ULTIMI VIDEO

News

Antonio Casanova grazie al suo libro "Ventuno" vince il Premio Romiti Opera Prima

Il Premio Letterario Mariano Romiti, giunto alla sua quinta edizione, rappresenta ormai per la città di Viterbo un appuntamento consolidato nel tempo. Il Premio dedicato alla narrativa poliziesca, gialla, noir e spy-story è diventato in pochi anni ambito dagli scrittori del genere anche perché sono le figure professionali che operano nel campo della giustizia e della legalità a decretare il vincitore.
Tra i finalisti delle passate edizioni del Premio Romiti si sono affacciati a Viterbo autori di rilievo del panorama nazionale del calibro di Maurizio de Giovanni, Loriano Macchiavelli Francesco Guccini, Roberto Riccardi, Giuliano Pasini, Claudio Paglieri, Roberta De Falco, Valerio Varesi, Stefano Tura e molti altri. 
Da quest’anno l’Associazione Romiti presieduta da Claudio Patara e composta da esponenti alla Polizia di Stato  ha deciso di introdurre la Sezione Opera Prima.
La giuria del premio ha letto e valutato i tanti romanzi in concorso e ha decretato la vittoria di  Antonio Casanova con "Ventuno" edito da Sperling & Kupfer per aver, nel suo romanzo, raccontato in modo scrupoloso e lineare, tanto da coinvolgere il lettore, una storia che ha perfettamente coniugato il mondo dell'illusionismo e dei maghi di professione con omicidi ed indagini , con un continuo salto tra illusione e realtà.

Questa edizione del premio Romiti sarà ospitata all'interno della grande kermesse culturale Ombre Festival promossa dall'associazione che si svolgerà al centro storico di Viterbo dal 20 al 24 luglio. Un festival che si rifà alla celebre frase di Louis Ferdinand Cèline “Tutto quello che è interessante accade nell’ombra, davvero. Non si sa nulla della vera storia degli uomini”.