News

Tre poeti per una strofa “puzzle”. Le amnesie di Claudio Baglioni continuano, non solo nelle canzoni, anche nelle interviste: la dichiarazione di Antonio Ricci

Tre poeti per una strofa “puzzle”. Le amnesie di Claudio Baglioni continuano, non solo nelle canzoni, anche nelle interviste: la dichiarazione di Antonio Ricci

Tre poeti per una strofa “puzzle”. Le amnesie di Claudio Baglioni continuano, non solo nelle canzoni, anche nelle interviste: la dichiarazione di Antonio Ricci

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Antonio Casanova torna a occuparsi dei poeti e degli scrittori che hanno collaborato – a loro insaputa – ai testi di Claudio Baglioni e delle amnesie del celebre “cantautore” nei confronti delle proprie fonti.

L’inviato di Striscia mostra una clamorosa “costruzione ingegneristica” di Baglioni, che avrebbe preso tre versi di tre autori diversi (Salvatore Quasimodo, Marguerite Yourcenar e Alfred Tennyson) mettendoli uno in fila all’altro per comporre addirittura un’intera strofa di una sua canzone.

• Quasimodo: «Ma come è sempre tardi per amare»
• Yourcenar: «L’amore è un castigo. Veniamo puniti per non essere riusciti a rimanere soli»
• Tennyson: «È meglio aver amato e perso, che non aver amato mai»

Tre tessere di un puzzle che in «Mai più come te» di Baglioni sono diventate un’unica costruzione: «E com’è sempre tardi per amare, l’amore è la pena da scontare per non volere stare soli e meglio è amare e perdere che vincere e non amare mai». E non è neppure un’operazione che avrebbe richiesto letture raffinate visto che l’ultimo verso, quello di Tennyson “rielaborato”, era addirittura apparso in un Bacio Perugina.

Altro che possibili «echi di frasi che mi hanno colpito», come ha sostenuto il “cantautore” romano nell’intervista concessa ad Aldo Cazzullo del Corriere della Sera una settimana fa. Qui siamo di fronte ad uno smaccato “triplete” (di autoreti). Secondo un calcolo aggiornato di Striscia i passaggi “citati” sarebbero oltre un centinaio. Un tempo era più difficile individuare i “prestiti”, ma con Internet è immediato ed è impossibile farla franca.

Sempre nell’intervista al Corriere, Claudio Baglioni ha detto, a proposito della querelle che lo contrappone ad Antonio Ricci: «È un duello decennale con un solo duellante, lui». L’ennesima amnesia. L’autore di «Questo piccolo grande amore» dimentica di aver chiesto e ottenuto il sequestro di «Tutti poeti con Claudio», libro che svela solo una parte dei tanti scrittori dai quali avrebbe preso in prestito frasi inserendole nelle sue canzoni senza citarli.

In attesa che Antonio Ricci e gli altri imputati nella causa per diffamazione possano far valere le proprie ragioni in Tribunale nel gennaio del 2025, ricordiamo che Claudio Baglioni già in passato aveva denunciato il papà del tg satirico per ben due volte, ma sempre senza successo, poiché è sempre stato accertato il corretto esercizio del diritto di satira da parte di Striscia la notizia.

Dice Antonio Ricci: «Baglioni può scatenare contro di noi tutti i suoi uffici stampa, le sue tifoserie, le cricche di amichetti, ma non riuscirà a giustificare una concezione predatoria della cultura che io aborro. Il saccheggio può anche essere una forma di arte, ma non in un modo così sfacciato. Grazie a De André che citava le fonti, io e quelli della mia generazione abbiamo potuto conoscere ed apprezzare Brassens, Cohen, Lee Masters, Villon, Kavafis, Mutis. Faccio un esempio: se Baglioni avesse dichiarato che la canzone «Il Pivot» era fortemente “ispirata” a Dennis Trudell, molti avrebbero potuto interessarsi al poeta americano da noi praticamente sconosciuto.
Fare cultura è condividere, discutere, i libri si criticano, non si fanno sequestrare con azioni intimidatorie e proterve. Non stupiamoci se poi l’Italia perde posti nella classifica mondiale della libertà di stampa. Pretendere di censurare la satira è un atto ignobile e che venga fatto da un personaggio che si definisce “democratico” è un altro dei paradossi di questo nostro Paese: tutto quello che è scritto nel libro è vero e verificato. Un consiglio al Passerotto: ammetti e fatti una bella risata. I tuoi fan ti amerebbero ancora di più».

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
17 maggio 2024

17 maggio 2024

Strixfactor, la passione e il talento per la musica - Ignazio La Russa, un uomo democraticamente bello - Griffe tarocche, Trombetta mette in guardia dalle trappole - Capraia, uno degli allevamenti ittici più avanzati del Mediterraneo - Napoli, il mistero dei sacchetti con le gambe... - Che satira tira? Fassino testimonial di Pier'Or Mariuòl - Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P - Highlander Dj, «Qui non siamo nel west, dillo tu a Bruno Vesp» - Tumori, le tante bugi...

16 maggio 2024

16 maggio 2024

StrixFactor, il regno del talento a ritmo di musica - Il Vespone, le europee e la tomba di Berlinguer danneggiata - Crisi idrica, "per fortuna" colpisce solo il Sud! - Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere - Progetto musica e legalità. Beneficenza senza trasparenza - Valeria Marini, alla sua festa di compleanno tutti in rosso - A Striscia il cartellone i bisogni si fanno all'aria aperta - Zia Elly: «Non stavo così male da quando hanno aperto Zara a Saint M...

13 maggio 2024

13 maggio 2024

Strixfactor, due nuovi protagonisti - Il segreto per vincere (le elezioni)? Una botta di c**o - Naja obbligatoria: chi è d'accordo e chi è contrario? - Favino e quella macchinina rubata (e poi comprata) da ragazzino - Anche a Viareggio si fanno affari con oro e pellicce - «Come fanno all'Isola a fare la pupù senza carta igienica?» - Lady botox, l'operatrice estetica abusiva - Il piccolo grande Baglioni prende in prestito i versi - La sedicente guaritrice di tumori: «Squaglia era strafatta...

11 maggio 2024

11 maggio 2024

Strixfactor, nuovi giovani talenti - Grado, qui il piatto antispreco è La serra nel piatto - Striscia la magia, metamorfosi in un baule trasparente - Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro Whumang? - Roma. In via Tuscolana, la pista ciclabile è dei motociclisti - Otranto, un paesaggio fantascientifico nel laghetto di bauxite - Alle elezioni europee votate chi non fa niente - Call center, alcune app anti spam ci registrano - Taranto. Diga Pappadai: uno degli sprechi più grandi (non so...

9 maggio 2024

9 maggio 2024

StrixFactor, è tempo di musica e di imitazioni - I Partiti italiani, tra problemi con la legge ed elezioni europee - Truffe online: cercasi amica per la sorella - Imposta di successione, Valeria Marini svela ciò che lascerà ai suoi eredi - Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza - Striscia il cartellone, «sei l'altra metà della mela... quella col verme!» - Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli - FrixMix visti da voi, tra coniglietti e grandine in studio - Mi...