News

Dopo il taglio dei tg regionali Rai, il direttore Casarin scarica la colpa su Striscia la notizia (pure senza citarla)

Dopo il taglio dei tg regionali Rai, il direttore Casarin scarica la colpa su Striscia la notizia (pure senza citarla)

Dopo il taglio dei tg regionali Rai, il direttore Casarin scarica la colpa su Striscia la notizia (pure senza citarla)

Dopo la decisione dell’ad Rai Carlo Fuortes di chiudere le edizioni notturne dei Tg regionali, martedì 30 novembre e mercoledì 1° dicembre in tutte le edizioni del Tgr (e pure in sloveno e tedesco) è stato letto un comunicato in cui il direttore Alessandro Casarin difende la sua testata e incolpa Striscia la notizia dei tagli.
«La Tgr nelle ultime settimane è stata al centro di attacchi da parte di una rete televisiva concorrente e descritta come una testata in cui regnano gli sprechi e la poca professionalità. Nulla di tutto ciò è vero», dice la nota, in cui però si evita volutamente di citare Striscia la notizia. Una bizzarra omissione per chi della completezza dell’informazione dovrebbe farsi paladino.

Pinuccio però ci tiene a ribadire che non ha mai parlato di poca professionalità. «Noi di Rai Scoglio 24, braccio armato di Fuortes per i tagli, abbiamo detto che l’edizione notturna dei Tgr è spesso uguale a quella delle 19:30 e che costa 6 milioni di euro l’anno», commenta l’inviato di Striscia in onda dalla sede Rai di Corso Sempione di Milano. A oggi sono più di 20 le cause della tv pubblica contro Striscia, tutte vinte dal tg satirico. Sono anni che alcuni giornalisti Rai vorrebbero mettere il bavaglio e censurare la voce critica di Striscia, non sopportando le denunce di inefficienze e sprechi ai danni dei contribuenti. Un atteggiamento intimidatorio certamente non ammissibile da un servizio che dovrebbe essere pubblico.

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Pinuccio nonostante lo sciopero (quello dei pullman, non quello dei giornalisti) arriva a Palazzo San Macuto, dove si riunisce la vigilanza Rai. Sui 7 milioni presunti di televoti non conteggiati a Sanremo servirà un supplemento d'indagine con Tim, seppur tardivo. E sullo "spot" delle scarpe? Per l'ad Roberto Sergio l'attore americano ha compiuto una violazione. E Amadeus? Non ha pronunciato la frase che è lo spot della marca?

Varato il

Varato il "Decreto Fuortes", un'altra poltrona per l'ad Rai

A Rai Scoglio24, Pinuccio indaga su quello che sarà ricordato come il “Decreto Fuortes”: l’attuale amministratore delegato Rai Carlo Fuortes potrebbe prendere la direzione a Napoli, del Teatro San Carlo. «Peccato che il San Carlo un sovrintendente ce l’abbia già: Stephane Lissner», spiega Pinuccio. Che aggiunge: «Il Consiglio dei Ministri ha varato un decreto che prevede il pensionamento dei sovrintendenti lirici stranieri (prima valeva solo per gli italiani) che hanno superato i 70 anni di età». Una norma che “taglierebbe” fuori proprio il 70enne Lissner.

Troppi debiti e spese per gli esterni, sciopero Rai il 26 maggio

Troppi debiti e spese per gli esterni, sciopero Rai il 26 maggio

Pinuccio di Rai Scoglio24 ci aggiorna sugli ultimi sviluppi del caso Rai: i sindacati hanno indetto uno sciopero generale di tutti i dipendenti per protestare contro la gestione della Tv di Stato, che ha accumulato più di mezzo miliardo di debiti. Sotto accusa, i tanti appalti esterni. Ci sono programmi, come "Non sono una signora", lo show delle drag queen con Alba Parietti, che sono costati parecchio e non vanno neppure in onda.

La Rai denunciata:

La Rai denunciata: "Non riconosce i diritti ai musicisti"

Pinuccio di Rai Scoglio24 racconta un clamoroso sviluppo della questione diritti connessi (quelli derivanti dallo sfruttamento dell'opera musicale per le emissioni radiofoniche, televisive e in streaming): l'Associazione fonografici italiani (Afi) ha annunciato che denuncerà la Rai per truffa aggravata, per non averli pagati. Interviene anche Beppe Vessicchio, che racconta di essere stato "boicottato" dall'ufficio scritture Rai in seguito alla sua denuncia.