News

Falsi incidenti stradali: anche medici e avvocati tra gli indagati ad Avellino. Lesioni inscenate o subite per ottenere risarcimenti. Striscia ne parla da anni

Falsi incidenti stradali: anche medici e avvocati tra gli indagati ad Avellino. Lesioni inscenate o subite per ottenere risarcimenti. Striscia ne parla da anni

Falsi incidenti stradali: anche medici e avvocati tra gli indagati ad Avellino. Lesioni inscenate o subite per ottenere risarcimenti. Striscia ne parla da anni

Gli incidenti stradali erano inesistenti o simulati. Ma le lesioni certificate, al centro delle truffe ai danni delle compagnie assicurative, erano in certi casi “vere” cioè venivano ricreate in modo artificioso e criminale. Ad Avellino il pubblico ministero Luigi Iglio ha firmato l’avviso di conclusione delle indagini dell’inchiesta, su tipologie di reati di cui Luca Abete per Striscia la notizia si è occupato più volte. Dall’indagine emerge che le pratiche risarcitorie erano compilate grazie a medici, avvocati e titolari di studi di infortunistica stradale. Gli indagati sono accusati a vario titolo di concorso in falso ideologico e falso materiale, truffa assicurativa, fraudolento danneggiamento di beni assicurati e, appunto, mutilazione fraudolenta della propria persona.

Gli incidenti ritenuti fasulli sono settantaquattro: il meccanismo ben oliato era pensato per truffare diverse compagnie alle quali gli indagati, tramite legali, giravano richieste di risarcimento per lesioni causate da falsi incidenti “avvenuti” in zone diverse dell’Avellinese. Gli indagati spesso chiedevano anche l’intervento delle forze dell’ordine per i rilievi del caso. In altri casi i conducenti delle vetture coinvolte compilavano il modulo di constatazione amichevole, chiedevano il risarcimento e allegavano anche documentazione apocrifa, dopo aver indotto i medici in errore. Nella maggior parte dei casi il risarcimento veniva liquidato.

Migliaia di euro arrivavano però anche grazie a certificati falsi redatti da medici compiacenti che avrebbero emesso documenti ideologicamente falsi, su sinistri stradali in realtà mai avvenuti, come riporta il quotidiano Il Mattino

Falsi incidenti, assoldate soprattutto persone in difficoltà economica, talvolta minorenni o malati gravi pronti a subire lesioni pesanti

Il meccanismo si basava su questa dinamica: gli incidenti venivano inscenati in zone prive di sistemi di videosorveglianza. Le lesioni procurate potevano essere più lievi, come ecchimosi o abrasioni, o ben più gravi e pericolose per la salute, come la rottura dei denti o le fratture agli arti. Per questo venivano assoldate soprattutto persone in difficoltà economiche, in alcuni casi anche minorenni o affette da gravi patologie ma pronte a subire lesioni di particolare gravità.
Già nel febbraio del 2022 Luca Abete aveva raggiunto una carrozzeria in cui si organizzavano falsi incidenti per ottenere i soldi dell’assicurazione, come era stato segnalato al tg satirico di Antonio Ricci da vari cittadini. In un filmato, realizzato grazie alle microcamere, un “gancio” di Striscia si presenta per richiedere un preventivo per un incidente d’auto avuto dalla moglie. Il titolare indirizza il cliente a un suo amico: un perito assicurativo che offre il suo aiuto per una pratica “combinata”, che porterebbe all’incasso di un risarcimento da dividere tra le due persone coinvolte nel fantomatico incidente. La colpa dell’incidente verrebbe attribuita a un altro automobilista (che però in questo caso non esiste). Per farlo bisogna simulare anche il danno all’altra vettura, con certi “pezzi rotti” appositamente posizionati sull’auto.
Il perito propone inoltre al cliente di farsi refertare in una determinata clinica – e da un ortopedico di fiducia – una prognosi per qualche finto danno fisico. 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Napoli, tasse pretese per auto fantasma

Napoli, tasse pretese per auto fantasma

Luca Abete ci mostra una girandola di rimpalli di responsabilità attorno all'incredibile vicenda di Enrico. Per un'automobile venduta quasi vent'anni fa, quest'ultimo si vede recapitare numerose ingiunzioni di pagamento per un'altra macchina, con lo stesso numero di telaio ma targa diversa. L'inviato lo accompagna all'Ufficio tasse automobilistiche, all'Aci e alla Motorizzazione. Volete scoprire se dopo l'intervento di Striscia qualcuno finalmente riconoscerà l'errore?

