News

Max Laudadio torna sui retroscena dell’organizzazione dei concerti in Italia

Max Laudadio torna sui retroscena dell’organizzazione dei concerti in Italia

Max Laudadio torna sui retroscena dell’organizzazione dei concerti in Italia

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Max Laudadio torna a parlare dell’organizzazione dei concerti live in Italia e delle principali società che li organizzano: Friends & Partners Group di Ferdinando Salzano, Vivo Concerti (dove lavora la moglie di Salzano, ndr), Vertigo e Di and Gi, controllate da CTS Eventim. Inoltre, tutte mettono in vendita i biglietti dei concerti tramite TicketOne.

 

Nel servizio viene riportata una conversazione telefonica tra tre promoter di concerti. Uno di loro dice: «La loro posizione è predominante nei nostri confronti. In realtà non abbiamo nessun potere contrattuale. L’associazione di categoria non è mai riuscita a equilibrare queste sorti e… Siamo schiavi». E il secondo dei tre: «Non bisogna rimanere lì fermi. Ogni volta che alzano l’asticella non l’abbassano più. Ogni volta ti prendono qualcosa di più e ti pagano quando vogliono». Il primo promoter riprende parola: «Il problema è questo: non ti pagano». E aggiunge: «Ci trattano di merda».

A questo punto interviene il terzo interlocutore, che chiede: «Tu che palasport hai?». Il primo risponde: «Ho il ***** palazzetto d’Italia. Qui fanno triple date con tutti i concerti». E il terzo: «Senza di te non fanno il Sud in sostanza».

Quindi il secondo domanda: «E tu con chi parli?». Il primo risponde: «Parlo con ******e Ferdinando il monello. Mi avveleno il fegato perché loro ti impongono e tu devi accettare».

 

Laudadio spiega: «Questa telefonata sembrerebbe confermare tutte le accuse mosse da Agcom contro Salzano&Co, a questo punto vi domanderete perché questi imprenditori non denunciano pubblicamente?».

«Bisognerebbe che il pubblico lo sapesse che c’è questa volontà di farlo sapere», dice il terzo interlocutore. E il secondo: «Anche per una questione etica. Dobbiamo tirare fuori la voce». Ma il primo interviene: «Ci tagliano fuori ed è finita».

In attesa di conoscere i nuovi risvolti nella puntata di questa sera, ecco l’ultima parte dell’inchiesta andata in onda.
 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Sanremo, i possibili organizzatori non Rai ancora senza risposta

Sanremo, i possibili organizzatori non Rai ancora senza risposta

Pinuccio di Rai Scoglio24 torna a parlare della convenzione in scadenza a dicembre tra Rai e Comune di Sanremo per l'organizzazione del Festival della canzone italiana. A febbraio sono state presentate due proposte per accedere all'eventuale bando, ma tutto tace. Amadeus dà per scontato che il Festival continuerà a essere della Rai. E così le due società interessate hanno scritto al Comune di Sanremo. Avranno una risposta?

Via libera alla multa alla Rai per la pubblicità occulta a Sanremo

Via libera alla multa alla Rai per la pubblicità occulta a Sanremo

Pinuccio è davanti alla sede dell'Agcom nel giorno in cui l'agenza decide che multerà la Rai per un importo che potrebbe arrivare fino a 250.000 euro. Multa che tanto pagheremo noi contribuenti con i soldi del canone. Nello specifico, l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha deciso di sanzionare Rai1 per 12 episodi di pubblicità non segnalata e per l'utilizzo di Instagram in occasione della scorsa edizione del Festival della canzone italiana.

I dubbi di Pinuccio su Sanremo finiscono in Parlamento

I dubbi di Pinuccio su Sanremo finiscono in Parlamento

L'inviato di "Rai Scoglio 24" torna a occuparsi delle polemiche post Sanremo, sul contratto (c'è o non c'è? Chi l'ha visto?) tra Chiara Ferragni e la Rai, sull'utilizzo delle immagini del backstage del Festivale e sulla possibile pubblicità occulta a Instagram da parte di Amadeus. Il senatore Maurizio Gasparri alle telecamere di Striscia dice di aver presentato un'interrogazione al Ministro delle Imprese e del Made in Italy per avere chiarimenti. Che succederà?

Un'altra offerta non Rai per organizzare il Festival di Sanremo

Un'altra offerta non Rai per organizzare il Festival di Sanremo

Pinuccio di Rai Scoglio 24 torna a occuparsi del festival della canzone italiana per lanciare la notizia di una seconda offerta per il Festival: l'ipotesi bando da parte del Comune diventa sempre più probabile. Arriva da StaGe!, coordinamento nazionale delle imprese, lavoratori, artisti, musicisti, tecnici ed operatori del settore spettacolo indipendente. Intanto, un sondaggio del sito Money.it conferma: il 67% dei votanti è favorevole a togliere il Festival di Sanremo alla Rai.