News

Bugie di Soumahoro, parte 5. Il monopolio dei ghetti

Bugie di Soumahoro, parte 5. Il monopolio dei ghetti

Bugie di Soumahoro, parte 5. Il monopolio dei ghetti

Arriva il quinto episodio della serie “Le bugie di Soumahoro”. Pinuccio ha letto tutto il dossier difensivo di Aboubakar Soumahoro e ha visto che molte affermazioni non erano corrette. In quel testo diffuso via Internet il sindacalista ora onorevole del Gruppo misto ha provato a rispondere e a spiegare i tanti dubbi che il tg satirico aveva sollevato riguardo al suo operato nella Lega Braccianti. Dallo scorso 25 ottobre Striscia gli chiede un’intervista, ma lui non ha mai accettato.

In questo servizio, l’inviato di Striscia la notizia si occupa del mistero del controllo dei ghetti esercitato dalla Lega Braccianti. Nel suo resoconto, infatti, Soumahoro nega che i ghetti di Torretta Antonacci e Borgo Mezzanone fossero stati monopolizzati dalla sua Lega. Pare, invece, che non facesse entrare altre associazioni e che avesse ricreato una situazione di caporalato gestita proprio dai suoi membri.

L’ennesima bugia di Soumahoro. La Lega Braccianti controllava i ghetti

Pinuccio non si accontenta ancora. Negli ultimi mesi, infatti, l’inviato ha raccolto diversi pareri e nessuno di questi conferma quanto ha detto Aboubakar.

Don Andrea Pupilla, responsabile della Caritas di San Severo, ha dichiarato: «Talvolta si creano delle tensioni che non ci permettono di lavorare in serenità». Anche Francesca Di Credico, sindacalista Fai Cisl è dello stesso avviso: «Nel ghetto di Rignano non erano ben accetti i sindacati e le altre realtà come la Caritas e il mondo del terzo settore. Nel momento in cui è venuta meno la Lega Braccianti, sempre presente con un gruppetto di lavoratori, si è creato un clima disteso per la realizzazione di attività».

La lettera di Sinistra Italiana a Fratoianni, che non fermò la candidatura di Aboubakar

Anche Mohammed Elmajdi, il sindacalista della Cisl di Foggia aggredito e sequestrato nel ghetto di Rignano da un gruppo di uomini riconducibili proprio alla Lega Braccianti, ha avuto qualcosa da dire in proposito: «Questo nasce da un clima che regnava lì fino a poco tempo fa. L’intento era quello di cacciare tutti coloro che non fanno parte di una determinata sigla. Nessuno può negare che ci sono caporali».

Infine, a supporto della diffusa idea che l’Associazione di Soumahoro controllava i ghetti, c’è una lettera di alcuni membri di Sinistra Italiana della provincia di Foggia. Gli autori sono Marco Barbieri e Mario Nobile, che inviarono la missiva sul monopolio dei ghetti all’onorevole Nicola Fratoianni, segretario nazionale del partito, che però non fece nulla per fermare la discussa candidatura di Soumahoro.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Aboubakar Soumahoro è un personaggio costruito a tavolino da alcuni maitre à penser della sinistra, in particolare dall'ex direttore dell'Espresso Marco Damilano e dal conduttore di Propaganda Live Diego Bianchi, noto come Zoro. Lo hanno detto in molti dopo lo scandalo che ha investito l'ex sindacalista e la sua famiglia. Striscia ora mostra in esclusiva un video girato al Festival del giornalismo di Perugia il 7 aprile 2019 in cui sono loro stessi ad ammetterlo

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: il parere degli italiani

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: ...

Gli onorevoli Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli - rispettivamente leader di Sinistra Italiana e dei Verdi - devono dimettersi dopo l'affaire Soumahoro, per non aver ascoltato i molti avvertimenti di chi aveva più di qualche perplessità sull'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. È questo il parere dei telespettatori di Striscia la notizia: favorevoli alle dimissioni il 97% di chi ha detto la sua sul sito

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni e Bonelli

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni ...

Prima che Verdi e Sinistra Italiana candidassero Aboubakar Soumahoro, qualcuno aveva avvertito Fratoianni e Bonelli su alcune ambiguità nell'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. Si tratta dell'ex senatrice 5 Stelle Elena Fattori, dei due esponenti pugliesi di Sinistra Italiana Marco Barbieri e Mario Nobile e Don Andrea Pupilla e del responsabile della Caritas di San Severo. Ecco la ricostruzione completa dei fatti

Caso Soumahoro, intervista al sindacalista aggredito

Caso Soumahoro, intervista al sindacalista aggredito

Pinuccio torna a occuparsi del "caso Aboubakar", con un'intervista esclusiva a Mohammed Elmajdi. Il sindacalista della Cisl di Foggia ad agosto è stato aggredito e sequestrato all'interno del cosiddetto "Gran Ghetto di Rignano" da un gruppo di uomini riconducibili alla Lega Braccianti di Aboubakar Soumahoro. Episodio denunciato, tra le altre cose, anche nella lettera inviata da due esponenti di Sinistra Italiana (Marco Barbieri e Mario Nobile) al capo del partito, l'onorevole Nicola ...