News

Pinuccio fa le pulci al dossier di Soumahoro, parte 2

Pinuccio fa le pulci al dossier di Soumahoro, parte 2

Pinuccio fa le pulci al dossier di Soumahoro, parte 2

Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Pinuccio torna a occuparsi delle bugie dell’ex sindacalista Aboubakar Soumahoro, e – a partire da stasera – dedicherà diverse puntate a fare debunking – documenti alla mano – al corposo dossier difensivo in cui l’onorevole ha provato a rispondere ai tanti dubbi sollevati dal tg satirico riguardo al suo operato con la Lega Braccianti.

1. Soumahoro sostiene di essere stato accusato solo perché nero. Peccato che, ricorda Pinuccio, a raccontare le sue malefatte al tg satirico siano state tre persone nere quanto lui, ovvero gli ex soci Soumaila Sambare  e Mamadou Balde e l’amico storico, il sindacalista Yacouba Saganogo.

2. La salma sbagliata. Pinuccio aveva denunciato una doppia raccolta fondi, avvenuta nel 2021, per la spedizione della stessa salma da Bari al Mali: quella del bracciante Oumar F. Peccato che nella sua difesa Aboubakar neghi che il cadavere sia stato spedito due volte e che siano stati raccolti i soldi due volte, ma sbaglia salma:scrive che si tratta di quella di Soumaila S., bracciante assassinato nella Piana di Gioia Tauro e rimpatriato in Mali nel 2018, tre anni prima.

3. Soumahoro poi ritratta goffamente anche chi fossero i destinatari della raccolta fondi del Natale 2021: serviva a comprare regali – scrive nel dossier – per i bambini che non vivono nel ghetto di Torretta Antonacci, ma che sono spesso ospiti nelle case di altre famiglie. Questo dopo che Don Pupilla aveva testimoniato che nel ghetto non ci sono bambini. Ma in un video girato proprio in occasione della raccolta fondi si sente forte e chiaro il leader di Lega Braccianti dichiarare che le donazioni servivano a comprare regali per i bambini del ghetto. Inoltre, non ci sono prove che abbia consegnato doni per 16mila euro: non uno scontrino o altro.

Continua nella prossima puntata…

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Aboubakar Soumahoro è un personaggio costruito a tavolino da alcuni maitre à penser della sinistra, in particolare dall'ex direttore dell'Espresso Marco Damilano e dal conduttore di Propaganda Live Diego Bianchi, noto come Zoro. Lo hanno detto in molti dopo lo scandalo che ha investito l'ex sindacalista e la sua famiglia. Striscia ora mostra in esclusiva un video girato al Festival del giornalismo di Perugia il 7 aprile 2019 in cui sono loro stessi ad ammetterlo

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: il parere degli italiani

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: ...

Gli onorevoli Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli - rispettivamente leader di Sinistra Italiana e dei Verdi - devono dimettersi dopo l'affaire Soumahoro, per non aver ascoltato i molti avvertimenti di chi aveva più di qualche perplessità sull'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. È questo il parere dei telespettatori di Striscia la notizia: favorevoli alle dimissioni il 97% di chi ha detto la sua sul sito

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni e Bonelli

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni ...

Prima che Verdi e Sinistra Italiana candidassero Aboubakar Soumahoro, qualcuno aveva avvertito Fratoianni e Bonelli su alcune ambiguità nell'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. Si tratta dell'ex senatrice 5 Stelle Elena Fattori, dei due esponenti pugliesi di Sinistra Italiana Marco Barbieri e Mario Nobile e Don Andrea Pupilla e del responsabile della Caritas di San Severo. Ecco la ricostruzione completa dei fatti