Insulti e minacce ad Abete dal venditore di olio fake

Insulti e minacce ad Abete dal venditore di olio fake

Napoli, Luca Abete torna a parlarci di extravergine di oliva contraffatto. C'è pure un venditore all'ingrosso di un clamoroso prodotto fake, una miscela sospetta di olio di semi, che lavorerebbe nei ristoranti come chef. Ci si chiede: con quale condimento preparerà la sua frittura? L'inviato lo cerca per saperne di più sulla sua attività di smercio di bottiglie con l'etichetta di un noto marchio falsificata. Ma l'uomo lo accoglie in maniera tutt'altro che pacifica

Viaggi abusivi, il peggior organizzatore partirà con la Valigia d'oro

Viaggi abusivi, il peggior organizzatore partirà con la Valigia ...

A chi andrà la Valigia d'oro che premia il peggior organizzatore di viaggi abusivi, tra coloro che chiedono denaro in modo non tracciabile e danneggiano chi paga le tasse e i lavoratori onesti? Sul podio c'è una vecchia conoscenza di Luca Abete che lo aveva già ricoperto di insulti: un servizio del 2023 mostrava come si facesse retribuire per ingressi gratuiti nella sede Rai. La donna non reagisce bene neanche stavolta. E le agenzie regolari? Meno di un quarto degli abusivi

I taroccatori di chilometri truccano i numeri prima della revisione

I taroccatori di chilometri truccano i numeri prima della revisione

Striscia la notizia con i servizi di Luca Abete ha più volte denunciato i raggiri sulle auto schilometrate, proposti da elettrauto senza scrupoli, che guadagnavano grazie alla pratica di registrare anche centomila chilometri in meno di quelli realmente percorsi. Grazie a Striscia la registrazione dei chilometri all'atto delle revisione periodica dei veicoli è realtà. Ma i taroccatori si sono riorganizzati proponendo ai clienti di togliere i chilometri prima della revisione

Napoli, la battaglia per avere farmaci e presidi indispensabili

Napoli, la battaglia per avere farmaci e presidi indispensabili

Luca Abete ci parla delle difficoltà di tanti pazienti affetti da gravi patologie: alla farmacia ospedaliera dell'Asl medicine e dispositivi in molti casi non arrivano. L'inviato scopre che c'è anche chi aspetta da gennaio dei semplici cateteri, dopo tre interventi per l'asportazione di tumori. La mamma di un ragazzo affetto da morbo di Crohn attende farmaci da otto mesi. L'inviato contatta allora i vertici dell'azienda e il giorno dopo la telefonata per i malati lo scenario cambia

Avellino, dopo 16 anni il cubo blu è ancora chiuso

Avellino, dopo 16 anni il cubo blu è ancora chiuso

Luca Abete ci parla di quello che sarebbe dovuto diventare un centro specialistico per persone con il disturbo dello spettro autistico, soprattutto bambini. Una struttura dalla storia travagliata, iniziata nel 2001 con un bando regionale per l'utilizzo di fondi europei cui ha partecipato il Comune. Due anni dopo la Regione Campania ha stanziato circa 3 milioni e mezzo di euro per realizzare il centro. Prima pietra posata l'11 giugno 2007. Peccato che il centro non sia mai stato aperto

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Entriamo con Luca Abete in un cento estetico in cui vengono praticati trattamenti al setto nasale e "blefaroplasma", tecnica attraverso la quale il laser brucia la pelle in eccesso della palpebra. L'inviato chiede il parere di un esperto, perché blefaroplastica e rinoplastica sono illegali quando non praticate da un medico: potrebbero infatti creare ustioni alla cornea e ai tessuti profondi oppure necrosi con danni irreversibili"

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Luca Abete ci parla di alcuni artisti neomelodici che si associano alla criminalità organizzata, arrivando anche a inneggiare alla Camorra e ai suoi capiclan. I messaggi espliciti a sostegno della malavita trovano spazio anche sui social. L'inviato incontra un influencer che comunica concetti discutibili sulle sue pagine e quando l'inviato gli chiede spiegazioni, l'organizzazione criminale sembra non esistere più