News

Ceriano Laghetto, 4 anni fa la liberazione del Bosco della droga

Ceriano Laghetto, 4 anni fa la liberazione del Bosco della droga

Ceriano Laghetto, 4 anni fa la liberazione del Bosco della droga

Il 27 febbraio è stato celebrato il quarto anniversario della riconquista dell’area che prima era in mano ai tossici e agli spacciatori. Presente anche Rajae Bezzaz, che nel 2018 si era occupata della vicenda. I servizi di Striscia.

Quattro anni liberi dagli spacciatori e dai tossici, è la ricorrenza che è stata celebrata la mattina del 27 febbraio nei pressi dell’ex “Bosco della droga” di Ceriano Laghetto, in provincia di Monza. Il parco è quello delle Groane, dove si sono radunate diverse personalità della zona per celebrare il quarto anniversario della liberazione dell’area. Tra i presenti, l’attuale sindaco cerianese Roberto Crippa, il vicesindaco Dante Cattaneo (primo cittadino del comune all’epoca dei fatti), il presidente della Provincia di Monza e Brianza Luca Santambrogio, rappresentanti delle forze dell’ordine e Rajae Bezzaz. Infatti, nel 2018, l’inviata di Striscia la notizia aveva dedicato un servizio alla vicenda, mostrando le immagini di una vera e propria piazza di spaccio all’interno del parco. Un impegno che le era valso il titolo di cittadina onoraria cerianese.  

Ceriano Laghetto, l’ex “Bosco della droga” è stato restituito ai cittadini nel 2020

Il parco è rimasto in balia dei pusher e dei tossici fino al 2020 e vi arrivavano persone che volevano acquistare o vendere droga da tutta la Lombardia e anche da altre regioni. Un viavai che era reso possibile dalla vicina e isolata stazione ferroviaria di Ceriano Laghetto Groane. Dopo la bonifica, la zona è stata restituita ai cittadini ed è diventata un simbolo della lotta allo spaccio
Sempre nel 2018, anche Max Laudadio si era occupato dei “pendolari della droga” che viaggiavano sui treni verso Ceriano Laghetto per acquistare o vendere sostanze stupefacenti

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen vittima di stalking?

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen ...

Rajae Bezzaz torna a occuparsi di questa donna che, dopo svariati tentativi di denunce andate a vuoto, ha chiesto aiuto a Striscia la notizia per proteggere sé stessa e i figli da un persecutore (finora) impunito, che abita di fronte a lei. L'inviata incontra Ida, la sorella del molestatore, che esprime solidarietà per Carmen e che racconta che il fratello, a causa del suo comportamento, cinque anni fa è stato allontanato con codice rosso dalla moglie e dal figlio