News

Striscia sotto accusa, il commento del Direttore del Centro Culturale Cinese

Striscia sotto accusa, il commento del Direttore del Centro Culturale Cinese

Striscia sotto accusa, il commento del Direttore del Centro Culturale Cinese

«Non mi sono offeso, per noi è uno scherzo». Dice Leo Li, direttore e co-fondatore del Centro culturale cinese di Milano, commentando ai microfoni dell’inviata Rajae la polemica per il siparietto improvvisato da Michelle Hunziker e Gerry Scotti, andato in onda lunedì 12 aprile.

Leo Li e il Centro culturale cinese avevano già conferito a Striscia un attestato di amicizia per “per il grande impegno e supporto dimostrati nell’anno 2019”, quando la comunità cinese subì pesanti discriminazioni con l’arrivo della pandemia.

Un’amicizia che si rinnova con le parole di Li: «Striscia è sempre gentile e amichevole».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?