News

Aggressione a Stefania Petyx, sorveglianza speciale per l’uomo che l’ha spintonata

Aggressione a Stefania Petyx, sorveglianza speciale per l’uomo che l’ha spintonata

Aggressione a Stefania Petyx, sorveglianza speciale per l’uomo che l’ha spintonata

Ricordate l’aggressione a Stefania Petyx dello scorso anno? Parliamo di quella avvenuta in occasione di un servizio sull’occupazione abusiva di un immobile da parte di una famiglia a Palermo?

A distanza di dodici mesi dall’episodio, finito al vaglio degli inquirenti, la Polizia ha sottoposto a sorveglianza speciale l’uomo che lo scorso 10 ottobre aveva spintonato la nostra inviata facendola rotolare giù per le scale dell’abitazione.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale su proposta del questore di Palermo.

L’inviata di Striscia la notizia e la sua troupe si trovavano nel capoluogo siciliano per registrare un servizio su un immobile occupato da abusivi in via Giuseppe Savagnone.

«Poco dopo essere entrati nella struttura – raccontava dall’ospedale Petyx – siamo stati raggiunti da calci e pugni». Inoltre, precisa l’inviata, «sono stata spintonata giù dalla tromba delle scale».

Gli abusivi si sono avventati anche sulle telecamere e sui microfoni, andati distrutti. Nonostante l’intervento delle forze dell’ordine, alcuni degli aggressori hanno continuato a inseguire un nostro operatore. Stefania Petyx è stata successivamente trasportata in ambulanza all’ospedale, dove i sanitari avevano diagnosticato delle lesioni guaribili in più di venti giorni.
 
Qui il servizio che mostra l’aggressione subita.

Una settimana dopo, il 17 ottobre, poliziotti, carabinieri, finanzieri, vigili del fuoco e sanitari del 118, sono intervenuti per sgomberare l’edificio protagonista del servizio.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla