News

La piccola Melissa ha ricevuto il farmaco contro la SMA in America

La piccola Melissa ha ricevuto il farmaco contro la SMA in America

La piccola Melissa ha ricevuto il farmaco contro la SMA in America

La piccola Melissa ha ricevuto il medicinale contro la SMA, il farmaco più costoso al mondo che si basa sulla terapia genica per il trattamento dell’atrofia musoclare spinale. La bambina, figlia di due pugliesi, è stata protagonista di un’eccezionale raccolta fondi che si è diffusa grazie al passaparola sui social e all’intervento di Striscia, che per mesi si è mobilitata per sensibilizzare le istituzioni.

In Italia, infatti, fino a poco tempo fa, non era possibile ricevere gratuitamente questo farmaco dopo i sei mesi di vita. La piccola Melissa, a causa di un ritardo nella diagnosi, non avrebbe potuto accedere al medicinale. Lo scorso marzo, dopo i numerosi appelli di Striscia, finalmente l’AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato la rimborsabilità della prima terapia genica per molti bambini affetti da Atrofia Muscolare Spinale di Tipo 1, sostituendo il limite di età con il peso. L’uso del medicinale con rimborsabilità da parte del servizio sanitario nazionale è approvato ora per bimbi fino ai 13,5 chili, mentre la sperimentazione estende l’autorizzazione fino ai 21 chili.

Intanto la famiglia di Melissa, che non poteva più aspettare, è volata negli Stati Uniti grazie ai fondi raccolti per perorare la sua causa, quasi due milioni di euro per l’acquisto del medicinale, e ha pubblicato un post per ringraziare tutti coloro che si sono battuti al loro fianco.
“Il giorno tanto atteso è arrivato -  affermano mamma Rossana e papà Pasquale – Non vedevamo l’ora di potervi mostrare questa foto,per mesi e mesi impressa nelle nostre menti, mentre sognavamo questo momento. Oggi (ieri, ndr) il nostro sogno ha preso vita. È reale, è qui. Il nostro messaggio e augurio per te è che tu possa rinascere una seconda volta e riprenderti il tempo perso accerchiata dall’amore che tutti noi proviamo per te”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo