News

Tampon tax, Iva tagliata al 5% per assorbenti e tamponi, ma solo se bio

Tampon tax, Iva tagliata al 5% per assorbenti e tamponi, ma solo se bio

Tampon tax, Iva tagliata al 5% per assorbenti e tamponi, ma solo se bio

La Tampon Tax è stata finalmente approvata, anche se per adesso il taglio dell’Iva sugli assorbenti dal 22% al 5% riguarda solo quelli biodegradabili e compostabili.

Lo ha annunciato oggi su Twitter il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, che ha scritto: «Un primo segnale di attenzione per milioni di ragazze e donne nel decreto fiscale su cui abbiamo lavorato con le deputate di maggioranza di Intergruppodonne».
 
La battaglia, di cui Striscia si era fatta portavoce ormai da anni, è stata portata avanti in Parlamento da Laura Boldrini, prima firmataria dell’emendamento bipartisan al dl fisco sottoscritto da 32 deputate che chiedevano l’abbassamento dell’Iva su una serie di prodotti fra cui gli assorbenti.


Va sottolineato che il provvedimento approvato non riguarda tutte le tipologie, ma solo quelli biodegradabili e compostabili (che costano comunque più cari di quelli comunemente in mercato).

Boldrini ha definito l’abbassamento dell’Iva «una prima risposta al problema posto con determinazione dall’intergruppo delle deputate in merito all’abbassamento dell’Iva sui prodotti sanitari e igienici femminili».

Una semi-vittoria che arriva dopo anni di battaglie e dopo l’ennesima bocciatura che era arrivata lo scorso 12 novembre, quando l’emendamento era stato dichiarato inammissibile prima di essere poi riammesso due giorni dopo.

L’emendamento approvato, però, non è quello della deputata PD bensì quello proposto dalla collega 5 Stelle Vita Matrinciglio.

Il taglio sarà così applicabile solo per dei prodotti specifici, cioè quelli che dovranno decomporsi in breve periodo – sei mesi per i bio e tre mesi per i compostabili.
Sui social c’è chi non si accontenta e anzi, fa notare come si tratti solo di un contentino e di un provvedimento che agevolerebbe solo certi marchi difficili da trovare.

Per il viceministro dell’Economia Laura Castelli però «si tratta di un grande risultato, cui abbiamo lavorato intensamente con il Parlamento in questi anni. Un segnale di civiltà, con una visione green. Sono molto contenta».

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?