News

Dopo il taglio dei tg regionali Rai, il direttore Casarin scarica la colpa su Striscia la notizia (pure senza citarla)

Dopo il taglio dei tg regionali Rai, il direttore Casarin scarica la colpa su Striscia la notizia (pure senza citarla)

Dopo il taglio dei tg regionali Rai, il direttore Casarin scarica la colpa su Striscia la notizia (pure senza citarla)

Dopo la decisione dell’ad Rai Carlo Fuortes di chiudere le edizioni notturne dei Tg regionali, martedì 30 novembre e mercoledì 1° dicembre in tutte le edizioni del Tgr (e pure in sloveno e tedesco) è stato letto un comunicato in cui il direttore Alessandro Casarin difende la sua testata e incolpa Striscia la notizia dei tagli.
«La Tgr nelle ultime settimane è stata al centro di attacchi da parte di una rete televisiva concorrente e descritta come una testata in cui regnano gli sprechi e la poca professionalità. Nulla di tutto ciò è vero», dice la nota, in cui però si evita volutamente di citare Striscia la notizia. Una bizzarra omissione per chi della completezza dell’informazione dovrebbe farsi paladino.

Pinuccio però ci tiene a ribadire che non ha mai parlato di poca professionalità. «Noi di Rai Scoglio 24, braccio armato di Fuortes per i tagli, abbiamo detto che l’edizione notturna dei Tgr è spesso uguale a quella delle 19:30 e che costa 6 milioni di euro l’anno», commenta l’inviato di Striscia in onda dalla sede Rai di Corso Sempione di Milano. A oggi sono più di 20 le cause della tv pubblica contro Striscia, tutte vinte dal tg satirico. Sono anni che alcuni giornalisti Rai vorrebbero mettere il bavaglio e censurare la voce critica di Striscia, non sopportando le denunce di inefficienze e sprechi ai danni dei contribuenti. Un atteggiamento intimidatorio certamente non ammissibile da un servizio che dovrebbe essere pubblico.

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Pinuccio e Rai Scoglio 24 esprimono il loro sostegno a Dania Mondini, conduttrice del Tg1 e vittima di stalking a Viale Mazzini. Il nostro collega si chiede come mai l'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, sempre molto combattivo quando si tratta di tagli di tg regionali, non si sia fatto sentire altrettanto vigorosamente sul caso di Mondini, costretta a una coabitazione punitiva con un collega con problemi di flatulenze & affini

I misteri di Saxa Rubra, gli sprechi Rai non finiscono mai

I misteri di Saxa Rubra, gli sprechi Rai non finiscono mai

A Rai Scoglio 24 Pinuccio raccoglie la testimonianza di un dipendente della tv di Stato andato da poco in pensione che a Pinuccio svela alcune stranezze che accadono nel centro di produzione Rai di Saxa Rubra. Dalle auto aziendali utilizzate per scopi privati ai dipendenti che continuano a percepire le maggiorazioni di stipendio per i turni notturni che in realtà sono coperti da esterni: i misteri senza risposta di Saxa Rubra