News

Caos Sanremo 2024, dopo i servizi di Striscia accolto ricorso Codacons: «La Rai dovrà fornire i dati sul televoto»

Caos Sanremo 2024, dopo i servizi di Striscia accolto ricorso Codacons: «La Rai dovrà fornire i dati sul televoto»

Caos Sanremo 2024, dopo i servizi di Striscia accolto ricorso Codacons: «La Rai dovrà fornire i dati sul televoto»

Ancora polemiche sull’ultima edizione di Sanremo: il caos televoto, di cui parlò Striscia la notizia pochi giorni dopo il Festival 2024, è ora al centro dell’attenzione della Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi della Presidenza del Consiglio. L’organismo governativo ha infatti accolto il ricorso presentato dall’associazione dei consumatori. Nella rubrica del tg satirico di Antonio Ricci, “Rai Scoglio 24”, Pinuccio si era occupato più volte del conteggio dei voti relativi alla finale sul palco dell’Ariston. In questi ultimi mesi la vicenda non è stata chiarita dalla tv di Stato i cui vertici, impegnati nelle vicende interne del “dopo Amadeus”, non sono sembrati intenzionati a dare spiegazioni dettagliate.
Qui il primo servizio dell’inviato di Striscia sull’argomento, andato in onda il 7 marzo 2024.

La Commissione della Presidenza del Consiglio accoglie il ricorso

 «Il Codacons assieme ad Assourt aveva presentato formale istanza d’accesso alla Rai chiedendo tutti i dati sui voti espressi dai singoli componenti delle giurie della sala stampa e delle radio; i voti validi raccolti attraverso il televoto; quelli invalidati e la relativa motivazione; i dati circa eventuali voti espressi dal pubblico da casa e non raccolti dal sistema a causa dei disservizi tecnici» spiega l’associazione di consumatori. La Rai aveva però rifiutato di fornire le informazioni richieste, in prima istanza, valutando che i dati non fossero di interesse pubblico. Le due associazioni citate hanno così presentato alla Commissione il ricorso.

Finale di Sanremo, ipotesi di quasi 7 milioni di televoti non registrati: la Rai non commenta

Nella puntata di Striscia del 17 aprile 2024 Pinuccio ha parlato di un’ulteriore fonte (oltre a quelle consultate nei giorni successivi al Festival svoltosi dal 6 al 10 febbraio 2024), che avrebbe aggiunto altri dati sui voti annullati: in totale le preferenze non validate potrebbero aggirarsi attorno ai 7 milioni. Numeri che si riferiscono solo a due operatori telefonici, quindi potenzialmente in crescita. «Se le proporzioni fossero davvero queste, il televoto sarebbe stato falsato» commenta Pinuccio in questo video. E ora il ricorso del Codacons sull’argomento è stato accolto.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Il ponte tra Abruzzo e Molise chiuso da un lustro

Il ponte tra Abruzzo e Molise chiuso da un lustro

Pinuccio ci porta al confine tra Molise e Abruzzo, a Belmonte del Sannio, dove il ponte non è più stato aperto: nel 2019 ci aveva raccontato che gli abitanti, per il cedimento di un pilone, erano costretti a fare un complicato giro tra le montagne su una specie di "mulattiera". L'infrastruttura, tra le più alte d'Europa, collega una ventina di comuni ma è chiusa da 5 anni per il pericolo crollo. Ora, dopo la firma di una convenzione, c'è qualche parvenza di cantiere?

Campobasso, la metro leggera dal costo pesante non parte

Campobasso, la metro leggera dal costo pesante non parte

Per coprire con una metropolitana leggera i 41 chilometri tra Matrice e Bojano sono state costruite ex novo tre stazioni, oltre a quelle restaurate. Ma nonostante la spesa di oltre 22 milioni di euro tutto è fermo, come ci racconta Pinuccio, anche perché nel piano di spesa non sono stati previsti i treni. Inoltre il tracciato insiste sulla tratta Campobasso-Termoli, che di fatto è chiusa. Perché? Serviva un bacino di soli 5 passeggeri al giorno per una spesa annua di 2 milioni di euro

Sos bambini, in 500 senza il pediatra ad Agnone in Molise

Sos bambini, in 500 senza il pediatra ad Agnone in Molise

Cinquecento bambini non hanno il pediatra di base e i genitori sono costretti a ricorrere agli specialisti privati o a percorrere 40-50 chilometri per andare in ospedale a Isernia. Tra le testimonianze raccolte nel paese molisano, quella di un papà che ha un figlio che soffre di convulsioni febbrili: nell'incertezza di sapere se il bimbo avesse il Covid o meno, si è messo in viaggio con la famiglia sotto la neve, tra problemi alla macchina e ansia per le condizioni del bimbo, poi curato a...

Per salvare le Torri di Varano servirebbe un bonus Federico II

Per salvare le Torri di Varano servirebbe un bonus Federico II

La torre grande e quella piccola di Ischitella nel Foggiano sono tra le più antiche di tutto il Gargano. Parti di questi monumenti sono crollate, il restauro è complicato dal fatto che la proprietà è pubblico-privata. Ci vorrebbe un bonus Federico II dice Pinuccio, che grazie alle testimonianze ci racconta di una petizione per salvare le torri. Per ora però la struttura pericolante della piccola è stata solo recintata. L'inviato si rivolge così a Comune, Sovrintendenza, Ministero…

Cerignola, novità per il canale che bolle tra scarichi abusivi

Cerignola, novità per il canale che bolle tra scarichi abusivi

Pinuccio ci ha fatto conoscere il canale Lagrimaro di Foggia, ostruito da rifiuti, tra acqua che bolliva e scarichi abusivi. Ci sono novità? Sì, sarebbero stati stanziati 4 milioni di euro dalla Regione per la bonifica. Sarano creati una vasca di laminazione e un tombino, per togliere il liquame e rintracciare gli abusi ambientali. Il Procuratore capo di Foggia disse che era già stato individuato uno scarico illegale. Una volta ripulito il corso d'acqua, le indagini proseguiranno…

Festival di Sanremo, i

Festival di Sanremo, i "Conti" non tornano

La rubrica "Rai Scoglio 24" parla del Festival di Sanremo: è stato infatti ufficializzato il nome di Carlo Conti come direttore artistico e conduttore della kermesse per il 2025 e anche per il 2026. Secondo Pinuccio i "conti" però non tornano. L'inviato del tg satirico ha scoperto infatti che la convenzione scade tra un anno e si chiede quindi come abbia fatto la Rai a contrattualizzare l'anchorman per due anni, pagandolo tra l'altro con i nostri soldi

Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere

Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere

Pinuccio racconta una storia paradossale riguardante terreni privati mai espropriati, su cui sono state costruite la diga Camastra e opere accessorie, la sentenza che dispone il loro abbattimento, il ripristino dello stato dei luoghi e un risarcimento ai proprietari, che però l'ente condannato è impossibilitato a pagare. Tuttavia, l'Agenzia delle Entrate chiede ai proprietari il 3% della somma che non hanno ancora ricevuto

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Pinuccio nonostante lo sciopero (quello dei pullman, non quello dei giornalisti) arriva a Palazzo San Macuto, dove si riunisce la vigilanza Rai. Sui 7 milioni presunti di televoti non conteggiati a Sanremo servirà un supplemento d'indagine con Tim, seppur tardivo. E sullo "spot" delle scarpe? Per l'ad Roberto Sergio l'attore americano ha compiuto una violazione. E Amadeus? Non ha pronunciato la frase che è lo spot della marca?