News

Max Laudadio torna sui retroscena dell’organizzazione dei concerti in Italia

Max Laudadio torna sui retroscena dell’organizzazione dei concerti in Italia

Max Laudadio torna sui retroscena dell’organizzazione dei concerti in Italia

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Max Laudadio torna a parlare dell’organizzazione dei concerti live in Italia e delle principali società che li organizzano: Friends & Partners Group di Ferdinando Salzano, Vivo Concerti (dove lavora la moglie di Salzano, ndr), Vertigo e Di and Gi, controllate da CTS Eventim. Inoltre, tutte mettono in vendita i biglietti dei concerti tramite TicketOne.

 

Nel servizio viene riportata una conversazione telefonica tra tre promoter di concerti. Uno di loro dice: «La loro posizione è predominante nei nostri confronti. In realtà non abbiamo nessun potere contrattuale. L’associazione di categoria non è mai riuscita a equilibrare queste sorti e… Siamo schiavi». E il secondo dei tre: «Non bisogna rimanere lì fermi. Ogni volta che alzano l’asticella non l’abbassano più. Ogni volta ti prendono qualcosa di più e ti pagano quando vogliono». Il primo promoter riprende parola: «Il problema è questo: non ti pagano». E aggiunge: «Ci trattano di merda».

A questo punto interviene il terzo interlocutore, che chiede: «Tu che palasport hai?». Il primo risponde: «Ho il ***** palazzetto d’Italia. Qui fanno triple date con tutti i concerti». E il terzo: «Senza di te non fanno il Sud in sostanza».

Quindi il secondo domanda: «E tu con chi parli?». Il primo risponde: «Parlo con ******e Ferdinando il monello. Mi avveleno il fegato perché loro ti impongono e tu devi accettare».

 

Laudadio spiega: «Questa telefonata sembrerebbe confermare tutte le accuse mosse da Agcom contro Salzano&Co, a questo punto vi domanderete perché questi imprenditori non denunciano pubblicamente?».

«Bisognerebbe che il pubblico lo sapesse che c’è questa volontà di farlo sapere», dice il terzo interlocutore. E il secondo: «Anche per una questione etica. Dobbiamo tirare fuori la voce». Ma il primo interviene: «Ci tagliano fuori ed è finita».

In attesa di conoscere i nuovi risvolti nella puntata di questa sera, ecco l’ultima parte dell’inchiesta andata in onda.
 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Continua l'inchiesta di Pinuccio sul Festival di Sanremo e sulla possibilità di assegnare la kermesse musicale - di proprietà del Comune di Sanremo - tramite un bando aperto, come si evince da una recente sentenza del Tar. Questo vuol dire che il Festival potrebbe non essere più un'esclusiva Rai, ma potrebbe essere organizzato e trasmesso da qualsiasi emittente nazionale in chiaro. Dopo AudioCoop, Afi e Siedas, anche Fimi (Federazione industria musicale italiana) ha deciso di aderire ...

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

Al Tg1 la pubblicità occulta continua a imperversare e, da qualche giorno, l'oggetto delle "attenzioni" della testata diretta da Monica Maggioni è la famosa nave da crociera che, guarda caso, è sponsor del Festival di Sanremo. Nessuno la nomina, eppure Pinuccio e "Rai Scoglio 24" fanno notare come in diversi servizi dell'inviato Rai Leonardo Metalli non si perda occasione per celebrare la sontuosità della nave, inquadrandola ripetutamente