News

Latina, retata nel quartiere Nicolosi: arrestati 16 pusher nella piazza dello spaccio

Latina, retata nel quartiere Nicolosi: arrestati 16 pusher nella piazza dello spaccio

Latina, retata nel quartiere Nicolosi: arrestati 16 pusher nella piazza dello spaccio

La Polizia di Stato di Latina ha dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 16 cittadini stranieri di diverse nazionalità (Tunisia, Marocco e Algeria) indagati per spaccio di cocaina, eroina e hashish per le vie del quartiere Nicolosi, nel centro di Latina. Si tratta di una zona già nota a Striscia la Notizia, che in passato aveva realizzato dei servizi per raccontare il disagio vissuto dai residenti. Una piazza dello spaccio che per un periodo era stata sotto il controllo del clan Travali e successivamente era passata ai Di Silvio.

Le misure

Gli spacciatori sono indagati per aver preso parte, a vario titolo, a un’ampia organizzazione criminale dedita allo spaccio al dettaglio di droga nel quartiere Nicolosi. Di loro, 11 sono finiti in carcere, gli altri 5 non sono risultati reperibili e la loro ricerca è stata estesa anche all’estero.

L’inchiesta

L’attività d’indagine, in collaborazione con il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, è stata particolarmente articolata. Nel quartiere sono state installate delle telecamere di sorveglianza e le autorità si sono anche servite di intercettazioni telefoniche. Inoltre, è stato determinante l’intervento di alcuni poliziotti sotto copertura che hanno simulato numerosi acquisti di dosi di sostanze stupefacenti e hanno ricostruito il ruolo degli indagati.

I cittadini esasperati

Della situazione di degrado del quartiere Nicolosi si è spesso occupata Striscia la Notizia nel corso degli anni. Il disperato grido d’aiuto dei residenti, esasperati dal “lockdown” forzato e imposto dalla presenza di pusher nel quartiere, ha attirato le telecamere del Tg Satirico di Antonio Ricci. Così, Vittorio Brumotti è corso in soccorso degli abitanti della zona. L’inviato, con il supporto delle forze dell’ordine, ha aiutato a ripulire la piazza dagli spacciatori.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Nettuno, nessuna traccia della piscina e del teatro

Nettuno, nessuna traccia della piscina e del teatro

Vittorio Brumotti in provincia di Roma ci conduce all'interno di quella che sarebbe dovuta diventare una piscina e poi in un teatro comunale mai realizzato: due strutture finanziate con denaro pubblico. I lavori per la prima sono partiti circa 20 anni fa, ma sono stati interrotti per un contenzioso tra la ditta e il Comune. Mentre la nascita del secondo risale a 15 anni fa: per costruirlo la Regione ha stanziato 4 milioni, cui si aggiungono i 400 mila di un privato

Le ragazze mute per finta e la falsa associazione di disabili

Le ragazze mute per finta e la falsa associazione di disabili

Vittorio Brumotti non può stare tranquillo neppure mentre si trova a Senigallia per una manifestazione. Incrocia un gruppo di cinque ragazze che, mostrando una cartelletta con il logo di un'associazione fittizia di disabili, avvicinano la gente. Lo scopo è estorcere soldi: queste donne, che sfruttano la sensibilità di alcune persone sull'argomento, gesticolano come se fossero mute ma l'inviato scopre voci e linguaggi inaspettati…

Ad Albisola Superiore una

Ad Albisola Superiore una "piscina" colma di sprechi

Vittorio Brumotti in sella alla sua bicicletta ci mostra la struttura incompiuta di Albisola Superiore nel Savonese che sarebbe dovuta diventare una piscina comunale e che invece per ora è soprattutto un deposito di materiale edile. La realizzazione si è fermata per motivi tecnici e il tetto non ha passato i collaudi. Di sicuro per gli abitanti si tratta di un "ecoschifo", per il quale il Comune deve pagare un mucchio di denaro

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

L'inviato alle prese con il popolo dei "solo 5 minuti": molti di coloro che parcheggiano scorrettamente negli stalli per disabili si giustificano dicendo di voler sostare per poco tempo. C'è chi accetta le parole di Brumotti e chi invece ha reazioni scomposte. Alla fine l'autore di tante inchieste per Striscia torna al parcheggio de La Rinascente e trova la brutta sorpresa: van scassinato e computer, telecamere e bici trafugati