News

Pinuccio e gli incendi di rifiuti che affliggono la campagna pugliese

Pinuccio e gli incendi di rifiuti che affliggono la campagna pugliese

Pinuccio e gli incendi di rifiuti che affliggono la campagna pugliese

Striscia la notizia da anni denuncia il grande disastro ambientale che si consuma nella “Terra dei fuochi” ed è stata la prima trasmissione nazionale a portare alla luce il problema.

Una catastrofe che, però, non affligge solo la Campania: questa sera (Canale 5, ore 20.35) Pinuccio accende i riflettori su altri incendi di rifiuti che si sviluppano in alcune province della Puglia.

Dopo aver documentato, nel precedente servizio, gli episodi di Bari, l’inviato si sposta a Cerignola e in diversi comuni del foggiano, dove purtroppo la situazione non cambia: i cumuli di immondizia sono estesi per vaste aree della campagna, che di notte si illumina per via degli incendi appiccati.

L’impatto ambientale di questi atti criminali è ancora incalcolabile se si considera che ogni genere di rifiuto viene bruciato a pochi metri da terreni coltivati. «C’è sicuramente un’organizzazione dietro – racconta Pinuccio –, perché i rifiuti sono divisi come se fosse stata fatta la raccolta differenziata, prima di essere abbandonati».

L’inviato di Striscia chiede a Giuseppe Capano, presidente del comitato che ha lo scopo di tutelare l’ambiente della Valle del Carapelle, se le autorità competenti sono a conoscenza della situazione. Lui risponde: «La situazione è critica, c’è un po’ di tutto. La nostra provincia è la nuova “Terra dei fuochi” ed è frutto della criminalità organizzata. La cosa che ci fa più paura è il silenzio delle istituzioni. In un incontro recente con il ministro Costa abbiamo evidenziato il problema: è rimasto esterrefatto, non sapeva assolutamente nulla».

Ed è proprio al ministro dell’Ambiente Sergio Costa che Pinuccio, in chiusura di servizio, lancia un appello: «Se vuole veniamo noi da lei, abbiamo tutti i luoghi: la Puglia è la nuova “Terra dei fuochi”».

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la "Casa dei ...

Continua l'inchiesta di Pinuccio sulle raccolte fondi lanciate dalla Lega Braccianti di Aboubakar Soumahoro. Il nostro inviato si concentra questa volta su quelle organizzate dall'ex deputato direttamente dal suo account Facebook. Alcuni dovrebbero essere stati utilizzati per la costruzione della "Casa dei diritti" del ghetto di Rignano, inaugurata a gennaio 2022 alla presenza del conduttore Flavio Insinna. Immobile che però da gennaio a oggi è rimasto chiuso

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Pinuccio indaga sulle raccolte fondi lanciate online dalla Lega Braccianti di Soumahoro con lo scopo dichiarato di aiutare chi vive nei ghetti. Sulla piattaforma di raccolta fondi GoFundMe si trovano tre campagne dell'associazione di Sumahoro: una per l'acquisto di cibo durante la pandemia, una per i regali di Natale ai bambini del Ghetto (dove non ci sono bambini) e la terza per organizzare uno sciopero. In tutto, sono stati raccolti così 280.000 euro. Peccato che i conti non tornino

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...