
– 1 rametto di rosmarino
– 2 spicchi d’aglio

Procedimenti:

Bistecca:
Affumicare per 10 minuti la bistecca a freddo utilizzando uno smoker e una campana. Miscelare le spezie con l’olio. Massaggiare la bistecca con questo mix fino a completo assorbimento. Poi mettere la bistecca sottovuoto, facendo attenzione che l’osso sia ben smussato per evitare di bucare la busta, e far riposare in frigorifero per almeno 6 giorni.
Estrarre la bistecca dalla busta sottovuoto e asciugare bene con della carta assorbente.
Mettere su una griglia e poi in forno a 52° con caminetto aperto per un minimo di 
3-5 ore. Continuare la cottura in una padella di ferro pesante oppure su una griglia a legna/carbone/pietra lavica, dorando bene tutte le superfici.
Tagliare la bistecca a fette alte almeno 2 cm, aggiungere il sale di Maldon e un copioso filo d’olio extravergine toscano.
Servire con contorni da aggiungere a piacimento e con l’estratto di manzo da versare a fianco della carne.**

Estratto di Manzo:
Tagliare le verdure in grossi pezzi, aggiungere olio e alloro e far brasare lentamente. Una volta dorate, aggiungere il concentrato di pomodoro e brasare bene a sua volta. Aggiungere il vino rosso e far sobbollire per 5 minuti. Poi aggiungere 5 l di acqua fredda e far sobbollire coperto per 8-10 ore, controllando spesso. A questo punto filtrare utilizzando un panno bianco in cotone. Far arrostire a bassa temperatura rosmarino, aglio, salvia con l’olio extravergine. Una volta dorati, aggiungere l’estratto di manzo e far bollire tutto insieme per altri 10 minuti.
Filtrare nuovamente, aggiustare di sale e tenere in caldo.

*Il mix di spezie usato per la ricetta dello stufato alla sangiovannese è composto da chiodi di garofano,          zenzero, noce moscata e cannella.
** I contorni pensati dallo chef Marco Stabile in accompagnamento alla bistecca sono fagioli Ciavattone di Sorano, cavolo nero saltato, purea di patate bianche di Pietramala ed estratto di manzo.

Credits foto: Onstagestudio.photo

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Il radicchio farcito di Tommaso Tonioni, il dessert che non ti aspetti

Il radicchio farcito di Tommaso Tonioni, il dessert che non ti ...

Paolo Marchi e lo chef Tommaso Tonioni (33 anni) presentano la ricetta del radicchio farcito con rape rosse, patate "Blu Star" e mela Abbondanza. Dagli studi artistici, alla passione per la musica rock a quella per la cucina. È la storia di Tonioni, che è passato dalla panificazione alla cucina moderna. Il suo radicchio nasce dal voler proporre un dolce usando però i vegetali, ed è perfetto da servire dopo i pasti.