News

Virginia Raffaele nella bufera, gli esorcisti: “Ha invocato Satana a Sanremo 2019”

Virginia Raffaele nella bufera, gli esorcisti: “Ha invocato Satana a Sanremo 2019”

Virginia Raffaele nella bufera, gli esorcisti: “Ha invocato Satana a Sanremo 2019”

La conduttrice del Festival di Sanremo Virginia Raffaele nell’occhio del ciclone a causa di uno sketch. Un grammofono si inceppa e poi ecco arrivare il nome del demonio, che sarebbe stato pronunciato per cinque volte, in diretta sul palco di Sanremo dalla conduttrice che cantava al contrario. Questo il momento protagonista nelle ultime ore di un caso che vede l’attrice addirittura al centro di un appello di un esorcista, don Aldo Bonaiuto.

All’artista, il sacerdote della Comunità Giovanni XXIII ha chiesto infatti spiegazioni sulla presunta “invocazione di Satana” in Eurovisione, rimproverandole inoltre di aver mancato di rispetto “specialmente alle tante persone che sono realmente oppresse dalle forze del male” con quella che “apparirebbe” come una “gag spiritosa ma poi stonata perché sembra non tenere conto della sensibilità di tante persone che soffrono a causa della presenza del maligno. Pur non comprendendo quale fosse l’intento – ha scritto il don sulle pagine del sito Interris – il ridicolizzare o, ancor più grave, inneggiare il nome di Satana in prima serata su Rai Uno, penso sia stato uno scivolone sconcertante”.

E’ intervenuto anche il vicepremier Matteo Salvini: “Capisco e condivido le preoccupazioni espresse da don Aldo Buonaiuto. Non bisogna sottovalutare il problema delle sette sataniche e serve affidarsi agli esperti che ci aiutano a combatterlo. È un fenomeno preoccupante, apparentemente lontano dalla esperienza quotidiana, eppure molto più vicino e più frequente di quanto si pensi”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Continua l'inchiesta di Pinuccio sul Festival di Sanremo e sulla possibilità di assegnare la kermesse musicale - di proprietà del Comune di Sanremo - tramite un bando aperto, come si evince da una recente sentenza del Tar. Questo vuol dire che il Festival potrebbe non essere più un'esclusiva Rai, ma potrebbe essere organizzato e trasmesso da qualsiasi emittente nazionale in chiaro. Dopo AudioCoop, Afi e Siedas, anche Fimi (Federazione industria musicale italiana) ha deciso di aderire ...

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

Al Tg1 la pubblicità occulta continua a imperversare e, da qualche giorno, l'oggetto delle "attenzioni" della testata diretta da Monica Maggioni è la famosa nave da crociera che, guarda caso, è sponsor del Festival di Sanremo. Nessuno la nomina, eppure Pinuccio e "Rai Scoglio 24" fanno notare come in diversi servizi dell'inviato Rai Leonardo Metalli non si perda occasione per celebrare la sontuosità della nave, inquadrandola ripetutamente